Niacina: Vitamina B3 che contribuisce alla riduzione del colesterolo

Niacina: Vitamina B3 che contribuisce alla riduzione del colesterolo

La niacina è conosciuta per essere una delle sostanze che più aiutano a combattere le malattie cardiovascolari. Promuove la salute del sistema nervoso e aiuta a stabilizzare i livelli di zuccheri nel sangue.

Cos’è la niacina?

La niacina o vitamina B3, è solubile in acqua e non può essere immagazzinata dall’organismo; è un integratore che può aiutare a ridurre i livelli di colesterolo.

“È un alcool insaturo della famiglia dei composti steroidei; è essenziale per la normofunzionalità delle cellule di tutti gli animali ed è un elemento fondamentale delle loro membrane.

È anche un precursore di diverse sostanze critiche come gli ormoni steroidi surrenali e gonadici e gli acidi biliari” Cox & García-Palmieri, 1990.

Leggendo questo, nessuno direbbe che il concetto cui si fa riferimento nel paragrafo precedente è qualcosa di brutto, giusto? E se vi dicessi che stiamo parlando di colesterolo?

Quando il corpo non usa immediatamente la niacina, la espelle attraverso l’urina. Per avere livelli sani che l’organismo necessita di niacina e ottenere i suoi benefici per la salute è necessario consumare alimenti ricchi in niacina o assumere quotidianamente integratori di niacina. Altrimenti, il corpo può sperimentare una carenza di questa vitamina.

Effetto dell'astaxantina sul cuore

Benefici per la salute della niacina

  • Protegge la salute del cuore
  • Garantisce un’ottimo livello del colesterolo
  • Aiuta a ridurre il rischio di soffrire della malattia di Alzheimer
  • Stimola il rendimento intellettuale, la motivazionee la concentrazione
  • Contribuisce alla produzione degli ormoni sessuali
  • Aiuta l’organismo a usare i grassi e le proteine
  • Interviene nella trasformazione in glucosio degli alimenti per generare più energia nell’organismo
  • Favorisce la salute e la bellezza della pelle e del capello
  • contribuisce alla salute degli occhi
  • Migliora la circolazione del sangue
  • Riduce l’infiammazione (è molto benefica per le persone con artrite)
  • Si usa come trattamento per la malattia della pellagra
  • Si usa come trattamento nel diabete mellito o diabete di tipo I

Proprietà della niacina

Riduce il colesterolo e protegge il cuore

La niacina è conosciuta per le sue proprietà per prevenire le malattie cardiovascolari. Con l’uso regolare delle dosi raccomandate si ottiene la diminuzione e l’espulsione del colesterolo cattivo (LDL), aumentare il buono (HDL), ridurre il livello dei trigliceridi, prevenire l’aterosclerosi (indurimento e restringimento delle arterie) e evitare l’apparizione delle malattie cardiovascolari.

La niacina si prescrive spesso in combinazione con le statine (farmaci) per ottenere i migliori risultati.

Niacina e benefici per la pelle

Previene l’Alzheimer

La carenza di niacina si associa con l’insorgenza e lo sviluppo della demenza. Esistono numerosi studi clinici che avallano i benefici degli integratori alimentari di niacina per prevenire l’Alzheimer e altre malattie degenerative, come la demenza senile.

Lo studio clinico più recente è stato realizzato su 3’718 persone, e le conclusioni dello stesso sono state che una dieta ricca di niacina o un consumo regolare di integratori dietetici di niacina favorisce il rendimento intellettuale e previene l’insorgenza dell’Alzheimer.

Contribuisce alla salute e bellezza della pelle

La niacina aiuta anche a migliorare la salute della pelle. Questo è dovuto al fatto che stimola la circolazione del sangue e permette alla pelle e al capello di ricevere più nutrienti e mantenersi idratati.

La niacinamida si utilizza abitualmente come ingrediente nei prodotti della cura della pelle, in quanto si usa come trattamento per diversi problemi e malattie della pelle, come l’acne e la rosacea, così come altri sintomi associati all’invecchiamento, come le rughe e le macchie cutanee.

È efficace per il trattamento della malattia della pellagra

La pellagra è una malattia derivata dalla carenza di niacina negli alimenti che si consumano. Succede normalmente quando si conumano molti prodotti a base di mais, quando si abbia una alimentazione carente o esistono altri problemi di salute che impediscono l’assorbimento della niacina, come succede nel caso di malattie gastrointestinali, l’alcolismo, HIV/AIDS, o altri disturbi, come la bulimia e la anoressia.

In questi casi, assumere integratori alimentari di niacina può curare la pellagra.

I sintomi più frequenti della pellagra includono:

  • Confusione e delirio mentale
  • Diarrea
  • Ferite e membrane mucose infiammate

Alimenti ricchi di niacina

Niacina e alimenti

Esistono molti alimenti, sia animali come vegetali che si considerano fonti di niacina.

Fra le fonti animali, troviamo la carne di vitello, di pollo, agnello e maiale. Il pesce come il tonno e il salmone sono eccellenti fonti di vitamina B3.

Il latte e i suoi derivati (yogurt, formaggio, ecc.) così come le uova sono anche loro ricchi in questa vitamina.

Fra le fonti vegetali, troviamo la barbabietola, arachidi, avena, grano, riso, piselli, fagioli, asparagi, spinaci, peperoni, zenzero e semi di girasole.

Dose giornaliera raccomandata di niacina

La quantità giornaliera raccomandata di vitamina B3 varia a seconda dell’età, sesso e delle circostanze individuali di ogni persona.

Gli sportivi o persone con certe patologie necessiteranno di dosi più elevate che la popolazione in generale.

La dose di niacina si rappresenta in microgrammi (mcg):

  • Meno di 6 mesi: 5mcg
  • Tra i 6 mesi e 1 anno: 6mcg
  • Tra 1 anno e 3 anni: 9mcg
  • Tra 4 anni e 6 anni: 12mcg
  • Tra 7 anni e 10 anni: 13mcg
  • Uomini tra 11 anni e 14 anni: 17mcg
  • Uomini tra i 15 anni e 18 anni: 20mcg
  • Uomini tra 19 anni a 50 anni: 19mcg
  • Uomini oltre i 50 anni: 15mcg
  • Donne tra 11 anni e 50 anni: 15mcg
  • Donne oltre i 50 anni: 13mcg
  • Donne durante la gravidanze: 17mcg
  • Donne durante l’allattamento: 20mcg

Carenza di niacina

Carenza di niacina

I sintomi più frequenti della carenza di questa vitamina nell’organismo sono i seguenti:

  • Fatica
  • Indigestione
  • Malattie
  • Disturbi circolatori
  • Depressione

Niacina e colesterolo

Fondamenti del colesterolo

Il colesterolo è stato demonizzato per decadi dai cardiologi di tutto il mondo per essere una delle principali cause di infarto.

Tuttavia, il colesterolo è necessario come spiega il paragrafo precedente, per la corretta funzionalità organica, integrità cellulare e corretta funzione ormonale

Il panorama cambia quando parliamo di ipercolesterolemia (eccesso di colesterolo nel sangue)

Niacina per abbassare il colesterolo

Che non smette di essere un tipo di dislipemia, una alterazione del profilo lipidico

Per non entrare nel meccanismo d’azione del colesterolo e dell’aterogenesi causata da questo, dobbiamo semplicemente sapere che, in modo riduzionista:

  • Colesterolo HDL (lipoproteine ad alta densità) = Buono, quanto più alto in un’analisi di sangue, meglio
  • Colesterolo LDL (lipoproteine a bassa densità) = Cattivo, quanto più basso in un’analisi di sangue, meglio

La densità delle lipoproteine dipende dalla quantità di lipidi in relazione alla proteina che le trasporta (apolipoproteine) che sono concentrate in esse. Così, l’LDL ha una concentrazione molto alta di lipidi, mentre l’HDL ha una concentrazione più bassa.

Potete approfondire un poco di più su questi concetti consultando l’articolo del mio collega David Díaz Gil: È il colesterolo il grande nemico?

Niacina e la sua azione sul colesterolo plasmatico

Sicuramente conosci qualche persona che soffre di dislipidemia, forse tu stesso ne soffri…

La dislipidema è fortemente legata a fattori genetici ed epigenetici (fumo, alcolismo, vita sedentaria, malnutrizione…).

In caso di una dislipidemia molto marcata con un rischio di salute significativo, ci sono alcune risorse che possiamo utilizzare per migliorare queste concentrazioni.

L’integratore principale per ottenere una regolazione dei livelli di colesterolo nel plasma è l’acido nicotinico o niacina (vitamina B3).

Come aiuta l’Acido Nicotinico o Vitamina B3 a ridurre il colesterolo?

Questa vitamina agisce sul recettore GPR109A e GPR109B (HM74A e HM74, respettivamente, in umani); che si trovano negli adipociti e nelle cellule immuni.

Farmacodinamica dell'acido nicotinico

Figura I. Farmacodinamica dell’acido nicotinico

La sovraespressione di GPR109A negli adipociti genera una riduzione della lipolisi dei trigliceridi, indotta da una diminuzione dei livelli di cAMP, che produce una minore concentrazione di acidi grassi liberi nel sangue e, quindi, una sintesi epatica inferiore di TG.

A su volta, la niacina agisce nel fegato inibendo la DGAT2, accelerando la degradazione di apoB e diminuendo la sua escrezione

Oltre a ritardare il catabolismo dell’apoA-I, il principale APO dell’HDL, la cui maggiore presenza rende più bassa l’ossidazione di HDL, ne aumenta anche la concentrazione epatica e favorisce la riduzione del colesterolo grazie al ruolo che svolge nel trasporto inverso del colesterolo per la successiva eliminazione per via epatica.

Grafico sulla niacina

Figura II. Espressione di DGAT2 nel gruppo di controllo vs gruppo sperimentale

Studio sull’Acido Nicotinico e Colesterolo

Nel grafico seguente possiamo osservare i cambiamenti prodotti in 5 gruppi di topi di cui solo i gruppi 4 (non diabetico) e 5 (diabetico) furono integrati con acido nicotinico (8,5mg/100g peso), per 42 giorni.

Risultati degli studi sulla niacina

Figura III. Variazioni nei valori di Total-c, HDL-c, LDL-c, Trigliceridi e Lipidi totali in diversi gruppi

Risultati

Si possono osservare forti riduzioni delle concentrazioni di colesterolo totale, colesterolo LDL, trigliceridi e lipidi totali; così come un marcato aumento della concentrazione di HDL-c, che significherebbe un significativo miglioramento delle concentrazioni di lipidi nel plasma.

Le dosi utilizzate nello studio non sono estrapolabili all’uso umano, risultando eccessive e possono aumentare il rischio di subire effetti indesiderati della somministrazione di vitamine.

Controindicazioni

Tuttavia, l’assunzione di questa vitamina non è esente da problemi, il maggiore dei quali è lo stesso che migliora la lipidemia a livello epatico.

Resistenza all’insulina

L’inibizione del DGAT2 porta ad un aumento delle concentrazioni di diacilglicerolo epatico che aumenta significativamente la resistenza locale all’insulina causata dall’accumulo di molecole lipidiche nei siti ectopici.

Come tutti sappiamo, l’insulino-resistenza è la principale causa/conseguenza della sindrome metabolica, che a sua volta aumenta significativamente il rischio di morte per qualsiasi causa.

Controindicazioni della niacina

Niacin Flush

In secondo luogo, e anche se più scioccante è meno rilevante, è il rapporto degli utenti che consumano questa vitamina di rossore e prurito topico, noto come “Niacin Flush”.

Questa è la causa della sovraattivazione del GPR109A che ha il compito di mediare la produzione di prostaglandine D2 nei macrofagi e delle cellule di Langerhan che produce vasodilatazione periferica dei capillari cutanei e produce “flushing”.

Questo può essere evitato attraverso l’assunzione di niacina “time release”, o a rilascio sostenuto

Tra le formule disponibili sul mercato, le formule a rilascio prolungato, create per evitare il “flush”, presentano un rischio di subire tossicità epatica a causa dello stress che caratterizza le vie di metabolizzazione farmacologica di questa formula; è quindi sempre preferibile consumare formule a rilascio immediato di nicotinamide.

La niacina è probabilmente il composto più efficace per il miglioramento dei marker lipidici: aumento di HDL, diminuzione di LDL e TG

Raccomandazioni ed effetti collaterali:

Una forma di attenuare gli effetti secondari consiste nel prendere gli integratori di niacina subito dopo mangiato.

Gli effetti più intensi della niacina si apprezzano quando si assume a stomaco vuoto o dopo il consumo di alcool o una bibita calda.

Interazioni con antibiotici

Quando si assume niacina in dosi elevate possono prodursi effetti collaterali come:

  • Indigestione
  • Nausea
  • Mal di testa
  • Vista sfocata

Quando si presentano questi effetti dobbiamo interrompere l’assunzione o ridurre le dosi.

Interazioni della niacina:

La niacina può interagire quando si assume con alcune medicine, come:

  • Tetraciclina (antibiotico)
  • Aspirina
  • Medicinali prescritti per la pressione arteriosa
  • Anticoagulanti
  • Farmaci riduttori del colesterolo

Conclusioni

Secondo il riesame di Kamal per Examine.com, la maggior parte dei benefici si possono osservare attraverso assunzioni maggiori ad 1g. Essendo il mio consiglio personale, quello di non eccedere i 3g in nessun caso.

A chi sono consigliati gli integratori alimentari di niacina?

Qualsiasi persona che voglia ottenere i benefici della niacina può assumere integratori dietetici di questa vitamina.

Si consiglia specialmente di prendere una dose regolare di niacina nel caso di persone che non la ottengano attraverso la dieta abituale, per esempio, le persone anziane che non ingeriscono la quantità adeguata di questa vitamina.

Le donne incinta e madri in allattamento hanno anche bisogno di una integrazione di niacina. Anche le persone sottoposte ad un elevato dispendio fisico o mentale (sportivi, studenti, ecc).

La niacina, la niacinamida e l’inositolo nicotinato sono disponibili come integratori alimentari, sia in forma individuale o combinata come complesso di vitamine B. Questi integratori si presentano in formato di capsule o compresse. Dato che la composizione e la dose può differire materialmente, si consiglia di seguire sempre le indicazioni di ogni prodotto e assumere sempre la dose raccomandata.

Fonti Bibliografiche

  1. Vitamin B3 (Niacin). Examine.com, published on 28 January 2015, last updated on 14 June 2018.
  2. Ganji, S. H., Tavintharan, S., Zhu, D., Xing, Y., Kamanna, V. S., & Kashyap, M. L. (2004). Niacin noncompetitively inhibits DGAT2 but not DGAT1 activity in HepG2 cells. Journal of Lipid Research, 45(10), 1835–1845. https://doi.org/10.1194/jlr.M300403-JLR200
  3. Kamanna, V. S., & Kashyap, M. L. (2007). Nicotinic acid (niacin) receptor agonists: will they be useful therapeutic agents? The American Journal of Cardiology, 100(11 A), S53-61. https://doi.org/10.1016/j.amjcard.2007.09.080
  4. Pike, N. B. (2005, December). Flushing out the role of GPR109A (HM74A) in the clinical efficacy of nicotinic acid. Journal of Clinical Investigation. https://doi.org/10.1172/JCI27160
  5. Rader, J. I., Calvert, R. J., & Hathcock, J. N. (1992). Hepatic toxicity of unmodified and time-release preparations of niacin. The American Journal of Medicine, 92(1), 77–81.
  6. Zeb Shah, T., Ali, A. B., Ahmad Jafri, S., & Qazi, M. H. (2013). Effect of Nicotinic Acid (Vitamin B(3) or Niacin) on the lipid profile of diabetic and non – diabetic rats. Pakistan Journal of Medical Sciences. Karachi, Pakistan.

Post Correlati

Valutazione Niacina (Vitamina B3)

Benefici per la Salute - 99%

Proprietà contro il colesterolo - 100%

Come assumerlo - 100%

Efficacia - 100%

100%

Valutazione HSN: 5 /5
Content Protection by DMCA.com
Vedi Anche
Vitamina A e i suoi benefici per la salute della vista
Vitamina A – Proprietà e Benefici, Come Prenderla…

Indice1. Cos’è la vitamina A?2. I primi indizi della sua esistenza e successiva evoluzione3. Quali …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *