Dieta Buddista: quali sono i suoi Benefici e Limiti?

Dieta Buddista: quali sono i suoi Benefici e Limiti?

Oggi analizziamo la dieta buddista insieme al loro stile di vita nel tentativo di portare il bene dei loro costumi in Occidente e, perché no, evidenziare gli svantaggi del loro stile di vita.

I buddisti ci piacciono. Quel bell’aspetto e un sorriso stampato sul viso 24/7 fanno sì che li troviamo simpatici.

Se esiste una tradizione religiosa con cui potrei identificarmi, questa è il buddismo.

Cenni Storici

Il buddismo è stato fondato nel V secolo a.C. da qualche parte nell’India orientale.

Il suo fondatore, Siddhartha Gautama, divenne il Buddha (l’illuminato), che sarebbe stato seguito in seguito da centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo per eliminare la sofferenza delle loro vite.

Buddha

Stile di Vita

Lo stile di vita buddista è delineato da diversi precetti etici.

La differenza tra un precetto e un mandato è che il secondo è obbligatorio, mentre il primo è consigliato (punto positivo per i nostri amici buddisti).

Questi precetti sono:

  1. Non togliere la vita.
  2. Non prendere ciò che non ti è stato dato (non rubare).
  3. Non avere cattiva condotta sessuale.
  4. Non mentire.
  5. Non ingerire sostanze tossiche che annebbiano la mente.
Bene, ora andiamo alla parte che ci interessa: lo stile di vita. Il primo e l’ultimo precetto condizionano molto la dieta, come vedremo ora.

In cosa consiste la Dieta Buddista?

La dieta buddista è latto-vegetariana.

In altre parole, sono inclusi prodotti lattiero-caseari e derivati ma sono lontani da altri prodotti di origine animale.

Questo persegue il compimento del primo precetto (non toglierai la vita). Sebbene ci siano scuole buddiste che sono più flessibili e mangiano animali fintanto che quando l’animale non è stato macellato esclusivamente per la persona.

È esclusa totalmente l’assunzione di alcol e altre tossine, poiché “annebbiano la mente” e potrebbero portare alla violazione di altri precetti (un altro mini-punto per i nostri amici sorridenti).

In quanto tale, una dieta a base vegetale è una dieta sana purché includa abbastanza proteine e stiamo lontani da carenze di alcuni nutrienti importanti (lo vedremo in seguito).

Alimenti nella Dieta Buddista

Digiuno e Meditazione

Ultimamente tutti parlano di digiuno intermittente, ma i buddisti lo praticano da 2.500 anni senza che nessuno abbia loro spiegato cosa sia l’autofagia.

Non intendono entrare nel bikini o perdere quel 2% di grasso corporeo in eccesso. No, praticano il digiuno per rafforzare l’autocontrollo e la volontà, il che mi sembra abbastanza encomiabile.

Digiunano da mezzogiorno fino all’alba successiva, che oggi costituirebbe un cosiddetto protocollo 18:6, abbastanza impegnativo se non hai fatto una progressione adeguata.

Inoltre, limitano l’assunzione alle ore del sole, qualcosa che alla luce delle recenti prove potrebbe essere utile per mantenere sani i nostri bioritmi.

Meditazione nel buddismo

Altre pratiche

Il buddismo non può essere compreso senza parlare di meditazione, compassione o empatia.

Queste pratiche, così intrinseche alla scuola buddista, hanno anche mostrato alla comunità scientifica che apportano molti benefici per la salute:

  • Maggiore concentrazione
  • Maggiore sensazione soggettiva di benessere
  • Diminuzione dello stress

E tante altre che se vuoi ti racconterò in un altro post.

Cosa mangiano i buddisti

Parliamo ora dei punti negativi e positivi dello stile di vita buddista.

Benefici della Dieta Buddista

Dieta basata sui vegetali

È una dieta sana se considerata bene e ha dimostrato di ridurre l’incidenza di più malattie croniche (comprese le malattie cardiovascolari, il killer numero 1).

L’assunzione di abbondanti polifenoli, antiossidanti, fibre, vitamine e minerali insieme a un apporto energetico non eccessivo lo rendono un’opzione interessante qui in Occidente.

È una dieta che elimina completamente l’alcol. Questo è sempre un punto a favore di qualsiasi orientamento nutrizionale.

Vegetali nella dieta buddista

Digiuno intermittente

Come dicevo, i buddisti sono maestri del digiuno intermittente e trarranno inconsapevolmente vantaggio da tutti i benefici di esso.

È divertente come tutte le tradizioni abbiano incorporato alcune pratiche di digiuno.

Sicuramente la pace mentale (derivante dall’aumento temporaneo della concentrazione dei corpi chetonici) è legato al “avvicinamento a Dio”.

Include altre pratiche non legate alla dieta che sono ugualmente benefiche per la salute, come la meditazione.

Limitazioni della Dieta Buddista

Ma non è tutto così perfetto:

Carenze nutrizionali

È noto che alcune popolazioni vegane o vegetariane hanno livelli più bassi di nutrienti essenziali come vitamina B12, ferro, vitamina D, zinco o omega-3, tutti presenti in buona proporzione negli alimenti e nelle origini animali.

Sì, con una corretta pianificazione (e integrazione) questo può essere corretto, ma questa corretta pianificazione non sempre arriva (1).

Consumo delle proteine

Come ogni dieta vegetariana, senza un’adeguata pianificazione, può essere difficile raggiungere una quantità sufficiente di proteine per prevenire (o trattare) la sarcopenia.

Invecchiare in modo sano comporta il mantenimento di una massa muscolare quantitativamente e qualitativamente sana (2).

Mancanza di esercizio di forza

Quando ci si riferisce al buddismo o allo stile di vita, raramente si parla di esercizio fisico.

Certo, salire le scale verso il monastero può essere interessante, ma includere esercizi di forza tra le varie sessioni di meditazione sarebbe ancora meglio.

Conclusioni

Se siamo intelligenti, possiamo imparare molto dalla comunità buddista e non solo sulla loro dieta.

L’atteggiamento nei confronti della vita, il rispetto per gli altri e, soprattutto, la buona gestione e prevenzione dello stress, sono strumenti di cui in Occidente abbiamo più che mai bisogno.

Ci vediamo nel prossimo post e continuiamo a potenziare!

Bibliografia

  1. Lee Y, Krawinkel M. Body composition and nutrient intake of Buddhist vegetarians. Asia Pac J Clin Nutr. 2009.
  2. Craig WJ. Nutrition concerns and health effects of vegetarian diets. Nutrition in Clinical Practice. 2010.

Voci Correlate

  • Vuoi sapere cosa pensano i medici sul Digiuno Intermittente? Clicca qui.
  • Ti forniamo una serie di linee guida per “morire giovani il più tardi possibile”. Visita questo link.
Valutazione Dieta Buddista

In cosa consiste - 100%

Benefici - 100%

Limitazioni - 100%

Conclusioni - 100%

100%

Valutazione HSN: 5 /5
Content Protection by DMCA.com
Su Borja Bandera
Borja Bandera
Borja Bandera è un giovane medico che si dedica all’area della nutrizione, esercizio e metabolismo, che combina con la sua attività clinica insieme alla sua vocazione divulgativa e di ricerca.
Vedi Anche
La dieta chetogenica per migliorare la funzione renale
Dieta Chetogenica per Migliorare la Funzione Renale

Negli ultimi tempi si sta studiando se la dieta chetogenica sia una buona opzione per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *