Lesione al ginocchio nel calcio: prevenzione e trattamento

Lesione al ginocchio nel calcio: prevenzione e trattamento

In uno sport come il calcio, le cui azioni determinanti si verificano in modo intermittente e ad alta intensità, le articolazioni del giocatore sono soggette a un alto livello di domanda con bruschi cambi di direzione ad alta velocità, frenate, partenze e salti, a volte disturbati da rivali che sbilanciano i giocatori e li abbattono. In questo post intendo parliamo di lesioni del ginocchio nel calcio, una delle più grandi paure in campo.

La lesione più grave nel calcio

Le articolazioni che soffrono maggiormente del suddetto stress sono quelle della parte inferiore del corpo, evidenziando le ginocchia, poiché si trovano al centro della leva, tra altre due articolazioni tali sono l’anca e la caviglia.

Perché un calciatore si infortuna al ginocchio?

Il ginocchio è l’articolazione che soffre di più nel mondo del calcio?

Le ginocchia sono un tipo di articolazione chiamata diartrosi. La sua funzione principale è quella di consentire la flessione e l’estensione della gamba, collegando la coscia (il femore) con la gamba (la tibia). Inoltre, la rotula sarà la terza componente ossea di questa articolazione.

Questa articolazione complessa è stabilizzata grazie ad una serie di legamenti presenti sia all’interno della capsula articolare (legamento crociato anteriore e legamento crociato posteriore), come all’esterno di esso (legamento laterale interno, legamento laterale esterno).

Inoltre, i muscoli della gamba avranno il compito di fornire mobilità all’articolazione, oltre a proteggerla. All’interno di questi muscoli troviamo principalmente i quadricipiti, adduttori e muscoli posteriori della coscia.

Infine, per evitare che l’impatto tra la testa distale del femore e la testa prossimale della tibia finisca per logorare le ossa, i menischi (interni ed esterni) fungeranno da cuscinetti per assorbire questi impatti.

In che modo un calciatore si infortuna al ginocchio?

Come abbiamo accennato, l’articolazione del ginocchio consente movimenti di flessione ed estensione.

Un calciatore può evitare di infortunarsi al ginocchio?

Perché un calciatore si infortuna al ginocchio?

Tuttavia, questi movimenti, che si verificano nella maggior parte delle azioni nel calcio, non si verificano sempre su un unico piano (come accade durante la corsa lineare), ma sono accompagnati da cambi di direzione e virate che producono una rotazione in l’articolazione o un altro movimento per il quale il ginocchio non è preparato.

Quali sono le lesioni al ginocchio più comuni nel calcio?

Le lesioni al ginocchio possono essere classificati a grandi linee in 3 tipi, più un quarto evidenziato alla fine come il più temuto dai calciatori, a causa della sua gravità.

Lesioni legamentose

Colpiscono i legamenti dell’articolazione e possono essere classificati, a loro volta, in intracapsulari ed extracapsulari, a seconda che si trovino all’interno o all’esterno della capsula articolare.

Inoltre, a seconda della gravità e del livello di coinvolgimento del legamento, possiamo parlare di distorsioni (quando il legamento è teso eccessivamente senza rotture) o rotture (che possono essere parziali o complete).

All’interno di questo tipo di lesione, evidenzieremo le distorsioni del legamento e la rottura del legamento crociato anteriore.

Come un calciatore dovrebbe proteggere le sue ginocchia

  • Distorsioni dei Legamenti: se le forze che agiscono sul ginocchio in una direzione diversa dalla flessione e dall’estensione sono lievi, i nostri legamenti e muscoli, attraverso i meccanocettori che costituiscono, saranno in grado di stabilizzare il ginocchio. Tuttavia, poiché il calcio è uno sport ad alta intensità, queste azioni raramente si verificano a bassa intensità, quindi una tale quantità di forza da sostenere in un singolo istante causerà un allungamento eccessivo dei legamenti, con conseguente distorsione. Se la forza è ancora più alta, il legamento potrebbe rompersi. A seconda della direzione delle forze che la nostra articolazione non può sopportare, subiremo un infortunio a un legamento o all’altro. A volte più di un legamento può essere danneggiato allo stesso tempo.
  • Rottura del Legamento Crociato Anteriore: è un legamento intracapsulare che collega la testa del femore con quella della tibia. Il principale meccanismo di lesione a questo legamento si verifica con un ginocchio valgo, quando il ginocchio è flesso e in rotazione interna. Un altro meccanismo di lesione abbastanza comune per questo legamento è durante l’atterraggio dopo un salto, quando l’articolazione diventa destabilizzata e si verifica quel valgo che allunga eccessivamente il legamento fino a romperlo. Come regola generale, questo infortunio richiede un intervento chirurgico e il suo recupero (nonostante i calciatori insistano per abbreviare i termini), non si verificherà, almeno, fino a 9 mesi dopo l’intervento.

Lesioni muscolo-tendinee

Questo tipo di lesione non colpisce direttamente l’articolazione del ginocchio, ma i muscoli che la circondano e, nello specifico, i tendini che si inseriscono attorno ad essa.

Come trattare una lesione al ginocchio nel calcio

Queste lesioni sono causate da un uso eccessivo dei muscoli che porta alla degenerazione dei tendini, che causa dolore e spesso impedisce la pratica sportiva. La lesione più comune all’interno di questo gruppo è:

  • Tendinopatia Rotulea: il tendine rotuleo è incaricato di collegare la rotula con la tibia. Questo tendine è un’estensione del tendine del quadricipite sotto la rotula ed è essenziale per l’estensione del ginocchio. Questo tipo di lesione è solitamente cronica. È prodotto da un uso eccessivo dei muscoli quadricipiti che tirano il tendine, producendo gradualmente una degenerazione delle sue fibre di collagene. Una delle azioni principali che degenerano questo tendine è il salto, essendo l’atterraggio il momento in cui sopporta la massima tensione, poiché sarà il quadricipite ad attutire, eccentricamente, l’inerzia della caduta.

Lesioni del Menisco

Come abbiamo discusso in precedenza, i menischi (interni ed esterni) sono responsabili dell’ammortizzazione e assorbimento degli impatti tra il femore e la tibia, per evitare che degenerino, portando all’osteoartrite.

Qual è la gravità di una lesione al ginocchio nel calcio

La pandemia ha portato anche altri tipi di ferite, sapete quali sono le più comuni?

La lesione principale è la rottura del menisco, che può essere causata da un impatto troppo forte o da una rotazione molto pronunciata in cui entrambe le ossa pizzicano il tessuto fino a romperlo.

Triade

Infine, uno degli infortuni più temuti dai calciatori è noto come la triade, in cui un’azione molto aggressiva del ginocchio valgo danneggia contemporaneamente il legamento crociato anteriore, il menisco mediale e il legamento laterale mediale.

Come la rottura del legamento crociato anteriore, la triade nel calcio richiede un intervento chirurgico per sostituire il legamento con un innesto di tendine, nonché per la ricostruzione del menisco.

I tempi di recupero saranno gli stessi della ricostruzione del legamento crociato anteriore isolato.

Come può il calciatore prevenire una lesioni del ginocchio nel calcio?

Il ginocchio è un’articolazione che richiede una grande stabilità per rimanere in salute. Quindi, la prevenzione degli infortuni incentrata sulla riduzione delle possibilità di subire un infortunio al ginocchio andrà, in larga misura, lavorando su questa stabilità del ginocchio.

Per raggiungere quella stabilità desiderata, dobbiamo prendere in considerazione tutti gli agenti che vi partecipano. Innanzitutto dobbiamo lavorare i muscoli che proteggono l’articolazione, in questo caso: quadricipiti, ischiocrurali e adduttori, principalmente.

Uno scompenso tra questi gruppi muscolari può portare all’instabilità del ginocchio, che aumenterà le possibilità di un futuro infortunio.

D’altra parte, sarà molto importante lavorare sulla propriocezione. Vuoi saperne di più su questo allenamento? Hai una spiegazione completa nel post specifico che i colleghi di HSN hanno creato.

In molte occasioni abbiamo visto atleti su superfici instabili eseguire esercizi più tipici del circo che della sua modalità sportiva. Sebbene sia vero che stiano attivando il loro sistema propriocettore, lo stanno facendo con movimenti e informazioni sensoriali molto diversi da quelli che troveranno nel loro sport.

Per questo motivo, il lavoro propriocettivo nel calcio dovrebbe essere finalizzato a offrire stimoli alle articolazioni simili a quelli che troverai in competizione, come azioni su una gamba (colpire, passare), atterrare con l’opposizione di un rivale, disturbi che mettono in pericolo l’instabilità (carichi o spinte), ecc…

Esercizi di prevenzione per lesioni del ginocchio nel calcio

Come abbiamo visto in questo articolo, le lesioni al ginocchio sono molto numerose, quindi ogni tipo di lesione, avendo un meccanismo di lesione diverso, richiederà esercizi diversi per ridurre al minimo il rischio di subirle.

Detto questo, ci saranno alcuni esercizi comuni a tutti, come lo squat a una gamba, lo squat eccentrico su cintura russa, il lavoro pliometrico, tutti i lavori sulla puleggia conica, così come il lavoro di adduttori e abduttori, generalmente, con elastici.

Uno dei muscoli che dobbiamo prendere in considerazione per mantenere un ginocchio sano sarà il gluteo medio.

L’attivazione di questo muscolo durante la corsa avrà il compito di evitare quel ginocchio valgo (quando il ginocchio va verso l’interno) che metterà in pericolo i nostri legamenti.

La debolezza di questo muscolo sarà un importante fattore di rischio per le lesioni al ginocchio.

Raccomandazioni

La raccomandazione principale per una prevenzione efficace delle lesioni al ginocchio è che il lavoro preventivo è una parte in più della tua routine di allenamento settimanale. Dobbiamo abituarci a fare questo tipo di lavoro, almeno due giorni a settimana sempre sotto la supervisione di un professionista.

Raccomandazioni per evitare lesioni del ginocchio nel calcio

Segui i consigli dei professionisti del fitness di calcio.

Dobbiamo anche essere chiari che svolgere un lavoro preventivo non significa che non ci faremo del male, ma che stiamo riducendo le possibilità massime che ciò accada e, se accade, che le nostre strutture sono nel miglior stato possibile, che promuoverà una buona ripresa.

Infine, come abbiamo già commentato in più occasioni, sarà inutile svolgere molto lavoro preventivo se il nostro riposo, la nostra dieta e la nostra alimentazione non accompagnano questo lavoro.

Il recupero e l’adattamento dei nostri tessuti all’allenamento e alla competizione non saranno adeguati e questo aumenterà il nostro rischio di lesioni.

Bibliografia

Voci Correlate

Valutazione Lesioni del Ginocchio nel Calcio

Perché un calciatore si infortuna al ginocchio - 100%

Tipi - 100%

Prevenzione - 100%

Raccomandazioni - 100%

100%

Valutazione HSN: 5 /5
Content Protection by DMCA.com
Su Carlos Gallardo
Carlos Gallardo
Oltre ad essere riqualificatore fisico del Rayo Vallecano di Madrid lavora instancabilmente anche nella divulgazione scientifica. In questo modo cerca di avvicinare le nuove tecniche di recupero e di lavoro nei suoi articoli specializzati nel blog di HSN.
Vedi Anche
Lesione Ischio-tibiale nel Calcio
Lesione Ischio-tibiale nel Calcio: Prevenzione e Trattamento

Giochi a calcio e temi gli infortuni muscolari? È vero che puoi soffrirne e tra …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *