Fungo Cordyceps: Che cos’è e a che cosa serve

Fungo Cordyceps: Che cos’è e a che cosa serve

La migliore prova che le apparenze possono ingannare è che se ti diciamo che Cordyceps è un fungo parassita obbligato, il tuo concetto di esso potrebbe tendere a essere peggiorativo. Niente di più lontano dalla realtà.

Infatti, conosciuto anche come “tesoro tibetano”, è un fungo che è stato utilizzato nella medicina tradizionale cinese da tempo immemorabile per aumentare l’energia, curare le malattie respiratorie o aumentare il desiderio sessuale, tra molti altri vantaggi. L’obiettivo di questo post è mostrarti perché è così ambito.

Origini del Cordyceps

 

Che cos’è il ‘Cordyceps’?

È un genere di funghi appartenente all’ampia divisione degli ascomiceti (il più popolato del regno dei funghi) che si divide in tre famiglie: cordycipitáceas (in cui si adattano le specie principali, Cordyceps sinensis), clavicipitáceas e ophiocordypitáceas.

Il genere Cordyceps è composto da circa 400 specie, tra cui spiccano ongisegmentis, larvicola, militaris e sinensis, quest’ultima quella su cui si focalizzerà la nostra analisi.

Questa specie, conosciuta nel continente asiatico da migliaia di anni per le sue sorprendenti proprietà curative, è senza dubbio la più popolare e sfruttata del suo genere ed è stata originariamente battezzata come yartsagumbu.

Come abbiamo accennato all’inizio, è un fungo che vive come un parassita obbligato e che ha bisogno di far evolvere il corpo di diversi invertebrati, principalmente formiche, bruchi e ragni, di cui si nutre voracemente fino al termine della sua vita.

Temibile per le formiche

Nel caso particolare delle formiche, le spore diffuse dal sinensis aderiscono al loro scheletro provocando, circa dodici ore dopo, che iniziano ad infliggere un progressivo deterioramento causato dall’espansione al loro interno organismo, che inevitabilmente li conduce a una morte agonizzante. Questo processo crudele avviene senza alcun bisogno di ferire i tuoi organi vitali.

Una volta che prende il controllo del suo cervello, lo sottopone a una sorta di “de-programmazione neurale”, facendo sì che la formica perda il senso di orientamento e diventi irregolare per ore. Il risultato? Non potrebbe essere più sorprendente o più lusinghiero per il Cordyceps, poiché morde il fungo stesso e lascia la mascella bloccata lì, morendo paralizzato.

Da lì, sulla testa del cadavere dell’insetto, inizia una rapida crescita organica che si conclude con una massiccia disseminazione delle spore, che darà inizio ad un nuovo ciclo di parassitizzazione di altri esemplari di formiche.

Per quanto riguarda il fenomeno che si verifica sul corpo del bruco che si presenta come una fase larvale della cosiddetta falena pipistrello dell’Himalaya (un insetto della famiglia dei Lepidotteri), ve lo diremo più avanti, raccontandovi su questo affascinante processo.

Proprietà Cordyceps

Conosci l’habitat del ‘Tocheikasa’

Nonostante il fatto che le circa 400 specie di cui è composto il genere Cordyceps abbiano una distribuzione cosmopolita, sono per lo più riconosciute come autoctone dell’Asia e specialmente dell’Himalaya, Giappone, penisola coreana, Cina e parte del sud-est asiatico.

Se ci atteniamo alla varietà sinensis, il suo habitat si trova negli altopiani della catena montuosa dell’Himalaya, che comprende la regione del Tibet, l’India settentrionale, il Nepal e alcune province meridionali della Cina. Tuttavia, la sua presenza ha fatto riferimento anche a Stati Uniti, Australia, Canada, Nuova Zelanda, Kenya, Russia e Tanzania.

In Tibet cresce spontaneamente sulle larve del ledidopteran, ma poiché la sua coltivazione e raccolta in modo tradizionale, sono costose e richiedono tempo e terreni di coltura specifici, il loro prezzo è tremendamente alto. Per questo sono stati trovati altri modi per aumentare e commercializzare la sua produzione in grandi quantità, in modo che le persone di tutto il mondo abbiano accesso ai suoi estratti e compresse.

Brevi cenni sulla sua crescita e coltivazione

Se vi diciamo che il tempo necessario al Cordyceps sinensis per completare la sua crescita in natura è di 6 anni, insieme agli enormi benefici economici prodotti dal suo sfruttamento (come spiegheremo più avanti), capire perché questa risorsa naturale è stata sovrasfruttata ed è stata classificata come una specie in via di estinzione dalle autorità cinesi.

In questo contesto viene anche spiegato perché la maggior parte del Cordyceps commercializzato nel mondo proviene da coltivazioni programmate. La metodologia da seguire per raggiungere questo obiettivo deriva da una coltura di terreno solido e terreno liquido:

  • Nel primo caso si può utilizzare un substrato di cereali o di soia, anche se quello predominante in Cina (il paese dove viene coltivato per eccellenza) è la fermentazione allo stato liquido. Consiste nella formulazione di un terreno liquido sterile in cui entrano in gioco tutti gli ingredienti di cui ha bisogno per la sua rapida crescita.
  • Nel secondo metodo, utilizzato sostanzialmente in Giappone e negli Stati Uniti, la fermentazione viene effettuata allo stato solido. Il contenitore del micelio in questo caso possono essere sacchetti di plastica o barattoli di vetro che utilizzano quasi sempre come substrato un chicco di cereale sterilizzato, che di solito è riso, ma anche grano o segale.

Un viaggio alle origini del suo uso preventivo e terapeutico

In origine e, per molti di secoli, il fungo tibetano è stato una sostanza essenziale nella farmacia della medicina tradizionale cinese, come rimedio d’elezione per il trattamento di problemi respiratori ed epatici, cardiaci e renali.

Tuttavia, al di là delle sue indiscutibili capacità curative, era stata usata come un valido argomento con cui spiegare l’incredibile longevità caratteristica della popolazione cinese, così come la loro migliore tolleranza alla fatica e il maggiore rendimento del loro lavoro fisico.

Inoltre, le fonti del sapere filosofico cinese hanno storicamente rilevato che Yasra Gumba si comporta come un fattore di equilibrio tra corpo e anima, conferendogli capacità di recupero dell’armonia tra gli organi del il corpo, che sono pienamente accettati dalle loro conoscenze mediche.

Per secoli, l’assunzione del Cordyceps è stata considerata un privilegio riservato alle classi d’élite, fino a quando, l’arrivo degli anni ’80 del secolo scorso, ha costituito la svolta per diventare un potente centro di attenzione per la comunità scientifica internazionale.

Cultivazione Cordyceps

Alcune curiosità sul ‘tesoro tibetano’

I suoi numerosi benefici medicinali hanno permesso a tutti gli angoli del pianeta di concentrarsi su un umile fungo parassita elevato alla categoria del gioiello medicinale. Per questo abbiamo pensato bene di raccontarvi alcune curiosità su di esso.

Perché si parla del Cordyceps come il ‘tesoro tibetano’?

Perché il Cordyceps sinensis è uno dei rimedi naturali più conosciuti appartenenti alla medicina tradizionale asiatica. In virtù di quanto raccolto nel volume “Funghi selvatici commestibili – Prospettiva globale del loro uso e importanza nella popolazione”, edito dalla FAO, quello in questione è un fungo che “mangiato” solo ed esclusivamente dai suoi benefici alla salute.

Pensa che sia una risorsa di eccezionale valore sia per le sue proprietà medicinali che per gli impressionanti benefici economici che porta ai suoi collezionisti.

Lo sapevi che vale più del suo peso in oro?

Le qualità del Cordyceps sono diventate così apprezzate che è noto per essere un farmaco di così alto valore da valere più del suo peso in oro. Inoltre, può essere triplicato.

Alcune fonti consultate parlano che una singola copia può costare circa due euro in un mercato locale e che il suo valore può essere moltiplicato per quaranta nei mercati specializzati.

Il risultato di un affascinante processo biologico

In Asia è conosciuto come “insetto invernale, erba estiva”, nome legato al suo sviluppo e alla sua fruttificazione.

Così, in estate le spore del fungo invadono i bruchi di una moltitudine di specie di falene comuni nelle erbe degli altipiani dell’Himalaya, a più di 3.800 metri sul livello del mare.

Durante l’inverno, le larve che trasportano il fungo si insinuano nel terreno per andare in letargo, nello stesso momento in cui il suo micelio invade il loro corpo.

L’arrivo della primavera porta con sé la riattivazione del fungo micelio, che inizia a dare i suoi frutti, dando origine ad una forma cilindrica e allungata che si fa strada tra le erbe per ricevere la luce solare. 4 centimetri di lunghezza, è ciò che ogni esemplare di Yarcha Gumba può raggiungere.

Molti nomi per un solo ‘Cordyceps sinensis’

Nonostante il suo nome scientifico sia Cordyceps sinensis, la verità è che questo particolare fungo riceve molti nomi diversi. In questo modo, puoi sentirne parlare in molti modi, ma si riferiscono tutti allo stesso modo!

  • I suoi nomi locali: Yasra gumba, Yarcha gumba
  • I suoi nomi comuni in Nepal: Jeera jhar, Jeevan buti, Keeda ghass, Chyou kira, Sanjeevani bhooti
  • I suoi nomi comuni in Cina: Dong Chong xi cao
  • I suoi nomi comuni in Giappone: Tocheikasa o TochuKaso
  • Il suo nome in inglese: Caterpillar fungus

Bisogna chiarire che, sebbene nel linguaggio comune Cordyceps sinensis e yartsagumbu siano considerati concetti equivalenti, se ci atteniamo al loro significato tecnicamente puro, sono due cose diverse.

Per yartsagumbu si dovrebbe intendere il risultato della relazione parassitaria tra l’insetto Hepialus armoricanus (falena himalayana) e il Cordyceps sinensis, il che giustifica che è un termine un po’ più complesso del semplice nome del fungo del Tibet.

Quale ruolo svolgono i ‘jaks’ nella sua storia?

Le proprietà energizzanti del Cordyceps sono legate al pascolo del Tibet. La leggenda narra che, l’arrivo del primo e dei primi disgeli, permise ai pastori di salire con il loro bestiame nelle zone elevate dei monti, con l’intento di cibarsi dell’erba fresca, nonché di ciò che era considerata “erba marrone” in seguito identificata come Cordyceps sinensis.

Dopo alcune ricerche, i pastori notarono che i loro yak, pecore e capre, diventavano più forti e robusti. Inoltre, sembrava che il loro comportamento fosse simile a quello della stagione degli amori. In questo modo, i primi usi medicinali di questo fungo erano legati al miglioramento della capacità riproduttiva e della vitalità dei bovini.

Scopri le prime menzioni delle sue proprietà medicinali

Delle circa 400 specie conosciute, la varietà sinensis è una delle più apprezzate e con i maggiori utilizzi nella medicina tradizionale.

Come fungo tradizionale, troviamo i primi riferimenti nella dinastia Qing in Cina. Nello specifico, parleremmo del trattato Ben-Cao-Cong-Xin, tradotto come “Nuova raccolta di Materia Medica”, nel secolo XVIII.

In Occidente, dobbiamo il suo primo riferimento al gesuita e storico francese Du Halde, che per primo ne sperimentò gli effetti corroboranti e volle raccontarli al mondo.

Studi sul Cordyceps

Più di 2.000 articoli scientifici ne confermano le sue proprietà

Se si può dire qualcosa su Cordyceps, è che è un fungo medicinale molto studiato. Un esempio è il fatto che, dagli anni ’80, sono stati scritti più di 2.000 articoli scientifici al riguardo.

Un’alta percentuale di essi è stata utilizzata per determinarne le proprietà a livello renale, genito-urinario, epatico, immunitario, respiratorio ed energetico.

A che cosa serve il ‘Yarcha gumba’?

L’uso del Cordyceps è stato utilizzato massicciamente nella medicina tradizionale tibetana e cinese per secoli. Ciò non significa che la società occidentale sia rimasta ignara dei suoi benefici e, infatti, l’industria farmaceutica multinazionale ha utilizzato i suoi contatti per integrarla tra le sue materie prime più selezionate. In questa linea, costituisce la base di alcuni farmaci ad alto valore terapeutico, come alcuni di quelli destinati a combattere il cancro o l’AIDS, ad esempio.

Però, da dove viene l’incredibile potere terapeutico di un essere vivente così unico? Ebbene, in considerazione del fatto che l’elenco dei suoi componenti farmacologicamente attivi è ancora da chiudere, vogliamo citare i due componenti che sono stati classificati come costituenti attivi del micelio del fungo: cordicepina e acido cordiceptic.

La cordicepina era precedentemente estratta dalla varietà militaris e oggi è sintetizzata a livello industriale per soddisfare la crescente domanda del mercato.

Il suo componente principale sarebbe una sostanza nota a livello chimico come 3-desossiadenosina a, che possiede una serie di meccanismi che le permettono di agire, a volte in modo deciso, in vari processi chimici che sono legati alla infiammazione, metastasi tumorali, aggregazione piastrinica nella coagulazione del sangue, segnalazione cellulare, apoptosi o morte cellulare, ecc.

Sebbene in linea di principio sviluppi i meccanismi d’azione tipici di un antibiotico naturale, i suoi effetti si estendono a un catalogo molto ampio di funzioni organiche.

Queste sono le sue principali proprietà per la salute

  • Ha azione antivirale, in particolare contro il virus responsabile dell’AIDS
  • Modula il sistema immunitario, stimolando la produzione di interferone (antivirale naturale) e citochine (sostanze mediatrici)
  • Stimola la funzione cardiaca e la ventilazione polmonare, rendendo la respirazione più efficiente
  • Regola i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue, riuscendo a ridurre l’LDL o “colesterolo cattivo”
  • Protegge le funzioni del fegato e dei reni
  • Rallenta la sintesi di proteine chiamate chinasi, che sono coinvolte nella risposta ai segnali chimici e fisici ricevuti dalle cellule
  • Agisce sul sistema nervoso centrale, con spiccata tendenza antidepressiva e antistress, essendo considerato un adattogeno
  • Diminuisce la pressione sanguigna
  • Incrementa la resistenza all’astenia e alla fatica
  • Aiuta a combattere i fastidiosi ronzii ricorrenti nelle orecchie, chiamati acufeni
  • Stimola la libido e migliora la fertilità
  • È un rimedio efficace contro l’anemia
  • Potrebbe essere un agente antitimetastasi in alcuni tipi di cancro, ma non ci sono ancora studi completamente conclusivi e la ricerca è agli inizi

Scopri molto di più sui benefici che il Cordyceps può offrire al tuo corpo e al ruolo che svolge nello sport, nel post completo che abbiamo realizzato a riguardo. Clicca sul link per leggerlo.

Usi Cordyceps

Qual è il suo profilo biochimico?

Il conglomerato di attributi che vanta Cordyceps non può che derivare da un elenco di principi attivi sostanziali nella sua composizione chimica.

Prendi nota dei principali!

  • Cordicepina (0,28 %)
  • D-mannitolo o acido cordiceptic (8 %)
  • Enzima antiossidante superossido dismutasi
  • Vitamine B1, B2 e E
  • Beta-carotene (precursore della vitamina A)
  • Ergosterolo (precursore della vitamina D)
  • Macrominerali e oligoelementi come zinco, manganese, selenio, cromo, fosforo e potassio
  • Polisaccaridi funzionali come beta-glucani (ottimi potenziatori immunitari), galattomannani (fibra solubile destinata a ritardare l’assorbimento di glucosio e colesterolo) e proteoglicani (modulatori dei segnali che si generano nella comunicazione tra la cellula e il suo ambiente)

Particolare rilevanza può essere attribuita all’acronimo noto come SOD, enzima antiossidante superossido dismutasi, che mostra due azioni parallele:

  • Ostacolare la degradazione dei lipidi integranti delle guaine mieliniche dei neuroni
  • Inibire l’attività della monoamino ossidasi, l’enzima responsabile del mascheramento di alcuni neurotrasmettitori, con una partecipazione chiave al funzionamento del sistema nervoso, come la serotonina.

In coerenza con esse, questo enzima costituisce un’arma per combattere il deterioramento delle funzioni neurologiche e a favore dello stato d’animo.

Si conoscono i suoi effetti secondari?

La prima cosa che devi sapere, per questi scopi, è che il grado di tolleranza di Cordyceps da parte dell’organismo è piuttosto elevato, quindi non vi sono registrazioni significative di effetti secondari, a condizione che venga effettuata un’integrazione di routine nella dieta.

Inoltre, in caso di incidenza, non sarebbero altro che sintomi lievi che includono diarrea, nausea e secchezza della bocca, che di solito si risolvono in un breve periodo di tempo.

E le controindicazioni?

Un’altra cosa sarebbe la questione delle controindicazioni. Quindi, ad esempio, se sei soggetto a trattamenti a base di sostanze psicotrope, broncodilatatrici o anticoagulanti o prendi serotonina, dovresti consultare il tuo medico circa la comodità di prenderla, prima di iniziare l’integrazione con Cordyceps.

Vi sono invece indicazioni che il suo principio attivo più rilevante, la cordicepina, possa interferire nei trattamenti con farmaci antitrombotici, per i quali in caso di assunzione si dovrebbe evitare il consumo di integratori di funghi tibetani.

Qualcosa di simile avviene nel campo delle difese organiche, poiché interviene in modo notevole nel funzionamento del sistema immunitario, per cui la sua integrazione è sconsigliata nei casi di somministrazione di farmaci immunosoppressori.

Sei incinta o stai allattando? Allora anche tu non dovresti assumerlo, poiché è ciò che consiglia la prudenza, in quanto non può garantire la sicurezza dell’integratore. Lo stesso vale per i bambini sotto i 12 anni.

Come assumere le capsule di questo fungo parassita tibetano?

Il sistema abituale per poter beneficiare del repertorio di proprietà di Cordyceps è sotto forma di un integratore alimentare dell’estratto del suo micelio.

Cordyceps di EssentialSeries

Estratto di Cordyceps di EssentialSeries.

La quantità giornaliera raccomandata sembra essere di circa 1,5 g al giorno del suddetto estratto di micelio.

Prova a prendere una capsula con ciascuno dei tre pasti principali (per evitare di avere lo stomaco vuoto), con mezzo bicchiere d’acqua. In alcune presentazioni, che contengono il principio attivo cordicepina, è stata stabilita una misura di 120 milligrammi al giorno per una persona adulta di 70 kg.

Ti mostriamo le combinazioni che funzionano meglio

Il Cordyceps, come abbiamo detto, mostra un’interessante gamma di proprietà benefiche per l’organismo, ma che ne dici di usarlo in combinazione sinergica con altre sostanze?

Segnati le migliori combinazioni!

  • Con Reishi e ginseng. Non appena scoprirai che nel mondo dei rimedi naturali sono stati battezzati come “il trio imperiale”, ti accorgerai del loro potere sinergico in termini di capacità disintossicante, presente in tutti e tre su larga scala.
  • Con Ginkgo biloba. Non troverai un alleato migliore per dispiegare insieme al Cordyceps il suo effetto di rallentamento sull’invecchiamento cellulare. Inoltre, entrambi forniscono una solida permeabilità alla membrana cellulare, essenziale per la prevenzione delle malattie degenerative.
  • Con astragalo. Conosciuto anche con il nome Beg Kei, con il Cordyceps, forma un’eccezionale combinazione per il trattamento delle malattie renali.
  • Con miele di fiori di acacia. Combina il Cordyceps (preferibilmente da agricoltura biologica), al miele di fiori di acacia, per concentrarlo sul recupero energetico in situazioni di usura.

Tesoro tibetano, fungo parassita o Viagra dal Tibet. Non importa come lo chiami il Cordyceps sinensis, l’importante è che tu possa beneficiare di un gioiello naturale a cui vengono attribuite ogni giorno più proprietà terapeutiche, e finalmente ad un prezzo accessibile!

Bibliografia

    Valutazione Cordyceps

    Rafforzamento Sistema Immune - 100%

    Aumento della Libido - 100%

    Efficacia - 100%

    Combinazioni - 100%

    100%

    Valutazione HSN: 5 /5
    Content Protection by DMCA.com
    Su Alberto Ricón
    Alberto Ricón
    Alberto Ricón è specialista in nutrizione ed igiene alimentare con ampia esperienza nel settore. Lavora come Tecnico di Salute Alimentare nella Comunità di Castiglia La Mancia.
    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *