6 modi per essere più resilienti

6 modi per essere più resilienti

Oggi analizzeremo varie strategie da attuare nella tua vita quotidiana per renderti più resistente, per diventare una persona anti-fragile che beneficia degli incidenti di percorso che ti aspettano

Nel post precedente descriviamo la resilienza come la capacità di far fronte, sopportare, e persino trarre vantaggio dalle battute d’arresto che la vita ha preparato per tutti noi.Sin dai tempi antichi, l’essere umano ha cercato modi per diventare più resiliente.

La contraddizione di oggi

La contraddizione che sperimentiamo quotidianamente è che più siamo avanzati in termini di possibilità e tecnologie, meno resilienti ai colpi della vita che sembriamo essere. Siamo diventati una società tanto intelligente e avanzata quanto morbida e fragile, sul terreno psicologico e fisico.

Molte di queste strategie derivano dalla filosofia stoica. Filosofi come Marco Aurelio ci hanno lasciato un intero retaggio di prescrizioni per la vita che oggi sono tanto o più importanti di quando sono state create.

Saggezza

Antica saggezza per i nuovi tempi

Altri sono semplicemente il risultato di osservazioni quotidiane ed errore-prova. Quindi sono sicuro che tu, lettore, puoi contribuire in molti altri modi ad aumentare la nostra resilienza, quindi ti incoraggio a farlo nella sezione commenti

Visualizzazione negativa: qual è il peggio che può succedere?

Una delle pratiche più sorprendenti e machiavelliche degli stoici consisteva nel visualizzare periodicamente una situazione catastrofica o contemplare una certa quantità di stress, come la perdita di una persona cara, una relazione romantica o un’appartenenza molto stimata.

Siamo pazzi?, espetta…

Chi non ha familiarità con questa strategia potrebbe pensare alla futilità di “soffrire inutilmente” immaginando tali situazioni. Tuttavia, se ci provi, vedrai che è una pratica piuttosto utile.

Questo per diverse ragioni, la più importante è il fatto che, quando visualizzi e senti la perdita in questione, inizi immediatamente a iniziare a valorizzarla di più quando ti rendi conto di continuare ad avere quella persona o appartenenza accanto.

Nella maggior parte dei casi, gli esseri umani commettono un grave errore che io chiamo “pregiudizio di permanenza illusoria” e che consiste proprio nel presumere che ciò che hai oggi con te sarà sempre con te. Ciò porta a valutare il bene prezioso sempre meno col passare del tempo. Trasporta un adattamento edonico che passa fattura, perché un giorno quel bene prezioso non sarà al tuo fianco.Quindi siediti, chiudi gli occhie passa 5 minuti a immaginarti nella testa:

  • Senza quella bella casa
  • Dormendo sul marciapiede il 2 marzo
  • Al funerale di una persona cara, in lutto per la sua perdita inaspettata
  • Senza gambe e su sedia a rotelle
  • In ospedale con una diagnosi terminale
Gratitudine

Fidati di me, quando riaprirai gli occhi, sentirai una vera sensazione di gratitudine che può farti molto bene

La seconda ragione che giustifica questa pratica è che ti prepara alla situazione in questione, considerandola, anche se inconsciamente, una possibilità.

Una possibilità che, se manifestata, farà male, ma farà molto più male se non lo avessi considerato precedentemente possibile

Astinenza volontaria e intermittente

Chiameremo semplicemente la seconda delle tecniche da attuare “astinenza volontaria”. Con questo intendo, volontariamente e con una certa periodicità, astenersi e rifiutare volontariamente i piaceri quotidiani a cui altrimenti avresti detto di sì.

Avere ciò che vuoi quando vuoi genera solo debolezza

Quel pezzo di torta, quel cibo delizioso, quell’ora di sonno in più o quel capriccio materiale inutile possono essere buoni esempi di oggetti di astinenza. Questo tipo di rinuncia volontaria era anche una pratica comune tra gli antichi stoici, e cerca solo di aggiungere un po ‘di equilibrio all’eccessivo edonismo che regna nei nostri giorni.

A questo proposito, la pratica di digiuno intermittente, oltre a offrirti sostanziali benefici cardiometabolici, può anche offrirti benefici psicologici di questo tipo. Rinunciare volontariamente al cibo temporaneamente può liberarti psicologicamente da quell’attaccamento patologico ad esso.

Queste lievi rinuncie ti faranno assaporare la vita di più. Ciò che viene goduto ogni giorno viene presto interrotto. Questo è il vantaggio più diretto dell’astinenza volontaria in qualsiasi aspetto della vita.

Astinenza volontaria

Ti godrai molto di più di quel dessert, quel pomeriggio libero o quel momento di pigrizia se è raro nella tua routine quotidiana che se ti lo fai ogni giorno.

Ciò che è scarso è prezioso. Ciò che scarso è desiderato. Ciò che è scarso è goduto di più.

Diventa resiliente coltivando il distacco dalle cose materiali e rinunciandoci per periodi di tempo limitati

Comprendi il tutto

Noi umani abbiamo difficoltà a comprendere i fatti come un tutto interconnesso e spesso prestiamo attenzione solo alla storia limitata che i nostri pensieri ci dicono.

Non si verificano eventi isolati e disconnessi. La realtà, quella che è, è un’infinita interconnessione di eventi in cui, in un dato momento, ti vedi protagonista:

  • È allora che la tua mente ti dirà la “bugia della vittima”.
  • Ti dirà perché questo deve accadere a te.
  • Ti paragonerà al vicino, che non è così infelice.
  • Raccoglierà mille storie sul perché ciò non dovrebbe accadere e sul perché sei così sfortunato.
  • Ti farà sentire davvero male.

Ma quando capisci che quello che ti succede in questo dato momento, fa parte di un tutto infinitamente complesso, e in cui sei solo un minuscolo pezzo dell’attrezzatura, la resistenza che offriamo di fronte alla catastrofe è indebolita.

Tieni presente la banalità della nostra esistenza. Anche nomi come Galileo, Marco Aurelio o Da Vinci non significheranno nulla in 100.000 o 200.000 anni, un tempo che su scala cosmica non è così incommensurabile.

Positivismo

Il tuo dolore, la tua storia, il tuo evento, è importante solo per il tuo micromondo e dei tuoi. Questo non smetterà automaticamente di farti soffrire, ma può togliere inerzia a quel torrente di dolore che stai attraversando.

Relativizza la tua perdita a ciò che è più grande di te e soprattutto, pensa che accadrà assolutamente tutto, il bene e il male

Come posso beneficiare di questa situazione?

Sì, in tutte, assolutamente tutte le situazioni, puoi ottenere qualcosa di positivo

Se devo attenermi a una strategia specifica, seguirò questa. Prima di qualsiasi catastrofe vitale che devi affrontare, chiediti quanto segue: cosa posso estrapolare da questa situazione?

  • Molti detenuti dei campi di concentramento nazisti divennero attivisti per la pace.
  • Le persone che hanno subito situazioni di abuso di ogni tipo stanno oggi tengono dei colloqui per aiutare gli altri che hanno vissuto lo stesso.
  • Lo fanno anche le donne che hanno attraversato una situazione di violenza di genere.
  • O bambini che hanno subito bullismo, come Jesús Vázquez.
  • O altri che hanno subito abusi sessuali, come James Rhodes.
Vita

Tutti hanno in comune il fatto di aver saputo diventare alchimisti della propria sofferenza e hanno saputo trasformarlo in qualcosa di positivo, aiutando gli altri lungo la strada

Ogni processo traumatico, quindi, con tutte le tracce di dolore che lascia dietro, contiene il seme di qualcosa di positivo. MA devi cercarlo. Devi chiederti cosa puoi ottenere da questo

Accetta senza resistenza ciò che è

Gran parte del dolore che provi quando attraversi una brutta striscia non risiede nell’evento stesso, ma nella resistenza interna che inconsciamente sviluppiamo nella situazione

Resistenza e accettazione sono opposti. Accettare la situazione così com’è può sembrare violenta o inaccettabile per molti, ma è un modo diretto per ridurre la dose di dolore quotidiano. Per rimuovere ulteriori livelli di martirio creati dalla mente.

È quel che è. È un fatto. Accettarlo non significa che non puoi fare nulla per cambiare la situazione, è nelle tue mani farlo.

Accettazione

Accettarlo significa non offrire più resistenza interna alla situazione, perché quella resistenza non cambia la situazione, ma genera più sofferenza in te

Pertanto, accettare non è un atto di debolezza, ma di forza. Non è un atto di codardia, ma di resilienza

Sviluppare calli per la vita

“Tutti vogliono andare in paradiso, ma nessuno vuole morire”

Il primo passo della resilienza è rendersi conto e tenere presente che la vita, anche se è meravigliosa, ti farà sentire una buona quantità di dolore, a volte in un modo previsto e a volte inaspettato.

Sviluppare la consapevolezza di questo fatto è il primo passo, ma non è sufficiente per diventare una persona resiliente.

David Goggins, ultra-atleta da molti considerato l’ “l’uomo più duro del pianeta”, afferma che quando si allena non si allena solo per essere più veloce, resistente, forte o per raggiungere un certo record, ma:

  • Si allena per quella possibile chiamata alle 2 del mattino che porta la notizia di una madre deceduta
  • Si allena per quell’incidente d’auto
  • Allena la sua mente e il suo corpo su base giornaliera per essere pronto quando colpisce la tragedia
  • Si allena per la vita
David Goggins

Questo è forgiare la resilienza

Renditi forte quando il sole è alto, per rimanere forte quando arriva la tempesta. Sviluppa calli per la vita, perché ne avrai bisogno

Ti è piaciuto il post? Lasciami il tuo feedback nei commenti. Ci vediamo al prossimo!

Voci correlate

  • Come aumentare la forza di volontà?
  • La meditazione come rimedio contro la depressione e l'ansia
Valutazione Forgiare Resilienza

Visualizzazione negativa - 100%

Astinenza volontaria - 100%

Comprendere il tutto - 100%

Prendere il positivo da qualcosa di male - 100%

Accettare senza resistenza - 100%

Sviluppare calli per la vita - 100%

100%

Valutazione HSN: 5 /5
Content Protection by DMCA.com
Su Borja Bandera
Borja Bandera
Borja Bandera è un giovane medico che si dedica all’area della nutrizione, esercizio e metabolismo, che combina con la sua attività clinica insieme alla sua vocazione divulgativa e di ricerca.
Vedi Anche
Allenamento e stretching
Allenamento al Caldo: Linee Guida di Base

È importante tenere conto di alcune considerazioni di base relative alla termoregolazione quando si tratta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *