Lesioni nel Calcio, si possono evitare?

Lesioni nel Calcio, si possono evitare?

Il calcio è considerato uno sport con un alto rischio di lesioni, poiché è uno sport in cui vengono eseguite azioni intermittenti ad alta intensità e contatto tra i giocatori di entrambi l’attrezzatura è, nella maggior parte dei casi, inevitabile.

In questo post cercherò di introdurre i diversi infortuni che un calciatore può subire, i più comuni, nonché come potrebbero essere evitati o trattati. Il mio obiettivo nelle prossime settimane sarà quello di parlare indipendentemente da ciascuno.

Che cos’è un infortunio nel calcio?

Nel calcio, intendiamo per lesione quel fatto che si verifica durante una sessione di allenamento o una competizione e che rende impossibile per il giocatore finire tale sessione di allenamento o partita.

Che cos’è una lesione nel calcio?

L’incidenza degli infortuni nel calcio professionistico è stata ampiamente studiata e gli autori la collocano, in media, tra 5 e 9 infortuni per 1.000 ore di esposizione (o qual è il se stesso, di praticare sport); l’incidenza degli infortuni è durante le partite 6 volte superiore che durante l’allenamento.

Tipi di lesioni

Per quanto riguarda la tipologia di infortuni, esistono classificazioni diverse in base ai criteri su cui ci concentriamo. Se li valutiamo in base alla loro durata, possiamo distinguere tra lesioni lievi (1-7 giorni di riposo) e moderate (7-30 giorni di riposo) e serio (più di 30 giorni di riposo).

Se invece li classifichiamo in base alla zona o al tessuto interessato, le principali lesioni che troveremo saranno:

Lesioni Muscolari: sono prodotte nel tessuto muscolare da sforzi eccessivi o traumi. Sono divise, a loro volta, in:

  • Lesioni muscolari di grado 0: lieve destrutturazione, colloquialmente nota come contrattura.
  • Grado 1: rottura di piccole fibre, nota anche come rottura micro.
  • Grado 2: rottura di un numero maggiore di fibre e tessuto connettivo con comparsa di ematoma.
  • Grado 3: rottura significativa o completa nella continuità delle fibre, sarà caratterizzata da impotenza funzionale.

Tipi di lesioni nel calcio

Le lesioni muscolari sono le più comuni in un campo di calcio?

Lesioni Legamentose: colpiscono i legamenti e si producono tendendoli eccessivamente, dando origine alle famose distorsioni. Anche questi tipi di lesioni saranno divisi in gradi in base alla loro gravità:

  • Distorsione di grado 1: allungamento eccessivo senza destrutturazione o rottura del tessuto.
  • Grado 2: rottura parziale del legamento.
  • Grado 3: lacerazione totale o lacerazione del legamento.

Lesioni tendinee o tendinopatie: i tendini sono le strutture che uniscono i muscoli alle ossa e sono responsabili della trasmissione del movimento prodotto dalle contrazioni muscolari al nostro scheletro, quindi assumeranno un grande assorbimento forze che possono portare a lesioni da uso eccessivo dei tendini.

Lesioni ossee: sono quelle lesioni che colpiscono le nostre ossa. Principalmente, abbiamo riscontrato 2 tipi di lesioni: da contatto (a causa di traumi) e senza contatto (fratture da stress).

Gli infortuni nel calcio più comuni

Gli infortuni che si verificano più frequentemente nel calcio sono quelli di tipo muscolare, che ammontano al 36% di tutti gli infortuni che si verificano in una squadra durante di tutta la stagione.

All’interno delle lesioni muscolari, l’area interessata in misura maggiore è l’area della coscia, che rappresenta il 36,6% di tutte le lesioni muscolari in un modello di calcio.

Percentuale di lesione più comuni nel calcio

Conosci quali sono le lesioni più comuni nel calcio? Ecco i dati.

Al secondo posto, troveremo le lesioni di tipo legamentoso, con circa il 20% di lesioni. All’interno di questo tipo di lesioni, le più comuni sono le distorsioni caviglia, così come ginocchio (principalmente legamenti laterali esterni e interni).

Qual è il peggior infortunio che può subire un calciatore?

Sebbene non ci siano ferite buone e ferite gravi, ci saranno alcune lesioni la cui prognosi al momento del recupero sarà migliore o peggiore.

Come abbiamo discusso in precedenza in questo articolo, gli infortuni a lungo termine saranno i peggiori infortuni che un calciatore può subire, poiché lo terranno fuori dal campo per una lunga stagione.

Tra questi infortuni, ne evidenzieremo due per la loro gravità:

  • Rottura del legamento crociato anteriore: situato all’interno dell’articolazione del ginocchio, questo piccolo legamento funge da collegamento tra il femore e la tibia, fornendo stabilità al giunto. Il suo trattamento è solitamente chirurgico, sostituendo il legamento lacerato con una porzione del tendine (generalmente il tendine del ginocchio o il tendine rotuleo). Il suo recupero durerà tra i 6-9 mesi, anche se è vero che la letteratura indica che qualsiasi ritorno alle competizioni prima dei 9 mesi comporterà un alto rischio di ricaduta.

Lesione del ginocchio nel calcio

Lesione del ginocchio o del legamento crociato, la lesione più temuta nel calcio per il tempo di recupero.

  • Rottura del Tendine di Achille: situato nella parte inferiore della nostra catena posteriore, questo tendine funge da collegamento tra la gamba e il piede, assorbendo e trasmettendo forze durante praticamente tutti i movimenti che eseguiamo sul campo. Questo tendine di solito si rompe a causa di un uso eccessivo e la sua rottura di solito è completa. Il suo trattamento è chirurgico. Dopo l’operazione, sono necessari circa 4 mesi per riapplicare il carico alla struttura, anche se il recupero completo durerà fino a 12 mesi.

Come si curano le lesioni nel calcio

Non esiste un trattamento standard per gli infortuni nel calcio poiché, come abbiamo visto, ogni infortunio avrà caratteristiche molto definite che guideranno il processo di recupero. Tuttavia, esistono alcune pratiche comuni a tutti.

Uno dei più concordati dalla letteratura scientifica è che la mobilitazione precoce aiuta il recupero a essere migliore.

Di solito sentiamo medici di medicina non sportiva che prescrivono il riposo assoluto in caso di infortunio sportivo. Tuttavia, questo non è vantaggioso per l’atleta, poiché ostacola il corretto recupero dei tessuti.

Quello che dobbiamo fare, secondo la scienza ci mostra, è adattare i carichi di lavoro e di allenamento in base all’infortunio che abbiamo subito, in modo che il nostro metabolismo rimanga il più attivo possibile e l’intero processo di recupero biologico dei tessuti è migliore.

Ad esempio, in caso di lesione muscolare di grado 1 nel quadricipite retto anteriore, il riposo assoluto farà rigenerare il nostro muscolo con una cicatrice del tessuto connettivo (comunemente nota come fibrosi) che predisporrà il nostro muscolo a nuove lesioni.

Una mobilizzazione precoce, adattata alla lesione, aiuterà a ridurre al minimo questa fibrosi e a rigenerare le fibre con il corretto orientamento, riducendo le possibilità di ricaduta.

Un esempio potrebbe essere il lavoro aerobico senza impatto, come andare in bicicletta, lavoro di mobilità e contrazioni isometriche (senza accorciare-allungare le fibre).

Come prevenire le lesioni nel calcio?

Quale lavoro deve seguire il calciatore quando è rimasto infortunato??

Lavoro di prevenzione

Come si suol dire, ”prevenire è meglio che curare” e, sebbene sia vero che non tutte le lesioni possono essere prevenute, possiamo ridurre la probabilità di soffrirne.

Quando si parla di prevenzione, viene in mente il lavoro di forza in palestra. Questo lavoro sarà un pilastro molto importante nella nostra strategia di prevenzione, ma non sarà l’unico.

La natura degli infortuni è multifattoriale e, quindi, se dedichiamo tutti i nostri sforzi a un singolo fattore, come la forza, lasceremo da parte altri fattori altrettanto importanti.

Tra questi fattori, metteremo in evidenza la buona mobilità articolare, una tecnica il più raffinata possibile e ciò che conosciamo come allenamento invisibile. Inoltre, dobbiamo controllare altri fattori come lo stress e consumo di alcol, poiché saranno i nostri nemici nel ridurre questo rischio di lesioni.

Vuoi saperne di più sull’allenamento invisibile e la sua relazione con le prestazioni nel mondo dello sport? Ti spiego tutto. Accedi.

Consigli per evitare gli infortuni

Il consiglio principale per evitare infortuni è quello di conoscersi bene e prenderti cura di te 24 ore al giorno, non solo le 2 o 3 ore che passiamo in campo.

Una buona alimentazione e idratazione che ci aiuti ad avere sempre l’energia disponibile durante l’allenamento e ci fornisca tutti i nutrienti necessari per un corretto recupero sarà fondamentale per evitare di ferirci

Come si lavora nello specifico una lesione?

Lavoro quotidiano, cura e professionalità sono i punti chiave del calciatore.

Se notiamo fastidio, sovraccarico o sensazione di disagio, dobbiamo essere in grado di fermarci poiché, forse, il nostro corpo ci sta avvertendo che qualcosa non va. D’altra parte, dobbiamo essere onesti e presumere che giocare con il disagio nella maggior parte dei casi non sarà vantaggioso per nessuno.

Infine, seguire un buon lavoro di prevenzione che includa un lavoro di forza specifico per il calcio, la mobilità articolare e una grande stabilità del CORE sarà la chiave per ridurre il rischio di subire un infortunio.

Bibliografia

Voci Correlate

  • Quanto è importante l’idratazione nel calcio? Leggi l’articolo.
  • Sai che cosa mangia un giocatore di calcio nella sua quotidianità per offrire le massime prestazioni? Te lo raccontiamo qui. Prendi appunti.
  • Lavoro di forza che deve eseguire un calciatore. Deve andare in palestra? Clicca e leggi.
Valutazione Lesioni più comuni nel Calcio

Tipi - 100%

Le più Comuni - 100%

Come si curano le lesioni - 100%

Consigli per non rimanere infortunato - 100%

100%

Valutazione HSN: 5 /5
Content Protection by DMCA.com
Su Carlos Gallardo
Carlos Gallardo
Oltre ad essere riqualificatore fisico del Rayo Vallecano di Madrid lavora instancabilmente anche nella divulgazione scientifica. In questo modo cerca di avvicinare le nuove tecniche di recupero e di lavoro nei suoi articoli specializzati nel blog di HSN.
Vedi Anche
Volume Muscolare Influisce sulle Prestazioni del Calciatore
Il Volume Muscolare Influisce sulle Prestazioni del Calciatore?

Il calcio è uno sport complesso in cui la prestazione di un giocatore è il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *