Che cos’è la Bioimpedenza e per che cosa si utilizza?

Che cos’è la Bioimpedenza e per che cosa si utilizza?

Nell’articolo di oggi capirai cos’è la bioimpedenza, cosa stiamo misurando con questo strumento e qual è il suo livello di affidabilità.

Che cos’è lo studio di bioimpedenza?

Qualche tempo fa, gli operatori sanitari si sono resi conto di due fatti fondamentali che incidono sulla salute della popolazione:

  1. Il primo è che, nonostante la grande inerzia sociale che comporta, il peso da solo non è un buon indicatore di salute, tranne in casi estremi.
  2. Il secondo fatto deriva dal primo: è la composizione corporea, la quantità relativa di massa grassa e massa magra, che condiziona realmente la salute, la funzionalità e l’estetica del paziente o cliente in questione.

Per questo motivo sempre più persone sono alla ricerca di strumenti utili e affidabili con cui misurare la propria composizione corporea, portando in secondo piano il classico IMC.

Bilancia Impedenziometrica

Bilancia Impedenziometrica.

Lo studio della bioimpedenza (BIA) è, quindi, il modo più semplice e più a casa per stimare la percentuale di grasso corporeo e massa muscolare.

Che cosa misura la bioimpedenza

Una scala di bioimpedenza misura la resistenza che una piccola, indolore e impercettibile corrente elettrica deve superare quando attraversa i diversi tessuti del corpo.

Questa resistenza è ciò a cui si riferisce il termine “impedenza”.

Ciò consente di differenziare due grandi sottotipi di tessuto: massa grassa e massa senza grasso.

Massa magra

La massa grassa, a causa del suo minor contenuto di acqua, è più densa del muscolo e quindi la corrente elettrica incontra una maggiore resistenza quando la attraversa.

Tutto ciò che non viene identificato come massa grassa da questa corrente elettrica è, quindi, massa magra.

Questa categoria (MLG) comprende diversi tessuti, come:

  • Muscolo (il più interessante);
  • Ossa; o
  • Tessuto connettivo (fasce, cartilagini, tendini).

La corrente utilizzata può essere singola frequenza (circa 50 kHz) o multifrequenza, quest’ultima più precisa (e costosa) perché consente una maggiore differenziazione tra i tessuti corporei.

Una volta emessa quella piccola corrente elettrica, il dispositivo integra quell’impedenza o resistenza con le informazioni personali dell’individuo: età, altezza e sesso.

Infine, ti fornisce le informazioni che stavi cercando: qual è la tua percentuale stimata di muscoli e grasso.

Quali grassi misura la bioimpedenza elettrica

La bilancia impedenziometrica non distingue tra diversi sottotipi di grasso.

Ad esempio, un problema comune che incontriamo è che non fa distinzione tra grasso viscerale e grasso sottocutaneo.

Questo è un po’ problematico, perché il grasso viscerale è quello che conferisce il maggior rischio cardiovascolare alla persona.

Grasso viscerale

Ovviamente non fa nemmeno distinzione tra altri sottotipi di grasso più specifici, come il grasso bruno o bruno, la cui percentuale relativa è molto bassa.

Se vogliamo fare una stima del grasso viscerale, dovremo utilizzare altre tecniche, come gli ultrasuoni, che ci consentono di stimare il grasso viscerale misurando il grasso pre-peritoneale.

Per chi è indicato?

Per chiunque può stimare la propria composizione corporea con una bilancia impedenziometrica.

L’unica controindicazione potrebbe ricadere sulle persone che indossano dispositivi biomedicali che dipendono dal rilevamento e dalla generazione di correnti elettriche, come i pacemaker.

In questo caso, le prove non sono chiare, quindi di solito si consiglia di non utilizzare questi dispositivi o di farlo sotto la supervisione di un professionista.

In ogni caso, se stai cercando di andare oltre il peso (e dovresti), e desideri un indicatore più affidabile della tua salute, acquista una bilancia di questo tipo, tra le tante in commercio, Potrebbe essere una buona scelta.

Perdere grasso. Bioimpedenza

Pensa che anche se la sua precisione non è eccellente, usarlo sempre rivelerà la tendenza a guadagnare, perdere o mantenere il grasso corporeo.

La bioimpedenza elettrica è anche ampiamente utilizzata dagli operatori sanitari nel campo della dietetica e della nutrizione clinica o sportiva, in quanto è un modo semplice, economico e facile per analizzare la composizione corporea dei pazienti.

La bioimpedenza è affidabile?

La stragrande maggioranza degli strumenti che misurano la composizione corporea e che sono disponibili al pubblico medio, ti permettono semplicemente di fare una stima della tua composizione corporea.

Metodi più precisi come l’analisi DEXA o MRI sono disponibili solo per progetti di ricerca o grandi cliniche e centri.

È anche possibile utilizzare la plicometria o la misurazione della piega, ma dipenderà ancora una volta da un professionista adeguatamente formato.

E perché non è esatta?

Il nostro corpo non è un elemento uniforme o simmetrico e ci sono anche alcuni fattori che possono condizionare il risultato della tua scala di bioimpedenza:

  • Età, altezza e sesso.
  • Etnia.
  • Attività fisica recente.
  • Posizione del corpo.
  • Livello di idratazione precedente.
  • Dove tendi a immagazzinare il grasso (esempio: viscerale vs sottocutaneo).
  • Gravidanza o momento del ciclo mestruale.

Consigli prima dello studio della composizione corporea

L’uso di una bilancia impedenziometrica elettrica per misurare la composizione corporea, come abbiamo visto, ha i suoi svantaggi.

Tuttavia, se non vai regolarmente da un nutrizionista o da un medico per monitorare i tuoi progressi per te, è una delle opzioni più praticabili per il pubblico medio, senza la necessità di spendere migliaia di euro.

Se hai deciso di misurare la tua composizione corporea con uno di questi dispositivi, questi suggerimenti potrebbero aiutarti:

  • Utilizza sempre lo stesso dispositivo, poiché c’è molta variabilità tra i marchi.
  • Utilizzare sempre la bioimpedenza contemporaneamente e nelle stesse condizioni (esempio: dopo essere andati in bagno, stessa posizione, digiuno, ecc…).
  • Non rimanere bloccato su piccole variazioni. Meglio, prendi la media settimanale come riferimento. Ciò eliminerà queste oscillazioni e stabilirà una tendenza più realistica.
  • Se pensi di avere un eccesso di grasso viscerale, usa anche altri indici, come il rapporto vita-fianchi, poiché la bioimpedenza elettrica può darti una percezione non realistica di “basso rischio”.
  • Ricorda che la percentuale di grasso corporeo è solo un indicatore in più e potrebbe non essere il più importante nel calcolo globale della tua salute.

Forza di presa. Bioimpedenza

Altri indicatori come la forza di presa, i livelli di energia o le prestazioni in palestra sono uguali o più importanti.

Se questo post ti è stato utile, non dimenticare di condividerlo con la tua comunità. Ci vediamo al prossimo post. Continuiamo a potenziare!

Voci Correlate

  • Indice di Massa Corporea (IMC) e l’Indice Vita-Fianchi (WHR), due diverse metodologie per misurare la nostra composizione corporea. Ti spieghiamo tutto in questo link.
  • Consigli per raggiungere il peso ideale cliccando qui.
Valutazione Bioimpedenza

Che cos'è - 100%

Funzionamento - 100%

Affidabilità - 100%

Raccomandazioni - 100%

100%

Valutazione HSN: 5 /5
Content Protection by DMCA.com
Su Borja Bandera
Borja Bandera
Borja Bandera è un giovane medico che si dedica all’area della nutrizione, esercizio e metabolismo, che combina con la sua attività clinica insieme alla sua vocazione divulgativa e di ricerca.
Vedi Anche
Consigli per Mantenere la Memoria Attiva
Consigli per Mantenere la Memoria Attiva

Se vuoi imparare molte strategie utili per potenziare e migliorare la tua memoria e concentrazione, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *