Berberina: Un rimedio terapeutico versatile

Berberina: Un rimedio terapeutico versatile

La berberina non è in cima alla classifica dei rimedi terapeutici più noti, non dobbiamo prenderci in giro, ma in questo elenco, in termini di efficacia, “non sono presenti tutti e non tutti sono quello che sembrano”.

Un buon esempio è quello della berberina, un composto chimico a cui è attribuita una forte attività biologica all’interno del corpo. Con una presenza nel regno animale, una volta estratto e purificato, ci viene presentato come una fitoterapia “dieci”.

Ed è per questo motivo che la medicina occidentale si è concentrata su di essa già diversi decenni fa.

Ti spieghiamo quello che può fare per la tua salute!

Pianta berberis

Che cos’è la Berberina?

La sua identificazione chimica rivela che abbiamo a che fare con un alcaloide isochinolina.

In alcuni generi vegetali si sviluppano come parte delle loro strategie di difesa contro i parassiti minacciosi.

Forse non sai che, sotto il nome di alcaloide, esiste un elenco dei più estesi in termini di composti organici di origine vegetale. Il comune denominatore di tutti loro è il possesso nella sua molecola di una base di azoto. Sono questi atomi di azoto a cui sono attribuite le loro azioni fisiologiche e terapeutiche, che sono molto interessanti dal punto di vista medico.

Da qualche tempo, gli studi derivati dalla ricerca si sono intensificati, considerando le possibilità di questa pianta come uno strumento di azione terapeutica. E non è una cosa da poco, dal momento che sono oltre 2.500 articoli relativi a un argomento considerato di attualità.

Ma a cosa si riferisce esattamente questa voluminosa letteratura scientifica? Bene, inizialmente è limitato alle sue interessanti proprietà antidiarroiche e antiparassitarie. Ed è che molti hanno gli occhi su berberina come grande speranza per i suoi possibili benefici contro il diabete mellito di tipo 2, cancro, ipertensione e ipercolesterolemia.

Tuttavia, il nucleo centrale della ricerca è ancora nel continente asiatico, dove è onorato e utilizzato da oltre 3000 anni.

Aneddoticamente, abbiamo a che fare con una sostanza riconosciuta per la sua capacità di pigmento, che dà un colore giallo a diversi tessuti.

Quali sono i tipi di piante che la sintetizzano?

La pianta in questione è un membro metabolico di un mazzo ristretto di famiglie e generi vegetali. In questo universo di campioni, il genere Berberis si distingue per i suoi meriti, che copre circa 500 specie, niente di più e niente di meno.

Al suo interno, la più rappresentativa della specie è Berberis vulgaris, un arbusto che è popolarmente noto come crespino e può crescere fino a tre metri.

Quello di cui stiamo parlando è un cespuglio il cui habitat naturale si trova nella catena montuosa dell’Himalaya, tra India e Nepal, in cui prevale una tonalità gialla, fornita dalla sua corteccia e dai fiori.Berberina nei supplementi

In ogni caso, esistono altre specie la cui composizione è generosa in berberina e sono:

  • Berberis aristata (crespino indiano o curcuma dell’albero)
  • Berberis aquifolium (uva dell’Oregon o mahonia)
  • Hydrastis canadensis (filo d’oro, sigillo d’oro o curcuma canadese)
  • Coptis chinensis
  • Rhizome
  • Japonica
  • Phellondendron amurense
  • Pellondendron chinense

Tra queste, la più utilizzata come fonte di questa materia prima per fabbricare complementi è la Berberis aristata.

Gli esperti concordano sul fatto che sarebbe il filo d’oro o di curcuma canadese, Hydrastis canadensis che fornirebbe la materia prima di purezza più elevata.

In ogni caso, non mancano le persone che indicano che tale conclusione è condizionata da leggende legate alla complessità della raccolta di questa specie. E il fatto è che l’ambiente del sigillo d’oro è configurato da regioni molto brusche e di difficile accesso, che gli conferiscono un valore quasi mitico.

Analizziamo un po’ la sua storia

Per secoli, le tecniche di guarigione ancestrali hanno fatto affidamento sugli estratti e sulle infusioni di queste specie vegetali come uno dei loro principali beni, principalmente in termini di effetti antimicrobici e vasocostrittivi.

Un buon esempio di ciò è la medicina tradizionale cinese, Kampo giapponese e Ayurvedica, che combinano una vasta esperienza nell’uso di questa medicina erboristica per curare la diarrea infettiva, tra cui dissenteria, malattie renali e del tratto urinario.

Le prime notizie che si hanno del suo arrivo in Europa risalgono alla seconda metà del XVIII secolo. A testimonianza della sua popolarità nel mondo occidentale, possiamo dire che oggi è una delle piante medicinali con la maggiore attrazione commerciale negli Stati Uniti tra tutte quelle destinate ad essere utilizzate come materie prime per gli integratori.

Storia della berberina e usi

Quali sono le sue funzioni principali per il corpo?

Sebbene in questo post approfondiremo l’ampiezza degli effetti farmacologici attribuiti a questa pianta, alcuni con maggiore solvibilità e altri con meno, possiamo riassumere in anticipo quanto segue:

  • L’attività antimicrobica associata a questa pianta è specifica contro i batteri ma anche contro i funghi. Per quanto riguarda la sua azione, consiste nell’inibizione dei meccanismi sviluppati dai batteri quando si tratta di fissarsi sulle loro cellule e penetrare nel loro citoplasma. Un tale effetto sembra interessare in particolare le mucose della gola, dell’intestino e del sistema urinario.
  • Agente riducente per i livelli di zucchero nel sangue
  • Antinfiammatorio.
  • Antitumorale. Come alcaloide a base vegetale, ha una lunga storia nella medicina tradizionale cinese e ayurvedica. Per quanto riguarda l’attività antitumorale, si basa sull’inibizione della crescita e della proliferazione delle cellule tumorali.

Qual è il meccanismo di azione della Berberina?

Per capire fino a che punto la berberina può giovare al corpo, è conveniente sviluppare qual è il suo meccanismo d’azione.

In questo senso, una volta ingerita, viene assorbita nella parete intestinale. Una volta nella corrente circolatoria è trasportata e legata alle proteine plasmatiche ai suoi organi bersaglio. Tali organi sono quelli in cui si verificherà il legame con i loro bersagli all’interno delle cellule.

Quindi qual è il meccanismo biochimico che le consente di svolgere la sua funzione all’interno delle cellule?

Ancora una volta, sembra esserci un consenso sul fatto che il suo ruolo è modulare l’azione di un enzima intracellulare, AMPK (proteina chinasi attivata da AMP), protagonista quasi assoluto nei processi di produzione di energia. Tali processi includono glicolisi, ossidazione dei lipidi e gluconeogenesi epatica.

Potremmo affermare che il suo comportamento ricorda quello di un rivelatore che esercita il controllo sulla quantità di energia prodotta e consumata dal corpo. Pertanto, non c’è nessuno che lo parli come un “interruttore principale del metabolismo”. La sua presenza è stata rivelata nelle cellule di quasi tutti gli organi del corpo.

Enzima AMPK

Di conseguenza, l’AMPK svolge un ruolo essenziale nel bilancio energetico cellulare, poiché la sua attivazione dà i seguenti risultati:

  • Stimolazione dell’ossidazione degli acidi grassi nel fegato e nei muscoli, nonché della formazione di corpi chetonici.
  • Inibizione della sintesi di colesterolo e trigliceridi.
  • Assorbimento del glucosio da parte delle fibre muscolari.
  • Modulazione del rilascio di insulina da parte delle cellule beta delle isole di Langerhans del pancreas, essendo le uniche con la capacità di svolgere questa funzione.

Per quali patologie è indicata?

Nonostante il fatto che le applicazioni che generano maggiori aspettative tra i ricercatori nell’ambito dei trattamenti medici siano legate alle malattie cardiovascolari e alla sindrome metabolica, la verità è che gli usi derivati da questa straordinaria sostanza vanno molto oltre:

Berberina per il diabete Mellito di tipo II

Il diabete è una patologia che ha conosciuto una crescita notevole negli ultimi decenni, qualcosa che può essere associato all’aumento del sovrappeso e dell’obesità tra la popolazione.

Considerato un grave problema di salute pubblica, i ricercatori sono costantemente alla ricerca di nuovi metodi e sostanze che aiutino a controllarlo.

Associato ad alta morbilità e mortalità, fortunatamente ci sono numerosi studi clinici che indicano le incoraggianti aspettative della berberina riguardo alla sua capacità di controllo nelle persone con diabete di tipo II.

I suoi effetti contro il diabete sono strettamente legati a un aumento della sensibilità di specifici recettori dell’insulina. Ciò si traduce in un miglioramento della regolazione di vari processi biochimici e, quindi, nel funzionamento globale dell’organismo.

Berberina ed effetti sui trigliceridi

Per il metabolismo del colesterolo e dei trigliceridi

Quello che stiamo per affrontare è uno dei campi in cui i contributi di berberina possono essere più significativi. In effetti, ci sono diversi studi che fino ad oggi danno credito alla sua capacità di ridurre i livelli di lipidi nel sangue.

In particolare, i risultati di questi studi sembrano dimostrare che stiamo trattando una sostanza di una certa versatilità per correggere i disturbi legati alle componenti grasse della biochimica del corpo.

Normalmente, gli acidi grassi, presenti in quantità sufficienti nel corpo, possono aumentare a causa del consumo eccessivo di grassi e zuccheri.

Nel caso in cui non vengano prestati attenzione, possono innescare più malattie e, soprattutto, patologie cardiache.

Per le persone intolleranti alle statine

Le statine sono i farmaci più frequentemente prescritti per il trattamento dell’ipercolesterolemia. Quello che succede è che, parallelamente, la sua efficacia terapeutica comporta un certo grado di intolleranza. Uno dei più comuni è il dolore muscolare generalizzato.

D’altra parte, e per coloro che devono seguire un regime terapeutico a lungo termine, la berberina viene presentata come un’alternativa efficace al controllo del colesterolo in questi pazienti. E molti meno effetti secondari!

Tra i principi attivi suggeriti per il controllo di questo parametro ematico, oltre alle statine, possiamo evidenziare l’ezetimibe. Bene, alcune voci autorevoli indicano una combinazione di berberina, policosanolo e lievito di riso rosso fermentato per sostituire alcuni farmaci che causano problemi.

Per ipertensione

Il potenziale della berberina di ridurre l’ipertensione deriva dalla sua capacità di indurre un rilassamento dello stato dei vasi sanguigni, che avviene attraverso due percorsi: agendo sull’endotelio vascolare (mucosa o strato più interno dei vasi sanguigni) e sulla muscolatura liscia delle arterie.

E ci riesce in questo modo:

  • Per quanto riguarda la sua azione sulla mucosa vascolare, basse concentrazioni di berberina sembrano essere sufficienti per dilatare l’aorta, l’arteria con le pareti più spesse.
  • In relazione al suo effetto sull’endotelio vascolare, affinché il già menzionato rilassamento dei muscoli lisci abbia effetto, devono essere fornite concentrazioni più elevate, indipendentemente dalla prima via.

Berberina per l’obesità

Per perdere peso

Esistono diversi studi che dimostrano che la berberina ha una certa capacità di ridurre sia l’indice di massa corporea sia la circonferenza della vita.

Tale circostanza, in conformità con il grado di influenza nella riduzione dei livelli lipidici, dell’insulino-resistenza e della pressione sanguigna, rende la berberina una sostanza acclamata per la prevenzione e il trattamento della sindrome metabolica.

Si stima che mangiare berberina tre volte al giorno contribuisca a perdere circa tre chili di peso in dieci settimane.

Inoltre, è stato certificato che, pur promuovendo la perdita di peso, la berberina regola gli ormoni come l’insulina e la leptina, che sono in qualche modo responsabili del controllo e della distribuzione dei grassi consumati nella dieta.

Par le infiammazioni

Il fenomeno infiammatorio è uno dei principali meccanismi naturali dispiegati dal corpo di fronte agli aggressori esterni, dipendente dalla mediazione di determinate sostanze specializzate, come la prostaglandina E2.

Pertanto, siamo di fronte a un mediatore della risposta infiammatoria della competizione indispensabile. Bene, la berberina è stata rivelata come un neutralizzatore dell’effetto infiammatorio di questo composto, in virtù dei risultati di vari studi.

Berberina come antiossidante

Un buon numero di ricercatori ritiene che questa qualità, in sinergia con il potere antinfiammatorio, rappresenterebbe la chiave per spiegare il vasto elenco di proprietà terapeutiche che manifesta la berberina. Spiegherebbe anche la dispersione di patologie sulle quali ha un ruolo preventivo o curativo riconosciuto.

il suo potere antiossidante è ciò che garantisce una barriera contro il deterioramento cellulare, rafforzando lo scudo protettivo che hanno sulla loro membrana. In breve, un meccanismo ben noto che impedisce la formazione di radicali liberi in queste membrane, che ossidano DNA, proteine e lipidi, invalidandoli per lo sviluppo della loro funzione e causando mutazioni genetiche.

Berberis naturale

Per la depressione

Le possibilità terapeutiche della berberina raggiungono il ramo medico della neuropsichiatria ed è che, a seguito di numerosi studi, viene estratta una componente antidepressiva.

Mentre alcune linee di lavoro suggeriscono che è immerso come mediatore, il sistema ciclico arginina-ossido nitrico-guanosina monofosfato (cGMP), altri lo fanno aumentando la produzione di adrenalina e dopamina con azione nell’ippocampo e nella parte anteriore della corteccia cerebrale.

Per le infezioni

Sono i sali di cloruro e il solfato della berberina che esercitano una forte azione batteriostatica contro tre delle specie batteriche più frequenti, spiccando tra quelle riconosciute come patogene: Staphylococcus epidermis, Neisseria meningitidis ed Escherichia coli.

Tuttavia, dalle informazioni raccolte dalla farmacopea cinese delle erbe, sembra che la raccolta di batteri che rientrano nel suo spettro d’azione sia numerosa. In particolare, sono quelli appartenenti ai generi Staphylococcus, Streptococco, Salmonella, Klebsiella, Clostridio, Pseudomonas, Proteus, Shigella e Vibrio, tra gli altri.

Infine, va notato che anche altri microrganismi come virus, parassiti unicellulari (come l’Entamoeba) e funghi (come Candida albican) vengono attaccati da questa sostanza.

Per la diarrea

Gli effetti positivi della berberina nel trattamento della maggior parte delle infezioni che di solito causano la diarrea, sono noti fin dall’antichità. Questi includono quelli causati da Vibrio cholerae, Escherichia coli, Salmonella o Shigella.

Tra tutti, il pericolo principale risiede nella perdita di acqua ed elettroliti che tendono a causare le tossine che questi batteri rilasciano nella luce intestinale. Qui, il ruolo della berberina è di prevenire la sua aderenza all’epitelio intestinale, con risultati paragonabili agli antibiotici. Senza dubbio, ciò costituisce un handicap per la sopravvivenza dei microrganismi.

Questo effetto benefico si rinforza quando si viene a conoscenza che la sua azione lascia incolumi i batteri chiamati saprofiti. Tra questi spiccano: Lactobacillus, Firmicutes e Bifidobacterium, abituali colonizzatori dell’intestino sano che svolgono un lavoro vitale e la cui popolazione contribuisce a regolare.

Per combattere protozoi o parassiti unicellulari

L’estratto di filo d’oro e i sali di berberina mostrano una forte attività antiprotozoaria. Nel suo spettro, vale la pena menzionare specie altamente patogene come Entamoeba histolytica, Giardia lamblia e Trichomonas vaginalis. Allo stesso tempo, viene riconosciuta la sua azione antielmintica.

Oltre ai trattamenti orali e vaginali, è anche molto interessante il suo uso in forma locale per il trattamento di leishmaniosi cutanea, un’infezione parassitaria di origine tropicale trasmessa da una specie di zanzara.

Non possiamo completare l’analisi della sua attività antiprotozoaria senza parlare delle possibilità della berberina contro la malaria o il paludismo. È stato dimostrato che, in associazione con la pirimetamina, fornisce risultati migliori rispetto alla combinazione di questa sostanza con la tetraciclina.

Staphylococcus berberina

Per trattare l’ulcera gastroduodenale

La prossima area in cui questa fitoterapia svolge un ruolo non trascurabile è quella del trattamento delle ulcere causate dall’Helicobacter pylori.

Molti lavori di ricerca mostrano la sua capacità di spostare le colonie di questo microrganismo dal tratto intestinale. Nonostante ciò, è necessario approfondire gli studi che confermano il suo potere di sradicarli.

Per trattare altre patologie (probabilmente efficace)

Altre patologie in cui sembra anche avere una possibile efficacia sono:

  • Ulcere in bocca: I gel topici possono essere molto utili per mitigare il dolore e la produzione liquida di ulcere, riuscendo a ridurle.
  • Sindrome dell’ovaio policistico (PCOS): Sulla base del fatto che le donne con questa sindrome manifestano spesso resistenza all’insulina, contribuendo a ridurre i livelli di glucosio e lipidi nel sangue potrebbe renderlo adatto ad agire sui livelli di insulina, prevenendo gli squilibri ormonali.

Per finire con questa sezione, vogliamo fare riferimento agli sforzi dei ricercatori per testare la possibile efficacia della berberina contro il cancro, inducendo ciò che è noto come apoptosi o morte cellulare delle cellule tumorali.

Questa funzione viene svolta mediante l’inibizione dei meccanismi di riparazione del DNA. Mostra anche la sua capacità di collassare la mitosi (riproduzione) delle cellule tumorali. Il risultato? L’ammortizzazione della crescita invasiva del tumore e delle sue metastasi, aumentando la sensibilità delle cellule maligne a farmaci specifici.

Come prenderla?

Per quanto riguarda il modo di assunzione della berberina in modo che sia efficace al 100%, un dosaggio diverso può essere distinto in base all’età:

Nel caso dei bambini

Le persone di età inferiore ai dodici anni dovrebbero ricevere una dose di berberina che dipende da vari fattori, ma ci dispiace dire che, finora, non abbiamo le informazioni precise per determinarlo.

Consigli per l’assunzione della berberina

Nel caso degli adulti

Gli adulti possono ricevere una dose di berberina sia per via orale che topica, composta da:

Dosi per via orale

  • Per trattare il diabete: tra 1-1,5 grammi al giorno per 2-3 mesi.
  • Per trattare il colesterolo alto: tra 0,6-1,5 grammi al giorno per un periodo che uno specialista determina in base all’intensità dell’anomalia metabolica. Allo stesso modo, e per questi scopi, è stata verificata l’utilità di combinare 500 mg di berberina, con 10 mg di policosanolo e 200 mg di riso rosso fermentato al giorno.
  • Per trattare la pressione arteriosa alta: un grammo al giorno per due mesi.
  • Per trattare il disturbo ovarico chiamato sindrome dell’ovaio policistico (PCOS): 500 mg 3 volte al giorno per 3 mesi.

Per via topica

La berberina assunta per via topica è spesso molto utile nel trattamento delle ulcere nella cavità orale. Se ne soffri, prova a prendere 5 mg di berberina per grammo, 4 volte al giorno per 5 giorni.

Assunzione Berberina

Consigli per il dosaggio

È possibile che tu stia pensando a come assumere la berberina nella tua vita quotidiana per beneficiare delle sue numerose proprietà salutari. Bene, la buona notizia è che ce l’hai a disposizione nel mercato sotto forma di un supplemento. Naturalmente, non cadere nell’errore di confonderlo con altre sostanze con nomi simili come berberrubine o berberol

Occhio! La sua vita media nell’organismo rende conveniente dividere la dose giornaliera in due o tre dosi. In ogni caso, non prolungare la sua somministrazione oltre i tre o quattro mesi senza fare pause.

Per quanto riguarda il momento migliore della giornata per prendere la berberina, si consiglia di prenderla con uno dei pasti principali o poco dopo di essi.

Dalle informazioni che gli esperti hanno gestito finora, sembra che il consumo di 1,5 grammi di berberina al giorno, somministrato in tre dosi da 500 mg, possa essere efficace quanto la dose richiesta di metformina , il farmaco più prescritto per il trattamento del diabete di tipo II. Un fatto sorprendente.

Fino ad ora ti abbiamo spiegato le informazioni che avevamo preparato sulla berberina, una completa medicina di erbe che offre numerosi benefici al corpo, tutti testati!

Tuttavia, ti invitiamo a dare un’occhiata ai nostri consigli su effetti secondari e controindicazioni della Berberina su questo link.

Dove comprare la Berberina?

Su HSN ovviamente!

Puoi beneficiare di tutti gli incredibili effetti positivi della berberina attraverso l’uso del nostro Berberina 500mg di HSNessentials.

Contiene l’alcaloide più puro delle piante del genere Berberis, estratto dalla specie aristata (Berberis aristata L.) che è l’unica che non è attualmente nel gruppo di valutazione di “piante ad alto rischio di tossicità” dall’autorità di Sicurezza alimentare europea, pur avendo tutti gli effetti benefici attribuiti alla berberina.

Su HSN troverai la berberina della massima qualità e sicurezza, con tutti gli effetti benefici del composto senza segnalazioni di tossicità attribuita ad altre specie del genere.

Bibliografia:

Valutazione Berberina

Meccanismo di azione - 100%

Diabete di tipo 2 - 100%

Colesterolo - 100%

Dosaggio - 100%

100%

Valutazione HSN: 5 /5
Content Protection by DMCA.com
Su Alberto Ricón
Alberto Ricón
Alberto Ricón è specialista in nutrizione ed igiene alimentare con ampia esperienza nel settore. Lavora come Tecnico di Salute Alimentare nella Comunità di Castiglia La Mancia.
Vedi Anche
Bardana – Proprietà delle radici e Benefici per la pelle

La bardana è un’altra delle piante con proprietà medicinali, da secoli specialmente utilizzata per il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *