Glicina: Tutto quello che devi sapere

Glicina: Tutto quello che devi sapere

Ti raccontiamo tutto ciò che devi sapere sull’amminoacido glicina, le sue proprietà e usi. È il più semplice di tutti, ma con funzioni complesse.

Che cos’è

La glicina è un amminoacido, ovvero un composto organico che contiene azoto e il cui legame con altri aminoacidi costituisce proteine, come quelle che consumiamo attraverso il cibo e si trovano nel nostro corpo.

È un amminoacido neutro non polare; il che significa che non ha una carica elettrica o reagisce all’acqua; non ha una configurazione chirale, quindi visto in uno specchio sarebbe sovrapponibile all’immagine speculare originale.

Molecole

Figura I. Esempio di una molecola chirale e achirale e la loro immagine speculare.

Questo spiega il motivo per cui la glicina, essendo un amminoacido non ha una configurazione L o D-, non ne ha una perché il suo gruppo funzionale non è spostato da un lato e dall’altro dello scheletro del carbonio.

Confronto molecolare

Figura II. Glicina (sinistra) e L-Leucina (destra). Guarda la posizione neutra del gruppo funzionale nella glicina.

E come amminoacido, è il il più semplice di tutti, poiché la sua catena laterale (che rende unici tutti gli amminoacidi) è composta da un solo idrogeno.

Dopo queste informazioni tecniche, esaminiamo la questione, come può essere che un amminoacido così semplice possa essere così importante per il nostro funzionamento?

Caratteristiche nutrizionali della Glicina

La glicina è un amminoacido condizionatamente essenziale, ed è descritta come tale poiché, nonostante il fatto che il nostro corpo possa sintetizzarla da sola da altre molecole (principalmente tramite GHMT), lo fa in quantità insufficienti.

Un organismo umano in condizioni di sufficienza nutrizionale può sintetizzare circa 3g di glicina al giorno, quando le esigenze di un maschio sedentario con un peso normale sono di circa 15g.

Quando non viene consumata abbastanza glicina per un lungo periodo di tempo:

  • La sintesi di collagene è gravemente alterata, il che può portare alla comparsa di osteoartrosi, xerosi, cheratosi, assottigliamento dei capelli e suscettibilità alla sua perdita.
  • Viene generato un ambiente di stress ossidativo che esaurisce il glutatione e porta a epatotossicità, insulino-resistenza, malattie renali, retinopatia e persino neurotossicità.

Osteoartrite

Figura III. Osteoartrite.

È importante garantire uno stato sufficiente di glicina per prevenire la comparsa di questi sintomi.

A cosa serve

La glicina ha un gran numero di funzioni nel corpo e sebbene il suo ruolo più noto sia quello del neurotrasmettitore (invio di messaggi tra neuroni), non manca di lavoro.

Glicina come neurotrasmettitore

La glicina è un neurotrasmettitore inibitorio, sicuramente l’hai mai sentito da GABA, che è il nostro principale inibitore nervoso, poiché la glicina funziona in modo simile.

Si accumula nell’emissione di neuroni e viene rilasciato per agire su recettori specifici di neuroni recettori, consentendo alla permeabilità al cloruro di aumentare e prevenire la depolarizzazione (inibendo l’attivazione dei neuroni).

GABA

Figura IV. Segnalazione inibitoria della glicina nel complesso Gly/GABA.

Immagina la glicina come un buttafuori da discoteca, che lascia entrare solo le persone calme, che impedisce ai frequentatori di feste che stanno solo cercando un casino di entrare nei locali per rovinarlo, perché è così che funziona più o meno.

Ciò ha proposto che la glicina e i suoi recettori siano un possibile bersaglio di anestesia e azione del sonno; infatti:

La glicina ha dimostrato di aumentare l’efficienza del sonno e la percezione soggettiva del riposo, nonché di ridurre l’attivazione elettroencefalografica durante uno studio del sonno, cioè, agisce come un rilassante neurologico naturale (Yamadera et al., 2007).

Il miglioramento della qualità del sonno prodotto dalla glicina ha anche portato a miglioramenti nelle prestazioni cognitive successive delle persone che hanno usato l’amminoacido.

Anche così, la glicina è strana, poiché mentre manifesta effetti inibitori sul tronco encefalico e sul midollo spinale; in altre posizioni del sistema nervoso può aumentare la risposta dei recettori NMDA al glutammato, potendo amplificare la risposta eccitatoria di questo neurotrasmettitore.

Ci sono notti in cui la glicina viene assunta come buttafuori in un’altra discoteca e fa entrare le persone che fanno più rumore per animare la festa.

Quindi, è preferibile evitare la co-assunzione di glicina con glutamatergici come la caffeina.

Altre funzioni della glicina

La glicina ha un gran numero di funzioni metaboliche, genomiche e biochimiche nel corpo che la rendono unica:

Funzioni

Figura V. Funzioni metaboliche e biochimiche della glicina.

Aspetta, non puoi perderti la spiegazione più importante!

Sintesi proteica

La glicina fa parte delle proteine del nostro corpo, in particolare collagene, quella struttura che compone i nostri vasi sanguigni, la nostra cartilagine articolare, fa parte delle nostre ossa, capelli, pelle…

La nostra principale proteina “strutturale”.

Contenuto di collagene

Figura VI. Contenuto del collagene di vari tessuti corporei.

La glicina costituisce 1/3 della composizione del collagene, essendo l’amminoacido con la più alta presenza nella sequenza di amminoacidi che compongono il collagene.

Sequenza

Figura VII. Sequenza di aminoacidi di una proteina di collagene. Gly è Glycine.

Senza glicina non sarebbe possibile produrre collagene, mancherebbe il principale elemento strutturale della proteina e inizieremmo a soffrire di un quadro catabolico serio che metterebbe a rischio la nostra salute.

Precursore delle molecole

La glicina è un precursore (un elemento del processo di sintesi) di prodotti, di:

  • Del guanidinoacetato nei reni, che viene poi trasformato in creatina.
  • Del glutatione, il nostro principale antiossidante dell’organismo.
  • Delle porfirine, da cui vengono create emoproteine come l’emoglobina, che impedisce la comparsa di anemia.
  • Le basi puriche, da cui vengono sintetizzati i nucleotidi per la sintesi di DNA e RNA.

E non finisce qui…

È complesso e coinvolge molti meccanismi biosintetici primari e secondari

Biometabolismo

Figura VIII. Biometabolismo semplificato della Glicina.

… è importante capire che la glicina è un amminoacido biologicamente essenziale di cui il nostro corpo ha bisogno per svolgere normalmente le sue funzioni corporee.

Come ottenere la glicina in una dieta?

La glicina è naturalmente presente nel tessuto connettivo degli animali.

Quindi, le fonti alimentari più ricche di glicina sono le gelatine, seguite dalla pelle di maiale (ciccioli) e in misura molto minore da carne, pesce, semi e proteine concentrate di soia.

Cibo glicine

Figura IX. Contenuto di glicina per 100 g di prodotto, estratto dal database USDA.

Una persona che segue una dieta vegetariana/vegana o che non consuma grandi quantità di proteine durante la propria dieta, può avere problemi a raggiungere i consigliati 10-12g extra di glicina con la dieta.

Per questo abbiamo creato la Glicina in polvere di HSNraw!

Una presentazione di aminoacido ultra-concentrata, della massima purezza, senza aggiunta di additivi.

  • È un modo comodo e semplice per consumare l’amminoacido.
  • Adatta per i vegani.
  • Utile da usare prima di andare a letto: aumenta il rilassamento e migliora la qualità del sonno come mostrano gli studi.
Una dose da 3 grammi di prodotto è sufficiente per ottenere questi effetti.

Cosa aspetti? 😉

Bibliografia

  1. Meisenberg, G., & Simmons, W. H. (2012). Principles of medical biochemistry. Philadelphia: Elsevier/Mosby.
  2. Meléndez-Hevia, E., & De Paz-Lugo, P. (2008). Branch-point stoichiometry can generate weak links in metabolism: The case of glycine biosynthesis. Journal of Biosciences, 33(5), 771–780.
  3. Meléndez-Hevia, E., De Paz-Lugo, P., Cornish-Bowden, A., & Cárdenas, M. L. (2009). A weak link in metabolism: the metabolic capacity for glycine biosynthesis does not satisfy the need for collagen synthesis. Journal of Biosciences, 34(6), 853–872.
  4. Razak, M. A., Begum, P. S., Viswanath, B., & Rajagopal, S. (2017). Multifarious Beneficial Effect of Nonessential Amino Acid, Glycine: A Review. Oxidative Medicine and Cellular Longevity, 2017, 1716701.
  5. Yamadera, W., Inagawa, K., Chiba, S., Bannai, M., Takahashi, M., & Nakayama, K. (2007). Glycine ingestion improves subjective sleep quality in human volunteers, correlating with polysomnographic changes. Sleep and Biological Rhythms, 5(2), 126–131.

Voci Correlate

  • Comprare Supplementi di Glicina
  • Scopri i Benefici del Collagene e la Glicina su questo link.
  • Qual è la relazione tra la Glicina e l’Ormone della Crescita? Leggi questo post.
Valutazione Glicina

Che cos’è - 100%

Proprietà - 100%

Usi - 100%

Supplementi - 100%

100%

Valutazione HSN: 5 /5
Content Protection by DMCA.com
Su Alfredo Valdés
Alfredo Valdés
Specialista in allenamento in fisiopatologia metabolica e in effetti biomolecolari dell’alimentazione e esercizio fisico, vi parlerá nei suoi articoli del complesso mondo della nutrizione sportiva e clinica, in modo semplice e con senso critico.
Vedi Anche
Tutti i benefici della leucina
Benefici dell’aminoacido L-leucina per lo sportivo

La L-leucina è uno degli aminoacidi a catena ramificata (BCAAs). È un aminoacido essenziale e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *