Dieta Chetogenica per Migliorare la Funzione Renale

Dieta Chetogenica per Migliorare la Funzione Renale

Negli ultimi tempi si sta studiando se la dieta chetogenica sia una buona opzione per i pazienti con danni renali.

Oggi ti offriamo uno studio molto interessante, non di altissima qualità scientifica, ma comunque interessante.

Questo perché valuta l’effetto di una dieta chetogenica (una dieta cheto un pò particolare, questo sì, come vedremo di seguito) sulla funzione renale in pazienti con lieve compromissione della funzionalità renale.

Medicina e Dieta chetogenica

Nel mondo della Nutrizione e della Medicina, c’è molta diffidenza nei confronti delle diete chetogeniche per il loro presunto effetto deleterio sulla funzione renale.

Questo di solito è giustificato dal suo contenuto relativamente più elevato di proteine.

Anche se, come ho già ribadito molte volte, una dieta chetogenica non avrà sempre un alto contenuto proteico e il più delle volte è una dieta ricca di grassi, moderata o adeguata nelle proteine e limitata nei carboidrati.

Comunità medica

Non sarebbe male ricordare che l’unico e indispensabile punto che caratterizza una dieta chetogenica è un’intensa restrizione di carboidrati, che è precisamente ciò che genera chetogenesi. Ulteriori informazioni.

Lo Studio

Lo studio in questione è il seguente (Bruci et al., 2020) ed è uno studio dal vivo (che può essere positivo o negativo a seconda di ciò che guardiamo), osservativo e prospettico, effettuato su 92 pazienti con obesità.

I pazienti sono stati seguiti per tre mesi.

L’intervento in questione è stato un VLCKD (sigla di Very Low Calorie Ketogenic Diet) sul quale è possibile ottenere informazioni qui.

Pazienti obesi

Questa dieta è caratterizzata dai seguenti punti e condizionerà l’intero studio:

  • Apporto calorico tra 500 e 800 kcal/giorno, ovvero una restrizione calorica molto aggressiva.
  • Assunzione di carboidrati: <20 grammi al giorno.
  • 1-1,5 grammi di proteine /kg di peso ideale ogni giorno.
  • 15-30 grammi di grassi ogni giorno.
  • Basata sui sostituti del pasto che imitano una dieta mediterranea.

Very low carb diet

Risultati dello Studio

Di seguito risultati più importanti di questo lavoro, che non sono pochi:

  • Gli enzimi epatici AST e ALT sono diminuiti.
  • La quantità di trigliceridi è considerevolmente ridotta, il che si riflette in un contenuto inferiore di trigliceridi intraepatici e in dimensioni epatiche inferiori.
  • Non ci sono stati cambiamenti nel bilancio ionico.
  • Si è verificata una leggera perdita di acqua (Total Body Water) a causa della maggiore natriuresi prodotta da questo tipo di dieta.
  • L’acido urico non è aumentato rispetto alle precedenti osservazioni.

Quanto peso hanno perso i pazienti?

Una perdita di peso media del 20% del peso iniziale, che è un risultato abbastanza significativo dal punto di vista clinico.

Leggero aumento delle proteine viscerali come l’albumina, altrettanto significativo risultato.

Perdita di peso

Metabolismo Fosfo-calcico

Un leggero aumento di calcio e fosforo (senza andare al di fuori dai parametri normali) che può essere semplicemente attribuito all’emoconcentrazione.

I livelli di PTH, un ormone che regola il metabolismo fosfo-calcico, sono rimasti invariati.

Questo ci rassicura, poiché uno degli effetti avversi di questo tipo di intervento così limitato nelle calorie è la perdita di massa ossea che genera una sovraregolazione del PTH e un conseguente aumento di calcio e fosforo.

Ferritina

I livelli di ferritina, un reagente in fase acuta, sono diminuiti, il che può riflettere una minore infiammazione sistemica nei pazienti che hanno seguito la VLCKD.

In studi precedenti la dieta chetogenica ha mostrato il suo marcato carattere antinfiammatorio.

Ferritina

Funzione Renale

La scoperta più interessante di questo studio è stata che, all’interno del gruppo con funzione renale leggermente alterata (GFR 60-90 o stadio 2 CRI) una grande percentuale (27%) del ha recuperato la funzione renale, aumentando la sua velocità di filtrazione glomerulare superiore a 90 ml/min/kg2.

L’urea (BUN o azoto ureico nel sangue) è leggermente aumentata, come conseguenza dell’aumento del metabolismo proteico in quanto è una dieta relativamente iperproteica.

Funzione renale

Che tipo di proteina si consiglia?

Nella malattia renale cronica, la fonte proteica è importante tanto quanto la sua quantità totale.

Dobbiamo fare diverse distinzioni:

  • Le proteine della carne rossa sono sconsigliate dalla maggior parte delle linee guida di pratica clinica
  • Le proteine delle carni bianche, pesce e uova sembrano avere un effetto neutro e quindi non peggiorano la funzione renale
  • Le proteine proveniente da fonti vegetali potrebbe persino avere un effetto protettivo dei reni ed è il campo in cui si sta invesigando di più attualmente nel campo della dietetica in nefrologia.

Conclusioni

In definitiva, il punto più innovativo di questo lavoro è il miglioramento della funzionalità renale in quei pazienti con un leggero deterioramento di essa.

Tuttavia, sarebbe stato interessante includere pazienti almeno in grado di insufficienza renale cronica di grado 3 (GFR 30-60) o almeno 3b (45-60), poiché gli stadi II sono spesso reversibili con perdita di peso o correzione del fattore di rischio cardiovascolare, come l’ipertensione.

Detto questo, altri limiti dello studio erano che il beta-idrossibutirrato non era stato testato nel sangue capillare, un metodo molto più accurato rispetto alle strisce di urina e alla misurazione dell’aceto acetato che avevano usato.

Migliorare la funzione renale

Infine, a causa della natura dello studio (studio dal vivo), è lavoro non monitorato, che ne limita anche i risultati.

Se abbiamo imparato qualcosa da questo lavoro, è la conferma che:

  • Una perdita di peso molto forte (il 20% è una perdita di peso notevole) può essere raggiunta in un tempo relativamente breve (tre mesi); e
  • Inoltre, non solo non peggiora la funzione renale, ma in molti casi la migliora, qualcosa di cui non si è mai parlato prima, per quanto ne sappiamo.

Spero che l’articolo ti sia stato utile!

Ci vediamo nel prossimo post. Un abbraccio e continuiamo a tenerci aggiornati.

Bibliografia

  1. Bruci, A., Tuccinardi, D., Tozzi, R., Balena, A., Santucci, S., Frontani, R., Mariani, S., Basciani, S., Spera, G., Gnessi, L., Lubrano, C., & Watanabe, M. (2020). Very low-calorie ketogenic diet: A safe and effective tool for weight loss in patients with obesity and mild kidney failure. Nutrients.

Voci Correlate

  • È possibile ridurre I Trigliceridi senza Medicine? Scoprilo su questo post.
  • Come iniziare una Dieta Chetogenica? Ti spieghiamo tutto.
Valutazione Dieta Chetogenica e Funzione Renale

Studio - 100%

Caratteristiche della dieta - 100%

Indicatori di salute migliorati - 100%

Conclusioni dello studio - 100%

100%

Valutazione HSN: 5 /5
Content Protection by DMCA.com
Su Borja Bandera
Borja Bandera
Borja Bandera è un giovane medico che si dedica all’area della nutrizione, esercizio e metabolismo, che combina con la sua attività clinica insieme alla sua vocazione divulgativa e di ricerca.
Vedi Anche
Dieta buddista: ventaggi e limitazioni
Dieta Buddista: quali sono i suoi Benefici e Limiti?

Oggi analizziamo la dieta buddista insieme al loro stile di vita nel tentativo di portare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *