Istidina: L’Aminoacido Essenziale con Importanti Proprietà

Istidina: L’Aminoacido Essenziale con Importanti Proprietà

Oggi parliamo di uno degli aminoacidi essenziali: Istidina o L-Istidina. Ti spieghiamo le sue proprietà e benefici per la salute e le prestazioni sportive. 

Cos’è l’ Istidina?

L’ istidina è uno dei 22 aminoacidi proteinogenici, ovvero quelli che codificano il nostro codice genetico e vengono utilizzati per la sintesi proteica. Inoltre, è considerato uno dei 9 aminoacidi essenziali che è necessario introdurre attraverso la dieta per evitare di soffrire i segni della degradazione proteica e della malnutrizione.

Dove si trova

Per iniziare, in natura la possiamo trovare l’enatiomero levogiro dell’istina, e cioè la forma L-istidina.

Si tratta di un aminoacido presente in una grande quantità di alimenti, sia di origine animale che vegetale, di conseguenza una carenza di questo aminoacido è una condizione piuttosto strana e normalmente si associa ad alterazioni genetiche o a una severa malnutrizione.

Le quantità di L-istidina nelle fonti alimentari abituali in una dieta occidentale sono:

Origine Animale
AlimentoQuantità/100g
Uova322mg
Latte93mg
Bovino849mg
Maiale647mg
Pollo937mg
Spigola552mg
Origene Vegetale
AlimentoQuantità/100g
Soia1170mg
Fagioli303mg
Piselli85mg
Grano228mg
Mais251mg
Riso165mg
Patata28mg
Cavolfiore37mg
Quinoa478mg

Tabla I. Fonti alimentari di L-istidina (Tessari et al., 2016).

Naturalmente, qualsiasi proteina estratta e concentrata, sia di origine animale che vegetale, contiene grandi quantità di L-istidina, che la rende un’ottima opzione per reintegrare il fabbisogno nutrizionale di proteine dei pazienti affetti da disturbi del comportamento alimentare che presentano malnutrizione proteica.

A cosa serve?

Prima di tutto, la L-histidina è un aminoacido essenziale e come tale, il somministro esterno è necessario per la sintesi proteica.

Analogamente, la L-histidina è l’aminoacido precursore della sintesi di altri composti biologici come l’istamina (agendo come modulatore del sistema immunitario) e la carnosina (un potente antiossidante endogeno).

L’istidina stessa è coinvolta nella catalisi di un ampio numero di reazioni:

  • La metilazione dei residui di arginina.
  • La sintesi dell’acido urocanico
    • A sua volta precursore dell’acido glutammico,
    • Protettore delle radiazione Ultravioletta nella pelle e immunomodulatore.
  • La biosintesi di altri composti organici intermediari  genomici e non-genomici.

Importanza dell’Istidina

Sintesi dell’Istamina

L’importanza della L-istidina è stata chiaramente determinata nel momento che è stata stabilita la relazione diretta e imprescindibile con la sintesi di istamina, un’ammina rilasciata da determinati tipi di globuli bianchi in rispota al rilevamento di un antigene (una sostanza riconosciuta dal nostro sistema immunitario come estranea).

Il classico effetto di “reazione allergica” in cui si soffre di orticaria, edema,broncocostrizione, secrezione di muco, aumento della permeabilità vascolare, lacrimazione, tosse…

Tutti questi sintomi, che sono sgradevoli per noi, sono necessari per proteggerci da un agente estraneo, dato che facilitano l’orientamento e la fusione dei leucociti agli antigeni e il controllo delle molecole infiammatorie nell’organismo, cioè la risposta protettiva del sistema immunitario.

Protezione neurologica

L’istamina e l’istidina, svolgono un ruolo fondamentale nella protezione dell’organismo, soprattutto sull’integrità della guaina mielinica che riveste gli assoni dei neuroni, il cui mantenimento è imprescindibile per evitare di sviluppare malattie neurodegenerative (come il Parkinson , malattia di Huntington, o la Sclerosi Multipla).

Efectos de la histamina en el organismo

Figura I. Effetti dell’istamina sull’organismo.

Apparato Digerente

In aggiunta a quanto detto in precedenza, abbiamo bisogno di istamina per stimolare la produzione di protoni nelle cellule parietali dello stomaco, permettendo la normale produzione dell’acido cloridrico, di conseguenza, l’ambiente acido richiesto nell’ambiente dello stomaco. cellula

Figura II. Meccanismo di secrezione dell’acido nello stomaco. (Bowsen, s.f.).

L’istamina e i suoi meccanismi vengono mediati dall’attivazione dei recettori H2 nello stomaco, che sono fondamentali per poter digerire correttamente gli alimenti e non soffrire di ipoocloridria, una condizione comune derivata dalla malnutrizione e da distubi digestivi.

Equilibrio acido-base

In aggiunta a questo, aumenta le concentrazioni di bicarbonato nel sistema vascolare, il nostro meccanismo principale che agisce come tampone extracellulare che permette al nostro pH di non subire una riduzione a causa delle perturbazioni nell’equilibrio acido-base.

pH

Figura III. Scala del mezzo acido base. Fonte: http://med.se-todo.com/himiya/14326/index.html.

La L-istidina è un aminoacido anfotero, cioè, ha la capacità di equilibrare il pH dell’organismo agendo come acido o base in funzione delle necessità del mezzo.

Questa proprietà è quella che ha permesso di studiare il potenziale come protettore della L-istidina, in quanto si tratta di una serie di effetti attribuiti alla sua struttura chimica che non possiedono altri aminoacidi, e che rende l’istidina un buon agente antiossidane (reattivo al ROS) e antinfiammatorio (presumibilmente via  NF-kB).

Prestazioni Sportive

È probabile che non eri a conoscenza di queste proprietà, ma sicuramente hai sentito parlare della carnosina, un dipeptide formato dall’unione della L-istidina e Beta-alanina che possiede proprietà come tampone intracellulare, che controlla i cambi nel pH del tessuto muscolare, proteggendoci dall’acidosi e permettendoci di continuare a svolgere esercizio fisico ad alta intensità senza alterazioni nella funzione muscolare.

Ebbene, questi effetti della carnosina sono prodotti grazie alla presenza di dell’anello imidazolico contenuto nell’istidina.tampone

Figura IV. Meccanismo di tampone dell’anello imidazolico nella catena laterale della carnosina. (Lancha Junior et a., 2015).

Per tutte queste ragioni la L-istidina è stata relazionata con la capacità di dimunzione della risposta infiammatoria associata ad alcune patologie e allo stress indotto dall’esercizio fisico intenso.

La L-istidina è responsabile dei benefici reali derivati dal consumo di  beta-alanina legati all’aumento delle prestazioni sportive. In questo link troverai maggiori informazioni.

Artrite reumatoide

In aggiunta, si sta studiando il suo potenziale effetto di miglioramento nei casi di artrite reumatoide con risultati promettenti sul miglioramento dei sintomi della rigidità e della mobilità ridotta di questi pazienti.  (Pinals et al., 1977).

Come si assume?

Il fabbisogno giornaliero di L-istidina negli adulti è di 10mg/kg/giorno secondo la FAO (1992).

In altre parole, un adulto con un peso medio di 70kg ha bisogno di 700mg di L-istidina quotidianamente per non soffrire malattie da carenza derivate da un consumo ridotto.

Come puoi verificare tu stesso nella tabella delle fonti alimentari di L-istidina, 100g di carne bovina, 0 200g di quinoa sono sufficienti per soddisfare il fabbisogno minimo. In ogni caso, questi limiti sono stati stabiliti per situazioni di povertà e malnutrizione estrema; attualmente nei paesi occidentali la carenza di questa sostanza è un fenomeno estremamente raro.

Tieni presente che se sei uno sportivo il tuo fabbisogno di proteine è più elevato, quindi considerando che questi parametri sono stati fissati in base ad un minimo di 0,66g/kg/giorno di proteine, se il tuo consumo minimo è di  1,2g/kg/giorno (a seconda della tua attività quotidiana), il tuo fabbisogno di L-isitidina sarà il doppio.  

Nelle nostre proteine puoi trovare una grande quantità di L-istidina, inoltre sono tutte eccellenti fonti di aminoacidi, soprattutto le proteine di soia isolate. Dai un’occhiata!

Fonti Bibliografiche

  1. Bowsen, R. (s.f.). The Parietal Cell: Mechanism of Acid Secretion.
  2. Kessler, A., & Raja, A. (2019, 9 octubre). Biochemistry, Histidine. StatPearls – NCBI Bookshelf.
  3. Lancha Junior, A. H., de Salles Painelli, V., Saunders, B., & Artioli, G. G. (2015). Nutritional Strategies to Modulate Intracellular and Extracellular Buffering Capacity During High-Intensity Exercise. Sports Medicine, 45, 71–81.
  4. Pinals, R. S., Harris, E. D., Burnett, J. B., & Gerber, D. A. (1977). Treatment of rheumatoid arthritis with L-histidine: a randomized, placebo-controlled, double-blind trial. Journal of Rheumatology, 4(4), 414–419.
  5. PubChem (s.f.). Histidine.
  6. Tessari, P., Lante, A., & Mosca, G. (2016). Essential amino acids: Master regulators of nutrition and environmental footprint? Scientific Reports, 6, 26074.
  7. Tomé, D., Moughan, P., Burlingame, B., Millward, J., Pencharz, P., & Fuller, M. (2017). Evaluación de la calidad de las proteínas de la dieta en nutrición humana: consulta de expertos, 31 de marzo-2 de abril, 2011, Auckland, Nueva Zelanda.

Voci Correlate

  • Sai cosa sono gli Aminoacidi Essenziali? Clicca qui.
  • Ti spieghiamo tutto sull’importanza del pH nell’organismo in questo link.
Valutazione Istidina

Cos'è - 100%

Dove si trova - 100%

Proprietà - 100%

Come assumerla - 100%

100%

Valutazione HSN: 5 /5
Content Protection by DMCA.com
Vedi Anche
Benefici e utilizzi della NAC
NAC o N-acetil L-Cisteina – Cos’è, a cosa serve e i suoi benefici

La N-acetil-L-cisteina è il precursore piú importante del glutatione e ha forti proprietà antiossidanti che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *