Verso Tokyo 2021: Un giorno nella vita di uno sportivo, di Saul Craviotto

Verso Tokyo 2021: Un giorno nella vita di uno sportivo, di Saul Craviotto

È stato un anno completamente diverso per tutti, sotto molti aspetti. A livello sportivo posso dire che questo è l’anno più irregolare della mia vita. Tuttavia, abbiamo già iniziato il “ritorno a scuola”, con l’obiettivo di ottenere la mia quinta medaglia ai prossimi Giochi Olimpici di Tokyo 2021. È così che abbiamo iniziato la stagione che potremmo chiamare “Verso Tokyo”, di Saul Craviotto.

Com’è la vita di un atleta olimpico?

È sempre stata segnata dallo sport e questo è ciò che condiziona i miei orari, il cibo, l’ambiente sociale e altri aspetti della vita quotidiana

Saul Craviotto si prepara ai Giochi Olimpici

La routine di tutta la stagione è abbastanza simile, condividendola con il resto dei colleghi della nazionale di canoa. Dedico almeno sei ore di allenamento al giorno divise in due sessioni al mattino e una al pomeriggio, dal lunedì al sabato.

Ci riposiamo solo la domenica e alcuni pomeriggi liberi durante la settimana. Il resto del tempo lo dedico praticamente all’altra mia passione: la mia famiglia, che è un altro pilastro fondamentale della mia vita.

Oltre a questo, devo destreggiarmi tra gli altri obblighi, principalmente il mio lavoro come agente di polizia di stato, dove attualmente faccio parte di un gruppo chiamato Participación Ciudadana, così come il resto dei miei obblighi con gli sponsor e correlati.

Tre pilastri di successo

Ho sempre creduto che i 3 pilastri fondamentali per il successo, o almeno lo schema che mi ha accompagnato nella mia ricerca, siano i seguenti: corpo, mente e famiglia.


Sulla base di ciò cercherò di spiegare com’è una giornata tipo della mia vita, ora che ho iniziato il viaggio verso Tokyo 2021.

Preparazione fisica del corpo

L’allenamento è ciò che occupa gran parte della mia giornata.

Per fortuna ho l’ufficio a pochi minuti da casa ed è un bellissimo spazio naturale, che rende la giornata più sopportabile.

Saul Craviotto Integratori HSN

La squadra nazionale di canoa si allena a Trasona, un bacino delle Asturie dove abbiamo il nostro centro di tecnica sportiva con tutto il necessario per preparare le nostre gare.

Il calendario e i giorni di allenamento sono stabiliti dal nostro allenatore, Miguel Garcia, con il quale lavoro dal 2001, quindi mi conosce come il palmo della sua mano.

Quante ore si allena un campione olimpico?

Fondamentalmente il nostro allenamento è diviso in tre settimane al mese di carico e una settimana di scarico (allenamento di minore intensità, ma ci alleniamo lo stesso). In questo senso, a seconda del periodo in cui ci troviamo ad affrontare la competizione varierà l’intensità e il lavoro specifico.


Nel mio sport è molto importante il contatto con l’acqua e come per i prossimi Giochi Olimpici gareggio in K4 (canoa composta da 4 partecipanti), il lavoro di squadra è essenziale. Pertanto, delle tre sessioni giornaliere almeno due sono in canoa, dove lavoriamo sulla coordinazione, sulla velocità, sulla resistenza, sulle uscite e su ogni tipo di tecnica e di allenamento per migliorare le nostre prestazioni come squadra.

Tenete presente che in questa disciplina dobbiamo dare circa 160 colpi al minuto e devono essere perfettamente coordinati e segnati.

Il resto della giornata è dedicato alla palestra. Per quanto possa sembrare strano, in canoa non lavoriamo solo sulle braccia e sulla schiena, ma anche su gambe, glutei, addominali, pettorali; attraverso sessioni di forza, ipertrofia, core…

È un ottimo sport per sviluppare un corpo equilibrato. Pertanto, sebbene le sessioni fuori dall’acqua siano di solito principalmente in palestra, è anche un bene per noi praticare altri sport come la corsa, il ciclismo e diverse pratiche all’aperto, che anch’io amo.

Cosa mangia un atleta professionista per raggiungere il successo?

Se per un atleta la parte di allenamento è fondamentale nella parte fisica, non si possono trascurare altri pilastri fondamentali per il suo corpo: il nutrimento e l’idratazione, che sono il carburante che muove quel motore; e il riposo.

Evoenergy massima energia HSN

Per fortuna ho molto sostegno da parte di mia moglie: Celia, che è una nutrizionista e si occupa di fare in modo che la mia dieta sia la più equilibrata e adatta ad ogni momento. Inoltre, ho l’ appoggio di HSN, che mi fornisce tutti i nutrienti e gli integratori di cui ho bisogno per ogni momento e necessità.

Credo che mangiare in modo intelligente sia per gli sportivi (e le persone) intelligenti, e quando parlo di mangiare includo l’idratazione, che è così importante.

Tipo di dieta

La mia routine quotidiana consiste di solito in 5 pasti:

  • Colazione ricca.
  • Spuntino tra un un allenamento e l’altro della mattina.
  • Pranzo che di solito è al Centro Tecnico Sportivo.
  • Spuntino quando si torna a casa dopo l’allenamento.
  • Cena leggera.

La mia dieta dipende anche dal momento in cui sono o da quali esercizi ho fatto quel giorno. Per esempio, quando faccio esercizi di fondo di solito aumento la quantità di carboidrati, ma se faccio esercizi più di forza o esplosività, ho bisogno di mettere nel corpo alimenti più ricchi di proteine.

Sempre alla ricerca di equilibrio e di mangiare una varietà di cibi (pasta, riso, verdure, carne, pesce, frutta, legumi, ecc.)

Evogummy massimo recupero HSN

Inoltre, ho l’integratore perfetto in termini di integrazione con HSN, poiché trovo tutti i prodotti in modo che Non mi manca niente nel mio giorno per giorno.

Mi sto integrando da anni, e da quando l’ho fatto, lo noto davvero nelle prestazioni e nel riposo. Potrei dire che il prodotto che mi viene meglio è la proteina del siero e anche quello che uso di più durante tutto l’anno, sempre dopo le sedute di ginnastica.

Di solito uso Evowhey 2.0 di SportSeries, che ha un sacco di sapori, tra cui amo il Café Latte e il Biscotto al caramello.

Integratori per gli atleti d’élite

Uso le integrazioni anche per compensare le carenze che ho in certi momenti.

Ordini HSN Saul Craviotto

Circa ogni mese faccio i miei check-up e gli esami medici e i multivitaminici HSN mi sono di grande aiuto, ad esempio, se mi manca il ferro.

Tendo anche a usare la creatina prima delle competizioni o nei momenti in cui il lavoro di forza è alto, o la caffeina prima di momenti di alta intensità o di competizione, perché ti mantiene attivo e più concentrato.

Non dobbiamo dimenticare che il cibo, supportato da un’integrazione responsabile e controllata, ti aiuterà a mantenere un livello di sforzo più sostenuto e ha una grande influenza sul recupero, sulla prevenzione degli infortuni

Ho sempre fatto molta attenzione alla mia dieta, anche se senza diventare ossessionato, e di tanto in tanto mi concedo anche qualche capriccio.

Adoro mangiare! In più vivo in uno dei migliori posti al mondo per mangiare: Asturie, quindi è impossibile resistere alla buona carne, agli stufati locali, ai formaggi… e ho un debole per i dolci! Ma lo uso sempre come “ricompensa” dopo una settimana di duro allenamento, o in momenti specifici, essendo consapevole della fase in cui mi trovo e che dopo gli eccessi dovranno essere eliminati con il sudore! 😉

Ecco una dolce ricetta che ho fatto per i miei amici di HSN. Puoi trovarla sul blog di HSN, anche se non è l’unica! 😉 Accedi qui.

Quante ore deve dormire un olimpionico?

Per quanto riguarda il riposo, credo che non riceva l’attenzione che merita e che sia importante quanto l’allenamento, perché per riposare e recuperare la cosa migliore è dormire, poiché durante il sonno il muscolo entra in una fase di rilassamento che facilita la rigenerazione cellulare.

Si dice che bisogna dormire almeno 8 ore al giorno, anche se io di solito ne ho bisogno di 9. Inoltre, cerco, a seconda di quanto sono stanco, di fare un breve pisolino a mezzogiorno di non più di 30 minuti.

Da qualche tempo ho incluso nella mia routine anche la melatonina HSN, che ha anche la vitamina B6 e mi aiuta molto a riposare e a dormire meglio

Preparazione mentale di un atleta

Ogni giorno do un’enorme importanza alla preparazione mentale, perché la forza non è solo una questione di bicipiti.

È fondamentale frazionare gli obiettivi, gestire la pressione, godersi il viaggio, non diventare ossessionati e credere in se stessi. È una cosa su cui non si spende un certo tempo ogni giorno, ma cerco di tenerlo a mente perché si impara ogni giorno.

Ci sono atleti, e sempre più spesso, che lavorano con uno psicologo. Non l’ho mai fatto, anche se credo totalmente nel suo ruolo. Nel mio caso sono stati l’ età e gli errori che mi hanno aiutato di più in questo senso.

Come gestire la pressione nello sport professionistico?

Gli atleti professionisti e soprattutto gli atleti olimpici sono sotto alta pressione. Ci giochiamo 4 anni di formazione, borse di studio o il sostegno di sponsor in prove che, nel mio caso, durano poco più di 30 secondi.

Allenamento Saul Craviotto Olimpiadi di Tokyo

È qui che tutto torna, non si può mancare, o avere una brutta giornata, o fare il minimo errore. Pertanto, il fattore mentale che resiste a questa pressione è molto importante e nella maggior parte dei casi quello che differenzia il fallimento dal successo.

Ma quella variabile emotiva è ciò che ci rende umani, senza di essa saremmo come robot e la competizione non avrebbe senso, e probabilmente nemmeno la vita.

La motivazione del giorno per giorno

Pertanto, quando si inizia qualsiasi sfida è importante trovare la motivazione e averla chiara, perché sarà ciò che ci darà la forza mentale per raggiungere gli obiettivi.

Saranno l’esperienza e la prova e l’errore ad aiutarci a gestire gli ostacoli. Ma è importante avere quella motivazione, quella fiamma interiore che ci fa svegliare ogni giorno con energia e illusione.

Il ruolo importante della famiglia per lo sportivo

Questo lato del mio triangolo del successo, anche se viene per ultimo, lo metterei nella posizione più alta.

Penso che non sia meno importante del corpo e della mente, perché se si costruisce un successo dimenticando e ignorando le proprie relazioni emotive, si finisce per essere un fallimento, perché i successi sportivi sono sostenuti per un po’, ma alla fine quando si spengono le luci si rimane soli.

E poi… A cosa servono i successi se non puoi condividerli con le persone che ti amano?

Ecco perché le relazioni richiedono tanta cura e attenzione quanto il corpo e la mente. Prendersi cura della famiglia e degli amici non è così affascinante come salire in cima a un podio olimpico. Ma è necessario, tra l’altro, per competere nelle migliori condizioni e salire su quel podio.

A 15 anni ho dovuto lasciare la mia nativa Lleida e la mia famiglia per stabilirmi a Madrid con la squadra spagnola. È stato un sacrificio enorme e mi ha fatto capire l’importanza della famiglia e di cosa abbiamo bisogno da loro e del loro sostegno. Per fortuna l’ho sempre avuto anche se è in lontananza e nelle vittorie così come nelle perdite.

Sono padre ora e posso immaginare quanto sia stato doloroso per la mia famiglia avermi lontano da casa. Ecco perché amo godermi la mia famiglia il più possibile. Mi piace fare colazione a casa insieme, portare a scuolale mie figlie Valentina e Alejandra, giocare con loro quando torno dall’allenamento, cucinare insieme o passare le domeniche in famiglia.

La chiave del successo

La mia famiglia è il più grande supporto che ho avuto dai miei primi passi come canoista professionista fino ad oggi. Ecco perché, insieme alle mie medaglie olimpiche, sono il mio più grande successo e ad esse ho dedicato ogni dolce momento.

In breve, questi sono i tre pilastri su cui si basa la costruzione del mio percorso verso il raggiungimento degli obiettivi. L’equilibrio tra questi tre fattori è ciò che mi permette di dare il meglio di me nelle date chiave, dove di solito metto in gioco il mio lavoro quadriennale in poco più di 30 secondi.

Valutazione Verso Tokyo 2021, di Saul Craviotto

Una vita dedicata - 100%

Ai tre pilastri di Saul Craviotto - 100%

Preparazione fisica - 100%

Alimentrazione e riposo - 100%

Famiglia e relazioni - 100%

100%

Valutazione HSN: 5 /5
Content Protection by DMCA.com
Su Saúl Craviotto
Saúl Craviotto
Craviotto è un atleta olimpionico di canottaggio, padre di famiglia e poliziotto nazionale. Proclamato recentemente campione di Master Chef Celebrities.
Vedi Anche
Nuove strutture HSN
Crescita, Sviluppo e Progresso – HSN lancia Nuove Installazioni

Non ci fermiamo qui anche se abbamo superato i primi 10 anni di vita. In …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *