Svantaggi dell’Avena

Svantaggi dell’Avena

Come succede con qualsiasi prodotto che in un modo o nell’altro entra dentro l’organismo, l’avena non fa eccezione alla possibilità di provocare qualche effetto collaterale, per cui prima di cominciare un consumo sostenuto è fortemente consigliabile informarsi bene sui suoi possibili inconvenienti.

Che danni può provocare l’avena?

Sebbene l’avena sia un cereale il cui consumo è esteso globalmente e le pubblicazioni scientifiche e divulgative vertono su di essa con ogni tipo di elogio, non dobbiamo abbassare la guardia e conviene adottare le giuste cautele, visto che alcune opinioni nel mondo della nutrizione biologica avvertono circa alcune considerazioni da tenere in conto sull’avena.

Perchè provoca gonfiore nello stomaco?

Sebbene non sia comune in adulti sani, l’avena può dare origine ad un certo gonfiore gastrico. Anche se questo effetto può essere causato semplicemente da un improvviso cambiamento nella dieta, passando dal mangiare poca fibra a mangiarne molta, senza una fase di transizione. In questo caso, è normale che il gonfiore sia accompagnato da un certo dolore sotto forma di crampi e flatulenza.

Quando si verifica questo problema, ciò che dovrebbe essere fatto è ridurre la quantità di avena consumata e gradualmente iniziare un aumento fino a raggiungere la dose desiderata in base all’obiettivo prefissato.

In questo modo, la flora batterica intestinale assimila gradualmente la nuova composizione di nutrienti che entrano nella dieta e si raggiungerà una situazione di equilibrio.

Ma tra le cause del gonfiore di stomaco non c’è solo il mancato adattamento alla fibra in eccesso. A volte succede a causa di intolleranza alle prolamine, alle proteine ​​dell’avena, o semplicemente è l’effetto di una malattia cronica di dispepsia (cattiva digestione).

Tra i suggerimenti per prevenire questo improbabile effetto collaterale, vi è il consumo di avena macinata finemente e mescolata con fermenti o enzimi digestivi. Un altro è, nel caso in cui il prodotto preferito siano i fiocchi d’avena, metterli in acqua la sera prima per tamponare l’acidità dei cereali e migliorare gli enzimi, cercando così una digestione più leggera.

Gonfiore di stomaco come conseguenza dell'avena

Accumulo di gas causato dal consumo di avena

La fibra si comporta come un benefattore del processo di digestione, ma questa, realmente, non è digerita. Finisce, dopo il transito attraverso lo stomaco e l’intestino tenue, nella porzione dell’intestino crasso, il colon, i cui batteri (principalmente specie dei generi Bacteroides e Bifidobacterium) la decompongono. Come risultato si generano una serie di gas: anidride carbonica e idrogeno sempre, e talvolta anche metano e zolfo. Quello che succede è che quando questi gas vengono trattenuti, si sente un gonfiore causato dal loro accumulo. In questa situazione, è molto comune avvertire dolore addominale causato dalla pressione esercitata dalla massa gassosa sulle pareti dello stomaco e dell’intestino.

In relazione a questo processo, l’avena, che ha un alto contenuto di fibre solubili e insolubili, può causare accumulo di gas se consumata in eccesso. Infatti, gli alimenti ricchi di fibre solubili, come la farina d’avena, generano più gas rispetto a quelli la cui composizione è prevalentemente insolubile, come la semola di grano o il riso integrale.

Ma ci sono dei modi per evitare che l’avena provochi gas:

  • Un molto efficace è quello di integrare l’avena gradualmente nell’alimentazione aumentando passo passo l’assunzione da 55 grammi di fibre alimentari agli 85 in una decina di giorni, osservando così la risposta dell’organismo.
  • Un altro può essere quello di inzuppare l’avena per denaturare un po ‘le proteine ​​più complicate da digerire e associarla con l’assunzione di prodotti con enzimi digestivi che possono essere acquistati in negozi specializzati.
  • E un terzo consiste, se si vede che la produzione di gas è inevitabile, nel prendere un preparato a base di simeticone, che è venduto senza ricetta medica e agisce fondendo le bolle di gas formatesi, minimizzando il problema della flatulenza.

Chi non deve consumare Avena?

Diabetici

Questo tipo di pazienti, i diabetici, dovrebbero prendere precauzioni nel momento di mangiare avena a causa della sua alta concentrazione di carboidrati, sebbene questi siano a basso indice glicemico. In ogni caso, sono obbligati ad avere un approccio molto accurato sull’assunzione di carboidrati nell’arco della giornata, cercando la possibilità di inserire l’avena nella dieta per evitare complicazioni.

Anemici

L’anemia sideropenica, che è quella causata dalla carenza di ferro, è un serio ostacolo per il consumo di avena nella forma con crusca, in quanto questo alimento esercita un impedimento al completo assorbimento del ferro del tratto intestinale al flusso sanguigneo.

Celiaci

Si ritiene che le persone con celiachia o intolleranza al glutine abbiano il divieto di consumare avena in una qualsiasi delle sue presentazioni. L’avena in sé, geneticamente, manca di questa frazione proteica così critica, ma bisogna tenere conto del fatto che nella catena di lavorazione è estremamente complicato che non entri in contatto con i resti di altri cereali. Principalmente per questo motivo, è molto difficile garantire che non sia presente nessuna traccia di glutine. Non va dimenticato che ci sono persone intolleranti che reagiscono negativamente anche con l’assunzione di un milligrammo di questa sostanza.

Tuttavia, vi sono produttori che stabiliscono uno stretto controllo della tracciabilità dall’origine alla vendita che li autorizza ad etichettare l’avena come senza glutine; tranne che in queste circostanze, un intollerante deve evitare il consumo di avena.

Il problema della contaminazione incrociata con altri cereali richiede, affinchè sia evitato, un protocollo standardizzato di misure di controllo dell’intero processo di trattamento tecnologico, per il quale molte aziende non sono sufficientemente preparate.

Malati intestinali

In questo capitolo si fa riferimento alle persone affette da enterocolite, morbo di Crohn o diverticolite, tra le altre patologie. Questi soggetti devono evitare di consumare, in particolare, la crusca d’avena, un alimento suscettibile di aggravare il loro quadro clinico.

D’altra parte, indipendentemente da ciò che sono i processi cronici, essere colpiti da un episodio di diarrea o gastroenterite richiede la rimozione dell’avena dalla dieta fino a quando non si sia superato lo stesso.

Allergia all'avena

Allergici all’avena

L’allergia all’avena consiste in una reazione anomala del sistema immunitario nell’innescare una risposta alle proteine dell’avena come se fossero antigeni e, di conseguenza, sostanze in grado di provocare un’infezione nell’organismo. Lo fa mettendo in moto i macchinari di produzione degli anticorpi specifici per le allergie, le immunoglobuline di tipo E e l’istamine. Queste sostanze vengono rilasciate in grandi quantità nel sangue, portando con sé una sintomatologia che normalmente si circoscrive al sistema digestivo con irritazione della mucosa, dolore e gonfiore.

L’intensità di queste reazioni allergiche contro l’avena può variare da lieve a grave passando per moderata, in modo che il suo consumo possa diventare un serio problema di salute nelle persone ipersensibili.

Intolleranti alle proteine dell’avena

È una situazione di natura diversa dalla precedente, sebbene possano sembrare uguali. L’intolleranza all’avena rappresenta un’incapacità del sistema digestivo di assimilare e decomporre le proteine che l’avena contiene. A differenza di quanto avviene in una reazione allergica, qui il quadro clinico, pur essendo molto simile, non deriva da una reazione immunitaria ma dalla mancanza genetica del pacchetto di enzimi specifici per degradare queste proteine.

Link correlati con la tematica:

Valutazione Svantaggi dell'Avena

Gonfiore di Stomaco - 100%

Flatulenze - 95%

Chi non la deve consumare - 100%

Efficacia - 100%

99%

Valutazione HSN: 5 /5
Content Protection by DMCA.com
Su Carlos Sánchez
Carlos Sánchez
Carlos Sánchez è un appassionato della nutrizione e dello sport. Diplomato in Nutrizione Umana e Dietetica, cerca sempre di dare un senso pratico ed applicabile alle diverse teorie.
Vedi Anche
Fruttosio
Fruttosio: Cos’è, A Cosa Serve, Come Assumerlo

“Il fruttosio è lo zucchero della frutta”. Se lo chiedi a qualcuno sicuramente ti risponderà …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *