Mangiare Meglio: Consigli e Raccomandazioni

Mangiare Meglio: Consigli e Raccomandazioni

Mangiare meglio non è un compito facile, ma noi di HSN indicheremo alcuni consigli da mettere in pratica e ottenere maggiori benefici

Il modo in cui mangiamo è condizionato da un compendio di fattori che, pena la ridondanza, sono difficili da modificare. Difficile, ma non impossibile.

Parlo di:

  • Educazione (come ti hanno insegnato a mangiare),
  • Conoscenza (ciò che penso sia salutare o appropriato),
  • Possibilità (cosa mi permette di acquistare l’affitto),
  • Tempo (cosa mi dà il tempo di acquistare e cucinare),
  • Società (qual è il modo di mangiare nella mia società),
  • Abitudini (acquisite nel corso degli anni) o
  • Fattori di condizionamento psicosociale (come ansia o depressione, che influenzano notevolmente l’atto di mangiare).

Tuttavia, la missione dei professionisti della salute è fornire strumenti per facilitare un’alimentazione migliore per la popolazione possibile all’interno della loro gamma di possibilità.

Quindi oggi vedremo cinque strumenti pratici che tutti dovrebbero mettere in atto e che servono per mangiare meglio o almeno provarci 😉

1. L’atto di acquistare fa la differenza

Mangiare male o mangiare bene inizia sempre in negozio

Lì prendiamo, in pochi minuti, centinaia di decisioni.

La cosa peggiore: la maggior parte sono incoscienti.

Il punto chiave è la pianificazione. Avere una lista della spesa ponderata non ti impedirà di acquistare cibi malsani, ma sicuramente ridurrà al minimo le possibilità che ciò accada.

Come regola generale, svilupperei l’abitudine di non acquistare nulla senza una lista della spesa. Vale a dire, eliminare l’improvvisazione dall’atto di acquistare.

In questo modo elimineremmo abitudini come:

  • “Questi biscotti piacciono al mio bambino, li prendo. Tanto passa tutto il giorno a correre”
  • La scatola di ciambelle in offerta alla cassa
  • L’offerta del 2×1 della birra

E molto altro…

Devi entrare in un supermercato con la stessa mentalità di chi entra in un negozio: cercheranno di farti comprare a tutti i costi. Capisci il problema? Perdere il controllo è molto facile.

Se nessuno ti ha ancora parlato dei benefici di una dieta sana, è tempo che tu li conosca. Continua a leggere...

2. Riconoscere ciò che non è cibo è fondamentale

Uno dei problemi principali è che ci alimentiamo di prodotti e non di alimenti

I bambini hanno smesso di riconoscere l’origine del pesce, della carne, delle uova o del pane. “Del supermercato”, ti diranno.

Non importa quante critiche possano essere arrivare (e quelle che ancora devono arrivare), il movimento “Realfooding” o Real Food (Cibo Reale) era abbastanza necessario. Stavamo raggiungendo un punto di totale confusione in cui la popolazione non sapeva distinguere cosa era cibo e cosa non lo era.

Quindi, nonostante le mille sfumature di cui ha bisogno il movimento, è qualcosa di totalmente positivo per rendere la popolazione non addestrata e disinformata su che cosa è il cibo e cosa sono i prodotti commestibili. C’è un’enorme differenza.

Cibo reale

Che cosa ha ottenuto il movimento Realfooding? Una cosa sola: educare

Alla fine dei conti parliamo di educazione alimentare. Qualcosa che non fanno nelle scuole elementari o secondarie. Qualcosa che è stato fermato molto tempo fa nelle cucine delle case.

Oggi la nostra educazione alimentare si basa su annunci rivolti a bambini di 4 anni in cui vengono mescolati hamburger e giocattoli colorati per attirare la loro attenzione. La nostra educazione è governata, e questo è ancora più raccapriccianteda linee guida nutrizionali e raccomandazioni basate su, più che discutibili, ”prove scientifiche”

3. La domanda è: perché mangiamo?

Se riusciamo a rispondere in modo affidabile a questa domanda, abbiamo molto da vincere

Ma non è facile. È necessaria l’introspezione, un’analisi dettagliata delle tue sensazioni. Smetti di ascoltare la tua testa per un minuto e prova a capire cosa senti. La gente non sa come ci si sente.

Le persone agiscono in base a come si sentono, ma in realtà non sanno come si sentono.

Quasi tutte le emozioni “negative” possono indurti a mangiare. Il cibo è la droga più accettata a livello sociale. Molto più dell’alcol. Molto più del tabacco. Molto più di ogni altra cosa. Nei bambini, è l’unica “droga” accettata.

Puoi mangiare per…

  • Noia.
  • Paura.
  • Stanchezza.
  • Gola.
  • Tristezza.
  • Dispetto.
  • Trovare un po’ di piacere nella tua vita.
  • Solitudine.

Per mille situazioni diverse…

Capire il motivo è la sfida. Generare la consapevolezza è la sfida.

Applicazioni come Headspace ti aiuteranno a generare consapevolezza nella tua vita. Ha anche meditazioni volte a mangiare meglio e scoprire perché mangiamo. Però si, è in inglese

4. Stabilisci limiti chiari, fattibili e non soffocanti

Stabilisci regole nella tua vita, “rendila un gioco” in un certo modo

Questa può essere un’arma a doppio taglio e in gruppi di popolazione sensibili (che tendono ad essere ciò che mangiano già abbastanza bene) può portare a comportamenti “soffocanti”. Ma se hai buon senso, può essere uno strumento utile.

Alcuni esempi di limiti potrebbero essere:

  • Massimo un pasto fuori casa a settimana
  • Massimo 2 birre a settimana (se di solito ne bevo 5) o 1 (se di solito ne bevo 3).
  • Non più di 48 ore di seguito senza un allenamento e che sia di almeno 30 minuti
  • Non più di 90 minuti seduto

E inutile dire che, in ogni casa e in ogni persona, le raccomandazioni saranno (MOLTO) diverse. Trova un modo per divertirti quotidianamente. Man mano che raggiungi i tuoi obiettivi autoimposti, ti dirai un messaggio molto importante:

“Puoi fare quello che ti sei prefissato”

Fiducia

E questo genererà fiducia

E la fiducia è una palla di neve. Rotola e rotola. Ogni volta diventa più grande. Verrà un giorno in cui avrai ottenuto un tale controllo su te stesso e sulle tue decisioni che leggere questi tipi di post non avrà più alcun senso

5. Dai più consapevolezza nell’atto del mangiare

In base ai punti precedenti, specialmente dal terzo, abbiamo qui la raccomandazione diretta di essere più consapevoli prima, durante e anche dopo l’atto di mangiare

  • Che cos’è la sensibilizzazione?
  • Devo diventare un monaco buddista?
  • Devo pregare un mandala?

No.

La vedo in questo modo. L’atto di mangiare è un atto sacro. Non devi promulgare alcuna religione per realizzarlo. È un atto sacro per quello che implica: ti permette di rimanere vivo e in salute. Per coloro che non possono goderselo spesso.

Perché riflette necessariamente il lavoro di molte persone (ti sei mai soffermato a pensare quante persone ci vogliono per avere un piatto di cibo sulla tua tavola ogni giorno? – Pescatori, agricoltori, allevatori, trasportatori, fornitori, ecc…)

Ma soprattutto, perché dalle tue decisioni alimentari quotidiane dipende la tua salute

Aumenta la tua consapevolezza durante il pasto. Rimani presente e in contatto con te stesso. Evita le distrazioni. Evita i cellulari. Evita la televisione..

Quello che fai a tavola e in cucina ha delle ripercussioni. Costruisci abitudini. Modifica la tua salute. Influenza direttamente la tua qualità di vita. E per contiguità, in quella dei tuoi familiari e amici

Conclusioni

Mangiare meglio non dipende esclusivamente dall’individuo e dalle sue decisioni

I vincoli politici, sociali e persino geografici hanno contribuito e continueranno a contribuire a far mangiare meglio o peggio le persone.

Se per un attimo mettiamo da parte queste tutte condizioni, che non possono essere modificate nel breve termine (ma sì nel medio o lungo termine) e ci concentriamo sul quotidiano, su quello che possiamo fare quotidianamente nelle nostre case e nei supermercati, ci sono azioni che possiamo intraprendere.

Quelli elencati in questo articolo sono solo alcuni dei tanti altri. Se ti è stato utile, non dimenticare di condividerlo

Ci vediamo nel prossimo post. Continuiamo a potenziarci!

Voci Correlate

  • Perché è necessario infondere abitudini sane dall’infanzia?
  • Ti sei chiesto perché la gente non fa esercizio fisico? Clicca qui per scoprire la risposta.
Valutazione Consigli per Mangiare Meglio

Fare la lista della spesa - 100%

Educazione nutrizionale - 100%

Realfooding - 100%

Stabilire limiti fattibili - 100%

100%

Valutazione HSN: 5 /5
Content Protection by DMCA.com
Su Borja Bandera
Borja Bandera
Borja Bandera è un giovane medico che si dedica all’area della nutrizione, esercizio e metabolismo, che combina con la sua attività clinica insieme alla sua vocazione divulgativa e di ricerca.
Vedi Anche
L'importanza degli Esercizi Posturali in Ufficio
L’importanza degli Esercizi Posturali in Ufficio

Una corretta ergonomia dell’attrezzatura e lo svolgimento degli esercizi posturali in ufficio sono fondamentali per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *