Commento razzista di Greg Glassman CEO di CrossFit

Commento razzista di Greg Glassman CEO di CrossFit

Il tweet irrispettoso di Greg Glassman CEO di CrossFit® che ha mobilitato l’intera comunità.

Aggiornato al 10/06/2020

Glassman si ritira e passa il testimone a Dave Castro

Greg Glassman:

“Sto rinunciando alla carica di CEO di CrossFit, Inc. e ho deciso di ritirarmi. Sabato ho creato un conflitto nella comunità di CrossFit e ho ferito involontariamente molti dei suoi membri.

Da quando ho fondato CrossFit 20 anni fa, è diventata una delle reti di palestra più grandi del mondo. Tutti sono alleati nell’offrire una soluzione distinta al fastidioso problema delle malattie croniche.

Creare CrossFit e supportare affiliati e legioni di allenatori professionisti è stato un lavoro d’amore.

Chi mi conosce sa che la mia unica materia è l’epidemia delle malattie croniche. So che CrossFit è la soluzione a questa epidemia e che la sede centrale di CrossFit e il suo personale servono come gestori delle affiliate CrossFit in tutto il mondo.

Non posso lasciare che il mio comportamento prevalga sul percorso della missione del quartier generale o degli affiliati. Sono troppo importanti per metterli in pericolo.”

Dave Castro:

CrossFit è una comunità – Qualcosa di globale, diverso e tenace.

Tutti nella nostra comunità condividono un legame comune. Siamo tutti dediti a creare un approccio visionario e trasformativo verso il fitness e la salute. Le nostre passioni individuali per questo approccio hanno forgiato una comunità duratura.

La nostra comunità è profondamente ferita. I nostri legami condivisi riuniscono milioni di persone con opinioni, punti di vista ed esperienze diversi.

La ferita è inevitabile. Anche lo spazio comune, il rispetto reciproco e l’amicizia devono essere inevitabili. Sono onorato di assumere il ruolo di CEO di CrossFit, Inc.

E spero di fare la cosa giusta per affiliati, allenatori, atleti e altri membri della comunità CrossFit in tutto il mondo e non perderò mai di vista la missione che Greg ha stabilito per tutti noi.”

Estratto del comunicato ufficiale della cessione del carico di CEO, nella pagina web ufficiale di CrossFit in inglese.

Da dove arriva la polemica?

Il 25 maggio 2020, la città di Minneapolis ha subito un nuovo evento di abuso della polizia nei confronti di un cittadino afroamericano, mettendo in evidenza il razzismo, la xenofobia e gli attacchi di odio interrazziale che hanno travolto il paese nordamericano per decenni e non sono ancora stati superati.

Un ufficiale di polizia avrebbe presumibilmente assassinato un cittadino afroamericano che non ha fatto resistenza mentre era detenuto dal soffocamento.

Il poliziotto ha trattenuto George Floyd appoggiando il ginocchio sul collo dell’uomo per quasi 9 minuti, un atto che ha mantenuto nonostante i singhiozzi del detenuto che lo stava implorando di allentare la pressione, che avrebbe collaborato, facendogli notare che non riusciva a respirare, dicendogli “I can’t breathe”, che è diventato uno degli slogan delle manifestazioni del movimento Black Live Matters dell’anno 2020.

Tutto questo in un contesto di rivolta sociale in cui gli spettatori hanno implorato l’ufficiale di alzare il ginocchio dato che l’uomo non stava opponendo resistenza, sanguinava e ad un certo punto Floyd ha smesso di rispondere; dopo il contenimento degli altri 3 agenti.

Ogni membro dello staff di HSN è sgomento per la situazione, e crediamo che ancora una volta questi eventi rivelino un grande problema: la mancanza di equità sociale e la lunga strada da percorrere per raggiungere l’uguaglianza che tutti meritiamo, indipendentemente dal nostro sesso, razza, ideologia o condizione.

“black live matters”

L’imperdonabile Tweet di Glassman

Greg Glassman è il CEO di CrossFit®, un marchio ben noto nel settore del fitness che ha rivoluzionato l’allenamento e ha portato l’allenamento con i pesi, ad alta intensità, a tutti i settori della popolazione; un servizio sociale con un impatto positivo senza pari sulla salute pubblica della popolazione inattiva.

Glassman è già stato al centro della critica sociale per alcune delle sue dichiarazioni fatte in passate che denotano una mancanza di empatia e sensibilità nei confronti di determinati gruppi.

Come lo scandalo dell’“open diabetes” che ha creato nel 2015, dimostrando che il consumo di zucchero (in questo caso bevande zuccherate) è stata la causa inequivocabile dello sviluppo di questo metabolismo complesso e con una variante di origine autoimmune, diabete mellito di tipo 1.

Queste pubblicazioni hanno innescato una serie di dichiarazioni tra marchi che avevano interessi commerciali (incluso lo stesso CrossFit), società sponsorizzate, associazioni ed entità che cercano di avvicinare la realtà del diabete alla popolazione generale.

Open diabetes

Questa volta Glassman ha mostrato ancora una volta la sua mancanza di sensibilità prima di una dichiarazione su Twitter dell’IHME dell’Università di Washington in cui ha evidenziato il problema di salute pubblica che causa razzismo e discriminazione.

Glassman ha commentato a questo tweet con un “It’s Floyd-19” facendo un commento satirico con il nome del defunto e la pandemia di COVID-19.

It’s FLOYD-19.

— Greg Glassman (@CrossFitCEO) June 6, 2020

Il tweet ha creato una rivolta senza pari

Conseguenze

Impatto ai danni della palestra

Il tweet in questione è stato percepito come una chiara mancanza di rispetto per la causa e una presa in giro del movimento del black live matters.

Nel giro di poche ore, un gran numero di proprietari di stabilimenti associati al marchio CrossFit® hanno interrotto i loro legami con l’azienda, in alcuni casi pubblicando lettere aperte che hanno causato un grande impatto sociale in segno di approvazione.

Impatto sui marchi

È molto evidente che una (grande) parte del supporto commerciale per il marchio CrossFit®, il successo e la fattibilità dei suoi eventi è dovuta a collaborazioni con aziende come Rogue o Reebok.

Al momento una parte delle aziende che collaborano con CrossFit® si sono dissociate dal marchio, come nel caso di RomWod.

View this post on Instagram

Action matters.

A post shared by ROMWOD (@romwod) on

E altri come Rogue sono appesi a un filo, con annunci di marchi in cui espongono che il commento è inaccettabile, che un marchio o una comunità non sono fatti da una sola persona e che stanno valutando la migliore decisione che determinare la via da seguire.

View this post on Instagram

Rogue does not support the latest statements made by the CrossFit CEO, Greg Glassman. His comments are unacceptable under all conditions. The community is bigger than one person. The movement is stronger than one person. Noone should be expected to tolerate anything that keeps us from moving forward as one. Effective Immediately: 1.0  Rogue Invitational will remove the CrossFit Logo from the 2020 event. We will only allow discussion of sanctioning with real discussion on the future 2.0  Rogue will work with the CrossFit Games leadership to determine the best path forward. We will fulfill the 2020 season for the athletes and the community. The future is dependent on the direction and leadership within CrossFit HQ.  Rogue has been the equipment provider since 2010 and we believe it is part of our DNA.  We hope there is a path forward. We stand behind the community.

A post shared by Rogue Fitness (@roguefitness) on

Atleti

Molti atleti hanno espresso il loro malcontento per il tweet di Glassman, molto sorprendente è stato il caso di Katrín Thorisdottir che ha pubblicato una foto sul suo Instagram dicendo di “vergognarsi molto della situazione”:

View this post on Instagram

.

A post shared by Katrín Tanja Davíðsdóttir (@katrintanja) on

Ed è che un’e-mail inviata da Glassman a un collaboratore del marchio che ha chiesto spiegazioni o sottolineato il comportamento inappropriato del CEO, in cui Glassman inizia con un:

“…onestamente, penso che la quarantena abbia avuto un impatto negativo sulla tua salute mentale…”.

Qualcosa che ha condizionato anche atleti come Jason Khalipa, Noah Ohlsen o Chandler Smith, i quali hanno rotto i legami con il marchio; oltre a molti altri come Davidsdottir, Tia Toomey o Mathew Fraser, che hanno espresso il loro malcontento nei confronti della situazione e del marchio in vari modi attraverso i social network.

View this post on Instagram

My participation in the 2020 @crossfitgames will be contingent upon major changes being made. ⁣ ⁣ I LOVE competing, I LOVE training, I LOVE being able to challenge myself and become better from it. ⁣ ⁣ I also LOVE people.⁣ ⁣ This is probably the hardest decision I’ve ever had to make. It’s been weighing on me for days. I’ve consulted many of my closest supporters. All of that said, I’ve decided that I cannot, in good conscience, compete during this time for a company that hasn’t shown themselves to have values that I align with. ⁣ ⁣ I’ve been talking a lot about this movement and my strong desire to stand up and fight for equality. Right now, I’m taking action. The repercussions of this could be huge. I’ve weighed them and my belief in this is stronger than their potential outcomes.

A post shared by Noah Ohlsen (@nohlsen) on

Le scuse

Glassman si è scusato con una dichiarazione ufficiale sull’account Twitter di CrossFit, chiedendo scusa per le sue parole e il danno che potrebbe aver causato.

Molte persone hanno incolpato questo gesto per l’interesse economico dietro l’azione e impedendo ad altri marchi di dissociarsi dalla società, e hanno affermato perché la pubblicazione non è stata effettuata in modo più personale da soli Glassman, senza coinvolgere la compagnia.

L’accettazione generale non è stata buona:

Successivamente Glassman ha fatto una dichiarazione sul suo Twitter incolpando la cattiva gestione dell’IHME che ha portato la popolazione a questa situazione di isolamento e ha spiegato che emotivamente era offeso dal fatto che l’entità parlasse di razzismo quando “hanno distrutto il controllo della quarantena”.

Un messaggio che ha solo alimentato le fiamme del dibattito e ha indotto molti utenti a classificare questo intervento come “sciocchezza”.

Futuro

Il futuro di CrossFit® come marchio è traballante e incerto, attualmente tutto è molto recente e non possiamo sapere quale sarà il risultato di questa situazione, ma il contesto epidemico del COVID, l’incertezza e molto probabilmente la cancellazione dei Games di quest’anno, insieme al malcontento di affiliati, proprietari di box e atleti…

Tutto ciò delinea una destinazione che mette in pericolo il mantenimento del marchio, almeno al livello in cui era attualmente stabilito sulla scena mondiale.

Qual è la tua opinione su ciò che è accaduto? Pensi che l’intervento di Glassman sia un segno di razzismo o uno scherzo senza significato? Pensi che gli svincolamenti siano giustificati? Se vuoi, lascia un tuo commento.

Voci Correlate

  • Intervista al creatore di CrossFit a questo link.
Valutazione Commento Razzista Greg Glassman

Polemica - 100%

Ripercussione - 100%

Conseguenze - 100%

Futuro del CrossFit - 100%

100%

Valutazione HSN: 5 /5
Content Protection by DMCA.com
Su Alfredo Valdés
Alfredo Valdés
Specialista in allenamento in fisiopatologia metabolica e in effetti biomolecolari dell’alimentazione e esercizio fisico, vi parlerá nei suoi articoli del complesso mondo della nutrizione sportiva e clinica, in modo semplice e con senso critico.
Vedi Anche
Perché allenarsi con il Crossfit
Perché allenarsi con il Crossfit?

Se chiedessimo alla maggior parte degli utenti perché vanno in palestra per la prima volta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *