Guida di Allenamento di Basket per il Ruolo di Ala Piccola

Guida di Allenamento di Basket per il Ruolo di Ala Piccola

L’Ala Piccola, chiamata small forward nei paesi di lingua inglese; o “3” nel linguaggio del basket; È un ruolo normalmente occupato da uno (o due) dei giocatori che compongono il quintetto del basket, ed è posizionato principalmente fuori dall’arco. Ulteriori informazioni in questa Guida di Allenamento per l’Ala Piccola.

Determinanti fisiologiche dell'alto rendimento

Che cosa definisce le ali piccole

Quando cerchiamo il profilo fisiologico di un’ala piccola vediamo subito che è il più equilibrato sia a livello antropometrico che fisico del basket.

Un tuttofare del campo

Questo perché le ali piccole sono un ibrido tra i playmaker (o meglio ancora le guardie tiratrici) e i centro. Infatti, è molto comune trovare una posizione chiamata ala grande in gioco (che è un ibrido tra le due posizioni) e/o per l’ala piccola supportare il playmaker quando si alza la palla se la guardia tiratrice viene difesa da un giocatore fisicamente superiore e non può svolgere la sua funzione.

Come deve allenarsi l'ala piccola di basket per ottenere i migliori risultati?

L’allenamento fisico delle ali piccole

Di fronte a un’immagine così equilibrata, cosa facciamo? Un’ala piccola dovrebbe allenarsi in un modo speciale?

In verità, no. Un’ala piccola deve allenarsi come un playmaker o un centro e utilizzare un sistema di allenamento specifico per una posizione o per un’altra a seconda delle esigenze del giocatore o della squadra:

Proposta di miglioramento per le ala piccola basket

Non sembra difficile, vero?

In realtà non lo è, dato che sono giocatori molto equilibrati, ciò che manca è ciò che devi sviluppare.

Puoi usare le guide di addestramento dei Playmaker e delle Guardie per avere un’idea per l’allenamento fisico di un’ala piccola. Clicca qui! per capire meglio l’allenamento di una guardia tiratrice.

Il giocatore con il maggior numero di attriti/lesioni/rischi?

Una delle domande più frequenti su una squadra di basket è:

Chi è il giocatore di basket che esercita il maggior sforzo fisico durante una partita?

Prima di offrirti una risposta, ti lasciamo l’impegnativo allenamento individuale svolto da uno dei migliori attaccanti dell’NBA, almeno uno dei più riconosciuti: Lebron James

La risposta a questa domanda non è così semplice, poiché se parliamo di sforzo fisico aerobico sono tutti molto vicini.

Il centro soprattutto, se è un giocatore sotto il cerchio. Riceverà più contatti e quindi il suo impegno sarà maggiore. Al contrario, un playmaker, che in attacco riceve pressioni fortissime da tutto il campo, richiederà uno sforzo maggiore per liberarsi del difensore.

Ci sono molte ricerche su qual è il ruolo che percorre la maggior distanza durante una partita ma i dati sono piuttosto contrastanti, nulla è chiaro.

Quello che sappiamo è che in un periodo di 4 anni, i giocatori che mostrano il maggior carico di allenamento sono le ali piccole. Perché questo? Ricevono un maggior grado di affaticamento (Edwards et al., 2018) e quindi si riprendono meno, peggio e finiscono per subire alterazioni nel loro sistema ormonale (Schelling et al., 2015).

Percezione della fatica nel basket

Sono tanti i fattori che condizionano la fatica, quindi non possiamo sapere quale di essi soffre di più l’ala piccola rispetto ai compagni. Quello che sappiamo è che un allenatore dovrebbe monitorare le sue ali piccole e parlare con lo psicologo della squadra per rilevare in tempo un overreaching che possa innescare una sindrome di burnout, che costringe l’ala piccola a ritirarsi dalla competizione per alcuni mesi.

Parlando di sport e carico di lavoro, prevenire è sempre meglio che curare.

L’ala piccola è il giocatore più fisico del basket?

L’allenamento tecnico-tattico delle ali piccole

Nonostante il fatto che le ali piccole non siano giocatori che presentano caratteristiche straordinariamente differenti rispetto ad altre posizioni; Si tratta di giocatori che si trovano in una posizione che richiede grandi prestazioni tecnico-tattiche.

Questo si traduce in:

  • Capacità di palleggiare con entrambe le mani e massimo controllo del movimento.
  • Eseguire un passaggio veloce.
  • Eseguire finte.
  • Tirare con precisione da diverse distanze e angoli rispetto all’asse del cerchio.
  • Andare a canestro, superare in velocità il vicino difensore, insieme a una straordinaria visione di gioco che gli permette di selezionare il momento migliore per tirare, fare canestro o passare la palla ad un compagno di squadra per fare canestro, per esempio.

Per questo motivo, in questo caso, vorrei proporre un modello di sessione dove possiamo formare le competenze tecniche specifiche di un’ala piccola:

Esercizi di Allenamento Ala Piccola Basket

Riscaldamento

Dividiamo la squadra in gruppi di 3 giocatori a metà campo, giocheremo un 3×3 modificato.

Chiediamo a tutti i giocatori di sdraiarsi a faccia in giù con le mani dietro la testa e posizioniamo tanti palloni quanti sono i gruppi di 6 giocatori che abbiamo in campo (3×3). Possiamo piazzare più palle che gruppi, ma il gioco diventa particolarmente difficile (e divertente).

Le palle saranno disposte lontano dai giocatori, come sugli spalti, in modo che siano visibili a loro, ma devono spostarsi per raggiungerli. Una volta che hanno la palla, la squadra che lo possiede attacca e l’altra difende.

Il gioco inizia nel momento in cui un giocatore ha la palla tra le mani, senza limiti di campo, e non si può stoppare il tempo. I giocatori devono fare canestro in quello che è stato loro assegnato.

Conosci l’evoluzione di un giocatore completo come Luka Doncic? Non perderti il video dove vengono rivisti i suoi esordi fino al suo arrivo in NBA, il miglior campionato di basket del mondo…

Questo gioco è importante poiché sviluppa non solo la capacità fisica (soprattutto la potenza aerobica) dei giocatori, ma anche le loro capacità decisionali e comunicative, fattori di cui mi sono trovato a mancare molte più volte di quelle che vorrei ammettere. Anche nelle squadre professionistiche: quante palle perse vedi nelle partite per mancanza di comunicazione?

Hai visto le azioni di cui è capace Giannis Antetokoumpo in una partita dell’NBA? 50 punti e 14 rimbalzi. Esatto! Un’ala piccola che segna punti da capogiri…

Perché ti sto dicendo queste cose?

Perché ci saranno tanti palloni, ma anche tante squadre che arriveranno verso di loro. Una squadra è un avversario diretto, le altre no, ma vanno tutte nella stessa posizione.

All’inizio la scena è caotica, e se la tua squadra non ha un buon sviluppo tattico ci vorrà un po’ per prenderne possesso, ma non disperare.

Se due giocatori della stessa squadra prendono due palle (quando dovrebbero prenderne solo una) devono correre per 800 metri nel più breve tempo possibile, ma bisogna essere veloci! Non appena il set finisce e inizia il prossimo, inizia la nuova partita, e se i giocatori non sono in campo, la loro squadra giocherà con meno persone.

Se due squadre avversarie (es. Squadra 1 vs Squadra 2) prendono 2 palle diverse (il giocatore X della squadra 1 prende una palla e il giocatore Y della squadra 2 prende un’altra palla), l’intera squadra correrà per 1.500 metri.

Stanne certo, alcune squadre correranno i 1.500 metri… ma non appena ciò accadrà, si renderanno conto che è necessario comunicare e stabilire una tattica per evitare che ciò accada di nuovo.

Qual è la capacità fisica di un’ala piccola nel basket?

Ho visto fare di tutto in questo gioco, anche molti esempi di ricchezza motoria dovuta alla grande variabilità e incertezza che nasconde. Blocchi indiretti in attacchi a 20 metri dal canestro per avanzare perché erano sotto pressione non appena hanno preso palla. Ho visto passaggi lunghi intercettati in velocità e frenate violente che hanno mandato a terra il difensore e permesso all’attaccante di lanciare il pallone. E naturalmente… ho visto due giocatori di squadre avversarie, chinarsi per prendere due palloni e guardarsi l’un l’altro in modo minaccioso, sapendo che se lo toccassero contemporaneamente avrebbero dovuto correre.

Ti divertirei un sacco a vedere questo spettacolo!

Parte principale

Esercizio 1

Esercizio 1 allenamento ala piccola

Teniamo la squadra divisa in sottogruppi di 3 giocatori che si scontrano fra loro, ma in questo caso un giocatore della squadra in difesa riposa e si alternerà a rotazione con i suoi compagni di squadra.

La partita si svolge di nuovo a centrocampo, dove una squadra inizia ad attaccare dal centro del campo.

L’obiettivo del gioco è che i giocatori attaccanti segnino e che i giocatori in difesa evitino di colpire il canestro. Semplice, giusto? Sembra un 3×2 in superiorità offensiva.

Sembrerebbe di sì. Tuttavia, i giocatori in attacco non possono passare in avanti, solo all’indietro o in parallelo, proprio come farebbe una squadra di rugby.

Ciò presuppone uno sforzo in più per i giocatori, che sono tutt’altro che abituati a questa dinamica del gioco. Questo esercizio richiede loro di avanzare con la palla, forzare i cambi di mano, creare finte dinamiche, sostenersi a vicenda e non prendere mai la palla, perché avrebbero perso.

Questo gioco può essere molto difficile per gli attaccanti con diverse varianti che, ancora una volta, miglioreranno le loro capacità di coordinazione e la loro visione tattica del gioco. Ecco alcune idee:

  • Reintrodurre il giocatore che si alternava per creare un 3×3.
  • Proibire i passaggi a due mani.
  • Consentire solo passaggi con rimbalzo.
  • Proibire la restituzione del passaggio al giocatore che ti ha appena passato la palla.
  • Proibire di passare la palla senza palleggiare.

Esistono infinite possibilità a portata di mano!

Esercizio 2

Esercizio 2 Allenamento Ala Piccola

Un esercizio giocoso di tecnica di tiro. Vediamolo.

Dividiamo la squadra in coppie, un membro della coppia sarà il lanciatore e l’altro sarà la guida.

Tutti i lanciatori delle coppie devono giocare in batteria posizionandosi nel prolungamento (in linea) del canestro.

Tutte le guide si posizioneranno sempre di fronte ai loro compagni, ad una distanza di sicurezza dove non possano essere colpite, ma rimanendo facilmente visibili.

Lungo la linea 6.25 verranno tracciati 10 segni (4 da sinistra, 2 al centro e 4 da destra). L’obiettivo è realizzare un canestro da ciascuno di quei segni (o basi), prima dei lanciatori delle altre coppie. Ogni lanciatore ha una palla da raccogliere dopo ogni lancio.

Esercizio 3 Allenamento Ala Piccola

Tuttavia, per il lancio, i tiratori non potranno tirare come vogliono, dovranno obbedire alla loro guida, che dirà loro come fare lanciare la palla con un gesto della mano:

  • Alzare la mano destra per palleggiare, eseguire un movimento laterale + lancio.
  • Alzare il pugno sinistro per palleggiare indietro e cambia direzione per andare avanti, un passo + lancio.
  • Alzare entrambe le braccia per lancio in sospensione.
  • Ballare in stile gangnam per fare una finta + passo laterale + lancio senza saltare.

Esercizi per il miglioramento delle Ali Piccole basket

È importante che entrambi i giocatori siano attenti per non commettere errori nell’interpretazione dei gesti delle guide; in quanto le guide sono attente a non dare ordini che potrebbero far scontrare i loro compagni di squadra con altri lanciatori.

Un’errata interpretazione del segnale della guida da parte del lanciatore farà tornare indietro di una base.

So che molti allenatori pensano che questo non sia allenamento, ma gioco… ho già condiviso la mia visione di allenatore in post precedenti, dove ho spiegato che le ali piccole sono giocatori di basket, e quindi devono giocare. Inoltre l’allenamento basato sul puro condizionamento fisico è obsoleto e senza esercizi inefficaci per migliorare la forma fisica di un atleta.

Sono passati anni, ma l’attaccante spagnolo Rudy Fernández è ancora attivo e offre tiri da tre punti e schiacciate quasi contemporaneamente. Ecco un esempio di come ha partecipato alla gara di schiacciate dell’NBA nel 2009…

Proteggi le tue articolazioni con HSN

Con gli esercizi precedenti finirai per tirare la palla come veri professionisti.

Ma con così tanti salti e impatti le articolazioni soffrono. Infatti, gli atleti che sottopongono le loro articolazioni a impatti derivati dalla corsa (soprattutto i giocatori di basket a causa delle scarpe e della tecnica di corsa in pista) sono quelli che soffrono un maggior rischio di degenerazione della cartilagine articolare (Vannini et al., 2016) e quindi un maggior danno alle ginocchia, per esempio.

Proteggi le tue articolazione con Joint Care di HSNessentials

Proteggi le tue articolazioni con Joint Care di HSNessentials! Un integratore alimentare liquido appositamente progettato per promuovere la sintesi di collagene, ialuronato, aggrecano e prevenirne la degradazione durante l’esercizio fisico.

Bibliografia

Valutazione Guida di Allenamento di Basket Ruolo: Ala Piccola

Tuttofare in campo - 100%

Allenamento fisico - 100%

Allenamento tecnico-tattico - 100%

Integratori per le articolazioni - 100%

100%

Valutazione HSN: 5 /5
Content Protection by DMCA.com
Su Alfredo Valdés
Alfredo Valdés
Specialista in allenamento in fisiopatologia metabolica e in effetti biomolecolari dell’alimentazione e esercizio fisico, vi parlerá nei suoi articoli del complesso mondo della nutrizione sportiva e clinica, in modo semplice e con senso critico.
Vedi Anche
Esigenze nutrizionali Basket
Qual è la corretta Nutrizione per un giocatore di Basket?

Il basket è uno sport di squadra, in cui anche le abilità di alcuni giocatori …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *