Trigliceridi a catena media (MCT): una fonte di grasso speciale

Trigliceridi a catena media (MCT): una fonte di grasso speciale

Parleremo di una fonte molto importante di grassi, MCT o trigliceridi a catena media, de i loro benefici e delle loro applicazioni.

Che cosa sono gli MCT

Gli MCT (Medium Chain Triglycerides o Trigliceridi a Catena Media) sono un tipo di lipidi sotto forma di esteri di acidi grassi che hanno peculiarità rispetto ad altre strutture lipidiche che normalmente troviamo negli alimenti.

Principalmente i grassi che consumiamo attraverso la dieta, così come i depositi del nostro corpo, hanno la forma di trigliceridi.

Struttura chimica

Figura I. Struttura chimica di un triglicerido.

Un trigliceride non è altro che un complesso costituito da alcool + 3 acidi grassi [tri (tre) – acil (acidi grassi) – gliceride (glicerolo, alcol)] chimicamente correttamente chiamato triacilgliceroli, che è come lo troverai nei miei articoli, è lo stesso.

La principale differenza tra MCT e LCT (che sono la forma più comune di grasso alimentare,> 90%) è la lunghezza dei loro acidi grassi.

Acido grasso

Figura II. Struttura chimica di un acido grasso di diverse lunghezze.

Gli acidi grassi a catena idrocarburica di meno di 12 unità monomeriche sono considerati “acidi grassi a catena media”, quando tre di loro si legano a una molecola di glicerolo abbiamo un MCT.

Gli acidi grassi a catena corta sono un’eccezione, poiché la maggior parte di essi viene prodotta nel colon dalla fermentazione di fibre indigeribili nell’intestino tenue e viene attualmente proposta come agenti con potenziale per migliorare la diversità microbica dell’intestino (Chambers et al., 2018).

Ma la sua presenza nel cibo è incredibilmente ridotta e in nessun caso costituisce una frazione rilevante del nostro apporto calorico.

Né sono trigliceridi a catena media, poiché la maggior parte della nostra assunzione di grassi proviene da acidi grassi di più di 12 atomi di carbonio (acidi grassi palmitici, stearici, oleici e omega 3 e 6).

Tuttavia, aumentare la quantità di MCT nella nostra dieta può essere una buona idea negli atleti, nelle persone con disturbi gastrointestinali, nei pazienti…

Aspetta, aspetta, vado avanti! Ti dirò perché.

Differenze tra LCT e MCT

La grande differenza tra i trigliceridi composti da acidi grassi a catena lunga (LCT) e acidi grassi a catena media (MCT) risiede nel loro assorbimento e metabolizzazione.

È un argomento relativamente denso, dal momento che dobbiamo conoscere aspetti della fisiologia umana, ma ho intenzione di semplificarlo al massimo cercando di non tralasciare nulla di rilevante.

Acidi grassi

Figura III. Acido grasso (A), glicerolo (B) ed esteri degli acidi grassi a seconda delle loro unità.

I grassi che consumiamo dalla dieta, poiché sono esterificati, richiedono un processo di idrolisi per il loro assorbimento.

Questo processo inizia nella stessa bocca, con la lipasi salivare, che ha il compito di iniziare a scomporre queste molecole; un processo che continua nello stomaco con lipasi gastrica.

I lipidi sono idrofobici, hai mai provato a mescolare acqua e olio?

Bene, nel nostro sistema gastrointestinale accade la stessa cosa, gli acidi grassi e l’acqua non vanno d’accordo … Ecco perché sono “incapsulati” in strutture formate dalla loro emulsione biliare.

Digestione LCT

Figura IV. Digestione e assorbimento degli LCT.

Poiché la bile è formata da molecole polari, che “si scontrano con l’acqua” senza problemi, formano una “barriera” mantenendo gli acidi grassi all’interno in modo che non entrare in contatto con il mezzo acquoso del sistema gastrointestinale.

Nell’intestino, quando si avvicinano alla barriera enterocitaria (le cellule dell’intestino), trovano un mezzo molto acido.

Qui la lipasi pancreatica inizia a provocare la fuoriuscita degli acidi grassi contenuti nelle micelle che li proteggono in modo che possano essere assorbiti.

Bene, non ti sei perso, vero? Abbiamo raggiunto l’intestino, gli acidi grassi sono all’interno della cellula intestinale.

Lì, questi acidi grassi vengono riesterificati, formando nuovamente trigliceridi (come all’inizio), che passano nel sistema attraverso la linfa come chilomicroni (di nuovo, protetti per evitare il contatto con l’acqua).

Assorbimento di lipidi

Figura V. Assorbimento di lipidi negli enterociti.

Questi chilomicroni stanno perdendo acidi grassi nei tessuti che ne hanno bisogno, specialmente nel fegato. Check Point! Salva il gioco e riprendi più tardi.

Visto che pasticcio? Bene, dimentica tutto questo!

Che succede con gli MCT?

I trigliceridi a catena media non hanno bisogno di tanto supporto…

Poiché la loro struttura più corta consente loro di essere (relativamente) solubili in acqua, e quindi non richiedono “protezione” come gli LCT, quindi non formano micelle, né vengono reesterificati in cellule intestinali.

Sono invitati VIP nel nostro organismo!

Fondamentalmente, si rompono come LCT, passano negli enterociti e da lì nel sangue, non richiedono la formazione di chilomicroni o della linfa. Diretti al fegato!

Lunghezza

Figura VI. Digestione e assorbimento dei lipidi a seconda della loro lunghezza.

MCT come fonti di energia

Questo è il motivo per cui i ricercatori hanno detto:

“… ehi, il loro assorbimento è veloce come il glucosio (Iber, 1974), saranno una buona fonte di energia? …”

I grassi sono molto energici, forniscono 9kcal/g; quelli della catena media forniscono un po’ meno, alcuni 8.4kcal/g, ma ovviamente … Sono molto più efficienti!

Una volta raggiunto il fegato, sono già gli stessi indipendentemente dalla loro lunghezza? Assolutamente no!

Metabolizzazione

Figura VII. Metabolizzazione di acidi grassi con lunghezze di catena diverse rispetto al glucosio negli epatociti.

Nel fegato gli acidi grassi a catena lunga (dopo essere stati rilasciati dai chilomicroni) devono subire un lungo processo di acilazione e passare ai mitocondri attraverso il sistema di navetta di carnitina, che “mette il timbro d’ingresso” e li sposta nei mitocondri.

Lì, anche ora, possono staccarsi dalla carnitina, che ritorna fuori, per continuare ad aiutare gli acidi grassi a catena lunga che si perdono senza di essa.

Trasporto micondriale

Figura VIII. Meccanismo di trasporto mitocondriale di un LCFA.

Gli acidi grassi a catena media (che ricordiamo, hanno raggiunto le cellule del fegato in una limousine diretta attraverso il sistema di circolazione portale) entrano nei mitocondri “come a casa loro”, lì si attivano e si possono ossidare.

Facile no? Per gli MCT sì, ma per gli LCT … È stata una buona pedalata.

Per questo motivo, gli MCT sono simili al glucosio: la loro digestione, assorbimento e metabolizzazione è semplice, se non di più, ed è per questo che gli MCT sono una fonte ideale di energia sotto forma di grasso, mentre gli LCT … stanno peggio.

Poiché gli MCT raggiungono il fegato così in fretta, saturano il ciclo degli acidi tricarbossilici (dove si ottiene energia da loro) e si trasformano in chetoni (principalmente betaidrossibutirrato)

Krebs

Figura IX. Chetogenesi di saturazione del ciclo di krebs.

E viaggia dove vuole, poiché, mentre gli acidi grassi negli epatociti fanno bene, il loro uso da parte di tessuti extraepatici (come i muscoli) è molto meno.

Avere corpi chetonici nel sangue è un buon segno per ottenere energia, poiché questi sono facilmente utilizzati nelle cellule muscolari.

Ad esempio: per produrre ATP che utilizzeremo per continuare a dare tutto nei nostri allenamenti.

In condizioni normali, la sua utilità è regolare, perché abbiamo glucosio, dai carboidrati che consumiamo, che è super efficiente e ci fornisce energia veloce a tutte le cellule del nostro corpo, ma…

E se stiamo seguendo una dieta keto?

Con questa la disponibilità di glucosio è ridotta, e il suo apporto attraverso la dieta è minimo.

Ecco dove gli MCT sono fondamentali.

Perché agiscono (grazie al loro rapido assorbimento e conversione ai corpi chetonici) come il glucosio che ci manca, ma senza stimolare la secrezione di insulina né alterando la glicemia e senza influenzare significativamente l’attivazione di mTOR, quindi non alterando l’attivazione ULK1 da parte di AMPK, e quindi non condizionando l’autofagia.

ULK1

Figura X. Regolazione di ULK1 a seconda del dominio fosforilato che porta all’attivazione o all’inattivazione di mTORC1/AMPK.

Bene, quindi abbiamo visto che gli MCT hanno alcuni vantaggi fisiologici rispetto agli LCT. Cosa mostrano gli studi?

Applicazioni pratiche degli MCT

Controllo del peso corporeo

Gli MCT hanno meccanismi attraverso i quali gli LCT sono stati postulati il più possibile sostituti (parziali) nelle diete dimagranti.

I motivi alla base di questa affermazione sono diversi, non conosciamo esattamente il meccanismo esatto attraverso il quale hanno questo potenziale e i risultati sono contrastanti.

Si propone che potrebbe essere dovuto a:

  • Maggiore sazietà dopo il suo consumo.
  • Aumento dell’ossidazione degli acidi grassi rispetto al consumo di LCT.
  • Sovraregolazione nell’espressione di PGC-1α, biogenesi mitocondriale e aumento del dispendio energetico.

Sebbene non sia ancora chiaro come gli MCT possano aiutare a controllare il peso corporeo, la verità è che i risultati degli studi mostrano una tendenza positiva nella riduzione della percentuale di grasso corporeo dei soggetti che sostituiscono parte dell’assunzione di LCT con MCT.

Grafico

Figura XI. Grafico a imbuto che valuta gli effetti degli studi condotti con MCT rispetto agli LCT sulla riduzione del grasso corporeo. La media negativa (-0, x) indica che l’effetto è positivo.

Come fonte energetica

Per i motivi sopra indicati, gli MCT sono stati proposti come fonte di energia alternativa ai carboidrati tradizionali nelle prestazioni sportive.

Puoi leggere la mia recensione sugli effetti di una dieta keto sulle prestazioni negli sport di forza qui.

Il soggetto è davvero molto complesso, perché è vero che possono avere un certo effetto di risparmio del glicogeno.

Cioè, dato il suo metabolismo rapido, l’assunzione di MCT insieme a carboidrati prima dell’allenamento può portare alla conservazione di parte del glicogeno epato-muscolare a causa dell’aumento della disponibilità di energia e sarebbe anche un modo per fornire più substrato energetico oltre 75 g di glucosio all’ora (Jeukendrup, 2004).

Alcuni studi mostrano un effetto positivo (Phinney et al., 1983), mentre altri no (Goedecke et al., 2005).

Quindi risparmiano o no glicogeno?

Forse nei soggetti più allenati (adattati), no; ma in persone non allenate o scarsamente adattate all’allenamento di resistenza, può essere.

In ogni caso, gran parte degli studi ha valutato la somministrazione di MCT durante l’esercizio fisico con effetti negativi, e cioè che non importa quanto siano efficienti, non dobbiamo dimenticare che sono grassi.

Pertanto, gli effetti gastrointestinali del consumo durante un periodo di ridotta circolazione splancnica (come durante l’esercizio fisico) possono essere negativi se l’intestino non è adattato (un processo a cui puoi anche abituarti).

Modello

Figura XII. Modello “training gut” dello sportivo proposto da Jeukendrup.

Sostituisci i “carboidrati” con i “grassi” nel grafico precedente e il gioco è fatto.

Non sono riuscito a trovare un singolo studio che valuti gli effetti del consumo di MTC in preallenamento su soggetti sottoposti a dieta chetogenica

Se questo è il tuo caso, ti incoraggio a provarlo, perché in te ha perfettamente senso che aumenti le tue prestazioni, specialmente se oltre a una dieta chetogenica ti trovi in un periodo di restrizione calorica per definizione o “train low”.

Nei disturbi da malassorbimento

Le persone con un qualche tipo di disturbo endocrino-metabolico che compromette la loro capacità di assorbire i lipidi possono trarre beneficio dal consumo di MCT rispetto agli LCT.

Ci sono molti studi che valutano il potenziale di questi acidi grassi, ma puoi trovarne parte nella recensione di Bach e Babayan (1982).

Le condizioni che possono beneficiare del consumo di MCT includono, ma non sono limitate a:

  1. Persone con disturbi della digestione lipidica (resezione dell’esofago o dello stomaco, atresia biliare, ittero ostruttivo, cirrosi biliare primaria, SIBO, pancreatite, fibrosi cistica e pancreatectomia).
  2. Persone con disturbi dell’assorbimento dei lipidi (resezione massiccia dell’intestino tenue, celiachia, morbo di Whipple, morbo di Crohn, enterite, enteropatia da glutine e altre condizioni di malassorbimento).
  3. Persone con disturbi del trasporto lipidico (deficit congenito della β-lipoproteina, linfangiectasia intestinale e chiluria).
Gli MCT, poiché hanno un diverso meccanismo di digestione e assorbimento rispetto ad altri acidi grassi, sono un’alternativa al loro consumo nelle persone che non sono in grado di digerirli.

Sfortunatamente, questo non sostituisce la necessità di fornire acidi grassi essenziali della serie omega 3 e omega 6, né gli MCT (o altro) possono sostituirlo.

Keto-adattamento

Il “keto-adattamento” è la capacità aneddotica dell’organismo di adattarsi all’uso di chetoni e acidi grassi come substrati energetici predominanti in assenza di glucosio fornito esogeno.

Se vuoi approfondire il concetto del “keto-adattamento” visita questo post.

Questo processo di solito richiede tempo ed è mediato da fattori come:

  • Biogenesi mitocondriale;
  • Aumento dei livelli di concentrazione dei trigliceridi intramuscolari;
  • Espressione dei geni katolici.

Per questo motivo, non è raro manifestare i sintomi della nota “keto-flu (“influenza keto”) nei primi giorni di una dieta keto, come malessere generale, apatia e affaticamento.

I sintomi scompaiono entro pochi giorni dall’inizio di una dieta a basso contenuto di carboidrati.

L’uso di MCT mostra una tendenza inconcludente che riduce i sintomi di “keto-flu” ; Abbiamo bisogno di più studi per vedere se questi effetti sono significativi e omogenei.

Grafico grassi consumati

Figura XIII. I rapporti sui sintomi derivano dalla restrizione della disponibilità di glucosio nel corpo a seconda degli acidi grassi consumati.

Iperalimentazione

Ancora una volta, grazie al metabolismo differenziale degli MCT rispetto agli LCT, i primi sono strutture ampiamente utilizzate nei casi di elevati requisiti calorici per aumentare facilmente e in modo sicuro l’apporto energetico dei soggetti.

Alcune formule di preparazioni alimentari contengono MCT, non è consigliabile farne ampio uso poiché, ancora una volta, l’uomo richiede un consumo sufficiente di acidi grassi essenziali per evitare carenze nutrizionali.

Preparazione

Figura XIV. Formula di una preparazione alimentare progettata per l’alimentazione sostitutiva.

Le assunzioni fino a 100 g al giorno di MCT sono ben tollerate (Bach e Babayan, 1982), se divise in assunzioni fino a 30 g non dovrebbero manifestare alcun sintomo di disagio gastrointestinale (Ivy et al., 1980, Harvey et al., 2018).

Assunzioni maggiori, di 50 g in bolo potrebbero causare malesseri generali: diarrea, malassorbimento, dispepsia, nausea … Come quando superiamo la nostra capacità di consumare carboidrati semplici.

Olio di MCT in povere di HSN

Noi di HSN abbiamo deciso di produrre un olio di MCT in polvere, appositamente destinato agli scopi precedentemente esposti.

Sei un atleta keto? L’olio di MCT in polvere non può mancare nella tua dispensa!

Naturalmente, presso HSN manteniamo il nostro sigillo distintivo su ogni prodotto che realizziamo.

Origine dal cocco

Sapevi che la maggior parte degli oli di MCT venduti sul mercato proviene dalla palma?

Ti invitiamo a contattare il servizio clienti delle aziende che vendono olio di MCT senza dichiararne l’origine.

Ti sorprenderà!

Il problema con la palma è che nella sua composizione contiene acido palmitico, che se consumato in grandi quantità si trasforma in un acido grasso associato a danno microvascolare, dislipidemia che predispone allo sviluppo di aterosclerosi e disturbi del metabolismo degli idrocarburi che peggiorano la sensibilità all’insulina.

Il nostro olio di MCT proviene dalla noce di cocco, una fonte con apporto del suo olio di oltre il 70% del suo contenuto standardizzato di MCT. Ultra concentrato!

In questo caso, il consumo di fonti di grassi dalla noce di cocco, a causa del loro profilo di acidi grassi, ha dimostrato di esercitare effetti positivi sull’aumento delle concentrazioni di HDL, senza aumentare concentrazioni significative di LDL (alla stessa grandezza dell’olio d’oliva)

Miglioramento del rapporto del Colesterolo Totale: Colesterolo HDL (Khaw et al., 2018)!

Micro-incapsulato con gomma arabica

La polverizzazione degli MCT non è un compito facile, poiché sono unti e come tale la loro struttura organica è oleosa.

Per micronizzare un prodotto ricco di acidi grassi, i marchi concorrenti utilizzano eccipienti che emulsionano i grassi e fungono da membrana; di solito caseinati e sciroppi di glucosio e fruttosio.

Entrambi presentano dei problemi:

  • Se aggiungi caseinati, fai in modo che il prodotto contenga allergeni derivati da proteine e zuccheri del latte, le persone allergiche al latte e/o intolleranti al lattosio non saranno in grado di usarlo.
  • Se aggiungi sciroppi di glucosio … In un prodotto progettato per l’uso da atleti di keto … Cosa ne pensi? Certo, può farti uscire dalla chetosi.
Invece, abbiamo usato la gomma arabica, una resina vegetale, per micro-incapsulare il nostro olio di MCT in un modo che non contiene allergeni o zuccheri nella sua composizione.

Io ho già fatto un ordine per provarlo, e tu cosa stai aspettando?

Bibliografia

  1. Abe, S., Ezaki, O., & Suzuki, M. (2019). Medium-chain triglycerides (8:0 and 10:0) are promising nutrients for sarcopenia: A randomized controlled trial. American Journal of Clinical Nutrition, 110(3), 652–665.
  2. Babayan, V. K. (1981). Medium chain length fatty acid esters and their medical and nutritional applications. Journal of the American Oil Chemists’ Society, 58(1), 49A-51A.
  3. Bach, A. C., & Babayan, V. K. (1982). Medium-chain triglycerides: An update. American Journal of Clinical Nutrition, 36(5), 950–962.
  4. Chambers, E. S., Preston, T., Frost, G., & Morrison, D. J. (2018). Role of Gut Microbiota-Generated Short-Chain Fatty Acids in Metabolic and Cardiovascular Health. Current Nutrition Reports, 7(4), 198–206.
  5. Cupeiro, R. (2011). Influencia de varios polimorfismos en los genes MCT1 y CP2 sobre el metabolismo energético durante el ejercicio.
  6. EFSA Panel on Dietetic Products, N. and A. (NDA). (2011). Scientific Opinion on the substantiation of health claims related to medium-chain triglycerides and reduction in body weight (ID 643, 677, 1614) pursuant to Article 13(1) of Regulation (EC) No 1924/2006. EFSA Journal, 9(6), 2240.
  7. Goedecke, J. H., Clark, V. R., Noakes, T. D., & Lambert, E. V. (2005). The effects of medium-chain triacylglycerol and carbohydrate ingestion on ultra-endurance exercise performance. International Journal of Sport Nutrition and Exercise Metabolism, 15(1), 15–27.
  8. Harvey, C. J. D. C., Schofield, G. M., Williden, M., & McQuillan, J. A. (2018). The Effect of Medium Chain Triglycerides on Time to Nutritional Ketosis and Symptoms of Keto-Induction in Healthy Adults: A Randomised Controlled Clinical Trial. Journal of Nutrition and Metabolism, 2018, 2630565.
  9. Khaw, K. T., Sharp, S. J., Finikarides, L., Afzal, I., Lentjes, M., Luben, R., & Forouhi, N. G. (2018). Randomised trial of coconut oil, olive oil or butter on blood lipids and other cardiovascular risk factors in healthy men and women. BMJ Open, 8(3), e020167.
  10. Maher, T., Sampson, A., Goslawska, M., Pangua-Irigaray, C., Shafat, A., & Clegg, M. E. (2019). Food intake and satiety response after medium-chain triglycerides ingested as solid or liquid. Nutrients, 11(7).
  11. Mumme, K., & Stonehouse, W. (2015). Effects of medium-chain triglycerides on weight loss and body composition: A meta-analysis of randomized controlled trials. Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics, 115(2), 249–263.
  12. Phinney, S. D., Bistrian, B. R., Evans, W. J., Gervino, E., & Blackburn, G. L. (1983). The human metabolic response to chronic ketosis without caloric restriction: Preservation of submaximal exercise capability with reduced carbohydrate oxidation. Metabolism, 32(8), 769–776.
  13. St-Onge, M. P., Mayrsohn, B., O’keeffe, M., Kissileff, H. R., Choudhury, A. R., & Laferrère, B. (2014). Impact of medium and long chain triglycerides consumption on appetite and food intake in overweight men. European Journal of Clinical Nutrition, 68(10), 1134–1140.
  14. Wang, Y., Liu, Z., Han, Y., Xu, J., Huang, W., & Li, Z. (2018). Medium Chain Triglycerides enhances exercise endurance through the increased mitochondrial biogenesis and metabolism. PLoS ONE, 13(2), e0191182–e0191182.

Voci Correlate

Valutazione Trigliceridi a Catena Media

Quali sono - 100%

Come vengono assorbiti - 100%

Benefici - 100%

Olio MCT HSN - 100%

100%

Valutazione HSN: 5 /5
Content Protection by DMCA.com
Vedi Anche
Acidi Grassi Omega 3
Acidi Grassi Omega 3 – Tutto quello che devi sapere!

Gli acidi grassi omega 3 fanno parte dei nutrienti più importanti per l’organismo e hanno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *