Multivitaminici Speciali per Uomini

Multivitaminici Speciali per Uomini

In questo articolo analizziamo i Multivitaminici Speciali per Uomini: Quali sono le particolarità? Perché un integratore specifico per il sesso maschile? 

Perché utilizzare un multivitaminico specifico

La maggior parte dei multivitaminici che possiamo trovare sul mercato sono sviluppati con una serie di vitamine e minerali generici, utili sia per le donne che per gli uomini. 

Indipendentemente dalle esigenze nutrizionali, dato che guide della commissione europea che stabiliscono il fabbisogno giornaliero di nutrienti, non fanno distinzione tra i sessi.

valori di riferimento multivitaminici uomini

Figura I. Valori di riferimento dei nutrienti per adulti.  

Quindi uomini e donne devono assumere le stesse vitamine e minerali? Sì, ma non nelle stesse quantità.

Raccomandazioni per gli uomini

Alcuni enti internazionali legati all’ambito sanitario, come l’ IoM americano, stabiliscono raccomandazioni leggermente diverse a seconda del sesso, dato che la maggior parte dei nutrienti richiesti dagli uomini hanno una quantità superiore rispetto alle donne:

dris vitamine multivitaminici uomini

Figura II. DRIS di vitamine in funzione del fascia di età e del sesso. In rosso si evidenziano alcune differenze tra gli uomini e le donne nella stessa fascia di età.

Metabolismo basale in entrambi i sessi

Questo è dovuto in gran parte al fatto che gli uomini possiedono una maggior quantità di massa magra rispetto alle donne, un fattore direttamente collegato al consumo metabolico a riposo.

correlazione

Figura III. Correlazione positiva tra kg di massa senza grasso (asse X) e il consumo metabolico a riposo (asse Y). Più la massa magra è magra, più il tasso metabolico è elevato.

Ma anche standardizzando la massa magra, gli uomini hanno un maggior consumo metabolico che le donne, alcuni meccanismi che regolano i processi REDOX dell’organismo sono sovraespressi negli uomini.

grafico consumo energetico multivitaminici uomini

Figura IV. Differenze nel consumo energetico a riposo tra uomini e donne (A) e dopo il controllo della variabile “massa magra” per evitare l’insufficienza nelle misurazioni (B). Gli uomini hanno un maggior RMR rispetto alle donne, indipendentemente dalla massa magra. 

Bisogna adattare le esigenze

Il dispendio metabolico è il risultato di un gran numero di processi che rilasciano energia e questa viene persa sotto forma di calore.

Questi processi conivolgono diverse vitamine, minerali e oligoelementi; questi processi vengono chiamati “cofattori di reazioni”.

Ebbene, dato che gli uomini hanno un “metabolismo accelerato” rispetto alle donne, hanno bisogno di più cofattori e di conseguenza, un maggior consumo di vitamine e minerali.

Logicamente, alcuni multivitaminici possono non avere le quantità sufficienti di alcuni nutrienti, perché in questo modo possono rivolgersi ad un ampio spettro di consumatori senza rischi.

ciclista

HSN ti offre una novità, attento.

Ultimate Men’s Multi

Ultimate Men’s Multi è nato per soddisfare le esigenze specifiche di micronutrienti degli uomini.

distribuzione

Figura V. Distribuzione del consumo di nutrienti, i valori di soglia e il legame con disturbi per infra o sovra consumo.  

È il multivitamino-multiminerale più completo per quelli che cercano un prodotto che fornisca la quantità necessaria di nutrienti per soddisfare il fabbisogno giornaliero.

ultimate men's multi

Figura VI. Ultimate men’s multi.

  • In questo prodotto troverai un’alta concentrazione di vitamine, minerali e oligoelementi.
  • Inoltre, contiene estratti erbali concentrati, appositamente selezionati per far fronte alle esigenze specifiche degli uomini.

È stato sviluppato considerando l’obiettivo del multivitaminico:

Agire come sostegno nutrizionale e integratore per i soggetti con un alto fabbisogno energetico o diete povere di micronutrienti.

Cosa contiene Ultimate Men’s Multi?

Ultimate Men’s Multi è stato formulato con spettro completo di vitamine.

Tutte con quantità raccomandate e sufficienti per soddisfare il fabbisogno giornaliero (ad eccezione della vitamina K che apporta il 53% dei VNR per la sua alta prevalenza negli alimenti di uso generalizzato).

Oltre alle vitamine, Ultimate Men’s Multi contiene minerali come lo zinco e oligoelementi come lo iodio o il selenio, specialmente selezionati per il loro meccanismi d’azione sul metabolismo degli uomini.

Contiene acidi grassi come l’Acido Alfa-Lipoico; coenzima Q10, colina e inositolo (considerati pseudo vitamine per il loro carattere nutrizionale e per il ruolo che svolgono nell’organismo) oltre ad una serie di estratti erbali.

Tra i nutrienti che contiene possiamo evidenziare una selezione dei seguenti per l’alto grado di specificità per gli uomini:

  • Zinco
  • Iodio e Selenio
  • Colina
  • Coenzima Q10
  • Saw Palmetto
  • Resveratrolo
  • Semi di uva

allenamento uomo

Zinco

Lo zinco è un minerale essenziale che svolge numerose funzioni nel mantenimento metabolico dell’organismo.

Uno degli effetti dello zinco che più interessa gli uomini è la sua proprietà di aumentare le concentrazioni di testosterone, che è un ormone direttamente legato alle performance sessuali e all’aumento della quantità di massa muscolare.

Il rapporto tra lo zinco e l’equilibrio del sistema androgeno è complesso, in quanto devono essere considerati diversi processi, come la conversione del colesterolo in ormoni sessuali e i domini dello zinco nei recettori cellulari.

La carenza di zinco è stata associata a riduzioni della sintesi di testosterone e della risposta metabolica al testosterone in circolo (per la riduzione di affinità con i recettori degli androgeni).

Studi condotti nel secolo scorso, quando il controllo dei comitati etici era minore, hanno permesso di determinare che le concentrazioni di testosterone negli uomini diminuivano drasticamente quando venivano sottoposti a una restrizione dietetica sul consumo di zinco, determinando un’alterazione delle concentrazioni di questo minerale nell’organismo.

consumo zinco

Figura VII. Relazione tra le concentrazioni di leucociti di zinco e testosterone all’inizio, dopo 8 e 20 settimane di severa restrizione dietetica di zinco.   

L’efficacia dello zinco sul mantenimento delle concentrazioni di testosterone è stata avallata da enti di massima autorità come l’IoM e la EFSA, per questo motivo l’uso è completamente giustificato, e soprattutto se consideriamo che in dosi moderate (240mg di solfato di zinco al giorno) ha la capacità di aumentare le concentrazioni di testosterone degli uomini eugonadali (cioè, senza disturbi ai testicoli).

effetti zinco

Figura VIII. Effetti del consumo di Zinco prima (blu) e dopo 50 giorni (verde) sulla densità degli spermatozioi, concentrazioni di zinco e testosterone. 

Tutto quello che devi sapere sullo Zinco e il Testosterone in questo link.

Iodio e Selenio

Parte del nostro dispendio energetico quotiano, è regolato dal metabolismo tiroideio.

Le alterazioni della sinstesi degli ormoni tiroidei (ipotiroidismo clinico o subclinico), conducono a un peggioramento generale dello stato di salute e alla riduzione del tasso metabolico basale.

Lo iodio è un elemento essenziale nel metabolismo tiroideo, perché agisce come precursore della sintesi degli ormoni attivi.

sintesi endogena

Figura IX. Meccanismo semplificato della sintesi endogena delgi ormoni tiroidei.

Si occupa di iodinare la tirosina per formare MIT, DIT che successivamente si uniscono per formare l’ormone attivo (T3).

Il selenio è un elemento strutturale basico di alcune selenoproteine come laiodiotironina deiodinasi che si occupa di trasformare il proormone T4 nell’ormone attivo T3.

Carenze di questi elementi portano ad alterazioni della sintesti degli ormoni tiroidei e ad alterazioni ormonali negli uomini.

Perché l’importante è garantirne il consumo, tenendo presente che la principale fonte di iodio nella dieta è il sale iodato e molte persone non lo usano.

multivitaminici uomini

Colina

La colina è un nutriente essenziale coinvolto in vari processi nell’organismo, principalmente:

  • Nella sintesi dei neurotrasmettitori (acetilcolina).
  • Nei processi di transmetilazione (attraverso la trimetilglicina).
  • Integrando le membrane lipidiche delle cellule (in forma di fosfatidilcolina).
  • Contribuendo all’assorbimento dei grassi  (grazie alla presenza di fosfatidilcolina nella bile).

La colina è necessaria per il mantenimento dell’equilibrio dell’organismo, e la sua carenza è associata ad alterazioni del normale funzionamento cognitivo, disturbi epatici (NAFLD ed epatosteatosi), aumento delle concentrazioni di omocisteina e conseguente aumento del rischio di soffrire un incidente cardiovascolare potenzialmente letale…

È importante assumere la quantità sufficiente di colina per mantenere un buon stato di salute neurometabolica.

Coenzima Q10

Il coenzima Q10 è un chinone che nell’organismo agisce come catalizzatore della catena di trasporto degli elettroni e partecipa alla respirazione mitocondriale, quindi è essenziale per ottenere energia dal sistema ossidativo, sì, parlo con voi, atleti di endurance. 

Oltre a questo, il coenzima Q10 è vincolato al normale funzionamento del tessuto muscolare.

Non solo il muscolo cardiaco, già sappiamo che le riduzioni di coenzima Q10 influiscono negativamente sul suo funzionamento, ma anche dello scheletrico, perché la deplezione di coenzima Q10 conduce all’insorgenzia di mialgia e fatica.

L’esercizio fisico porta alla deplezione di coenzina Q10, quindi gli sportivi devono prestare speciale attenzione al consumo di questo nutriente.

Inoltre, la supplementazione con coenzima Q10 è stata associata ad aumenti delle sue concentrazioni nei testicoli, maggior densità e motilità degli spermatozoi, che può migliorare la fertilità maschile, causa di uno dei cinque tentativi insoddisfacenti di concepimento.

forest plot

Figura X. Forest-plot in cui vengono mostrati gli effetti del consumo di Coenzima Q10 sulle oncentrazioni di spermatozoi nello sperma e la loro motilità. A destra indica gli effetti positivi.

Saw Palmetto

Non mi dilungherò molto, perché avete già a disposizione un mio articolo specifico dove parlo di questo aspetto, potete leggerlo qui.

Gli acidi grassi del saw palmetto hanno dimostrato la capacità di esercitare una funzione inibitoria dell’enzima 5-alfa-reduttasi, controllando la riduzione di testosterone a DHT e può avere effetti positivi su:

  • L’iperplasia prostatica benigna.
  • LUTS (sintomi del tratto urinario inferiore come la disuria negli adulti)
  • Alopecia androgenetica.
  • Potenza sessuale (per l’inibizione parziale del fosfodiesterasi-5, che permette maggiori concentrazioni ossido nitrico e di conseguenza un maggior flusso di sangue al pene).

multivitaminici uomini

Resveratrolo

Si tratta di uno stilbenoide che è stato associato ad importanti effetti antiossidanti, antinfiammatori e neuroprotettivi in modelli in vivo, ed è attualmente considerato uno dei principali nutrienti con effetti anti-invecchiamento che esistono grazie alla sua interazione con le fosfodiesterasi, la proteina AMPK e SIRT1.

meccanismo biomolecolare

Figura XI. Meccanismo biomolecolare che spiega le interazioni di resveratrolo con bersagli anti e pro-infiammatori e gli effetti sulla salute.

Per approfondire di più sul Resveratrolo ti invito a dare un’occhiata a questo post.

Estratto di Semi di Uva

Molto ricchi di proantocianidine che hanno un effetto positivo su:

  • Il metabolismo del glucosio (migliorando la sensibilità all’insulina)
  • Il metabolismo dei lipidi (reducendo LDL-c e aumentando l’HDL).
  • Aumentando la biodisponibilità intracelluare di ossido nitrico per far fronte alla sovrapproduzione di superossidi da parte del NOS.

proantocianidine-antociani

Figura XII. Effetti del consumo di proantocianidine e antociani sul metabolismo del glucosio e dei lipidi. 

Cioè, agisce come agente schermante per la salute cardiometabolica migliorando la circolazione e riducendo eventualmente la pressione sanguigna, anche se sono necessari ulteriori studi sull’uomo per determinare questo aspetto.

Referenze Bibliografiche

  1. Arciero, P. J., Goran, M. I., & Poehlman, E. T. (1993). Resting metabolic rate is lower in women than in men. Journal of Applied Physiology (Bethesda, Md. : 1985), 75(6), 2514–2520.
  2. BS DJHMB. Androgen Physiology, Pharmacology and Abuse. [Updated 2016 Dec 12]. In: Feingold KR, Anawalt B, Boyce A, et al., editors. Endotext [Internet]. South Dartmouth (MA): MDText.com, Inc.; 2000-.
  3. EFSA Panel on Dietetic Products, N. and A. (NDA). (2010). Scientific Opinion on the substantiation of health claims related to zinc and maintenance of normal skin (ID 293), DNA synthesis and cell division (ID 293), contribution to normal protein synthesis (ID 293, 4293), maintenance of normal serum testosterone concentrations (ID 301), “normal growth” (ID 303), reduction of tiredness and fatigue (ID 304), contribution to normal carbohydrate metabolism (ID 382), maintenance of normal hair (ID 412), maintenance of normal nails (ID 412) and contribution to normal macronutrient metabolism (ID 2890) pursuant to Article 13(1) of Regulation (EC) No 1924/2006. EFSA Journal, 8(10), 1819.
  4. EFSA Panel on Dietetic Products, N. and A. (NDA). (2011). Scientific Opinion on the substantiation of health claims related to choline and contribution to normal lipid metabolism (ID 3186), maintenance of normal liver function (ID 1501), contribution to normal homocysteine metabolism (ID 3090), maintenance of normal neurological function (ID 1502), contribution to normal cognitive function (ID 1502), and brain and neurological development (ID 1503) pursuant to Article 13(1) of Regulation (EC) No 1924/2006. EFSA Journal, 9(4), 2056.
  5. Habib, F. K. (1978). Zinc and the steroid endocrinology of the human prostate. Journal of Steroid Biochemistry, 9(5), 403–407.
  6. Kruger, M. J., Davies, N., Myburgh, K. H., & Lecour, S. (2014). Proanthocyanidins, anthocyanins and cardiovascular diseases. Food Research International, 59, 41–52.
  7. Kyung Won Chung, Sook Young Kim, Wai-Yee Chan, & Rennert, O. M. (1986). Androgen receptors in ventral prostate glands of zinc deficient rats. Life Sciences, 38(4), 351–356.
  8. Lafuente, R., González-Comadrán, M., Solà, I., López, G., Brassesco, M., Carreras, R., & Checa, M. A. (2013). Coenzyme Q10 and male infertility: A meta-analysis. Journal of Assisted Reproduction and Genetics, 30(9), 1147–1156.
  9. Lei, K. Y., Abbasi, A., & Prasad, A. S. (1976). Function of pituitary gonadal axis in zinc deficient rats. American Journal of Physiology, 230(6), 1730–1732.
  10. McEwan IJ, Brinkmann AO. Androgen Physiology: Receptor and Metabolic Disorders. [Updated 2016 Jun 12]. In: Feingold KR, Anawalt B, Boyce A, et al., editors. Endotext [Internet]. South Dartmouth (MA): MDText.com, Inc.; 2000-.
  11. Netter, A., Nahoul, K., & Hartoma, R. (1981). Effect of zinc administration on plasma testosterone, dihydrotestosterone, and sperm count. Systems Biology in Reproductive Medicine, 7(1), 69–73.
  12. OM, A.-S., & Chung, K.-W. (1996). Dietary Zinc Deficiency Alters 5α-Reduction and Aromatization of Testosterone and Androgen and Estrogen Receptors in Rat Liver. The Journal of Nutrition, 126(4), 842–848.
  13. Prasad, A. S., Mantzoros, C. S., Beck, F. W. J., Hess, J. W., & Brewer, G. J. (1996). Zinc status and serum testosterone levels of healthy adults. Nutrition, 12(5), 344–348.

Voci Correlate

Valutazione Multivitaminico Speciale Uomo

Perché specifico - 100%

Benefici - 100%

Composizione - 100%

Raccomandazioni - 100%

100%

Valutazione HSN: 5 /5
Content Protection by DMCA.com
Su Alfredo Valdés
Alfredo Valdés
Specialista in allenamento in fisiopatologia metabolica e in effetti biomolecolari dell’alimentazione e esercizio fisico, vi parlerá nei suoi articoli del complesso mondo della nutrizione sportiva e clinica, in modo semplice e con senso critico.
Vedi Anche
Vitamina B12 alimenti
Alimenti Ricchi in Vitamina B12

La Vitamina B12 è presente in diversi alimenti, viene chiamata anche cobalamina o cianocobalamina. Fa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *