Determinanti fisiologici delle Alte Prestazioni nel Basket, come svilupparli?

Determinanti fisiologici delle Alte Prestazioni nel Basket, come svilupparli?

Il basket è uno sport di squadra di intensità intermittente, basato sulla ripetizione ciclica di giochi di attacco e di difesa e frequenti cambi di movimento. Periodi di attività ad alta intensità (sprint e ribaltamento) sono intervallati da periodi di intensità bassa o moderata (jogging, camminata o stare in piedi). Pertanto, esistono una serie di determinanti fisiologici per il basket.

Possiamo dire che è lo sport di squadra che esprime il maggior numero di salti di tutte le modalità sportive possibili, anche più della pallavolo.

Ok, abbiamo capito. Alleniamoci!

Quali sono le esigenze di allenamento di ogni giocatore di basket

Vuoi maggiori informazioni sul basket, le sue caratteristiche e quali integratori dovresti usare? Clicca sul link e leggi il post.

Primi dubbi sull’allenamento

Tuttavia, anche i migliori allenatori del mondo si scontrano con una delle seguenti domande:

  • Come devo preparare fisicamente i miei giocatori?
  • Il lavoro aerobico è più importante di quello anaerobico?
  • E come posso saperlo?
  • Preparazione fisica con la palla o senza palla?

Uff… 20 giri di campo per tutta la squadra!

Non preoccuparti… Che tu sia un giocatore amatoriale o professionista, l’allenatore di una squadra che compete a livello regionale o Eurocup; Ti spiego cosa ci dice l’analisi del gioco su questo sport.

Esigenze fisiche di un giocatore di basket

L’obiettivo? Che puoi sapere qual è la cosa più importante da sviluppare.

In questo modo, nei prossimi articoli potrò spiegarvi come migliorare gli aspetti critici che determinano la prestazione fisica di un giocatore.

Prima di iniziare a tirare fuori un aspetto così complesso, vorrei che tu, se sei un lettore non abituato all’analisi delle partite di basket, sapessi che lo scouting è un processo di analisi abbastanza pesante, e non è piacevole guardare tabelle su tabelle delle frequenze. Tuttavia, conoscere i determinanti fisiologici nel basket è importante.

Di solito ai giocatori vengono presentate risorse visive (schede, grafici e video), in modo che non perdano la testa con le analisi. Prometto di cercare di rendere l’articolo il più semplice e visivo possibile, all’interno dei limiti di questo tipo di analisi, ok?

Iniziamo!

Per consentirti di metterti nella situazione, abbiamo preparato un grafico su ciò che svilupperemo in seguito in un modo un po’ più ampio. Teorie ed esempi visivi ti accompagneranno in tutte le spiegazioni per renderlo il più esemplificato possibile.

Infografia Determinanti Fisiologici nel Basket

Per concludere questa introduzione c’è ancora una cosa da chiarire, relativa alle principali differenze tra le posizioni:

  • Le basi sono meno pesanti e più basse, sono quelle che hanno più resistenza e tollerano meglio la fatica; e sono quelli che saltano di più.
  • Nel caso dei centri, sono i più pesanti e più alti, sono quelli in grado di esercitare una forza più assoluta.
  • Infine, le ali piccole sono i giocatori più equilibrati, un punto intermedio tra playmaker e centro, che hanno bisogno di trarre il massimo vantaggio l’uno dall’altro. Giocatori versatili!

Profilo Antropometrico del giocatore di Basket

Prima di iniziare, è importante evidenziare quali sono le caratteristiche del corpo standard di un giocatore ad alte prestazioni.

Perché sì, ci sono standard ideali di altezza, peso, massa muscolare, età… per i concorrenti ad alte prestazioni in diversi sport. Alcune variabili hanno più peso o più omogeneità di altre, ma più ti allontani da esse, più straordinario è che raggiungi quel livello.

Caratteristiche antropometriche

Tabella I. Caratteristiche antropometriche che determinano l’andamento tra le divisioni. Il rosso è il peggiore e il verde è il migliore. Adattato da Ferioli et al. (2018)

La tabella sopra mostra le caratteristiche di età media, altezza in centimetri, peso corporeo e percentuale di grasso corporeo dei giocatori di Serie A, A2, B e D del campionato italiano di basket.

Antropometrie prestazioni

Figura I. Caratteristiche antropometriche che determinano la prestazione tra la 1° e la 4°a divisione. Più bassa è l’età, meglio è; Più alta è la statura, meglio è; Maggiore è il peso, meglio è; Più basso è il grasso, meglio è. Adattato da Ferioli et al. (2018)

A primo impatto 😉 possiamo vedere che ci sono diverse differenze significative di altezza e massa corporea. Anche nell’età, ma questo è inerente al livello di padronanza richiesto per giocare nella categoria più alta.

Più sei alto e più massa magra hai, più prestazioni esprimi nel basket. Sono determinanti fisiologici del basket.

Prestazioni tra i ruoli nel basket

Tabella II. Caratteristiche antropometriche che determinano le prestazioni tra i ruoli. Il rosso è il peggiore e il verde è il migliore. Adattato da Ferioli et al. (2018)

Ci sono anche differenze tra le posizioni, la più ovvia:

  • I playmaker sono 11 cm più bassi delle ali piccole, e 17 cm più bassi dei centri!
  • Sono anche più leggeri, possono arrivare a pesare 23 kg meno dei centri.

È anche logico vero? I playmaker, a causa del loro stile di gioco, devono essere giocatori più leggeri, mentre un centro può essere più grande.

Non confondiamo il centro con la figura del ‘5’, statura basso, pesante e goffo a cui è sempre stato associato. In queste divisioni non funziona così. Un centro ti lascerebbe a bocca aperta con le sue capacità di gestione della palla.

Quali caratteristiche fisiche differenziano un playmaker e un centro di basket?

La soluzione?

L’altezza è la variabile indipendente: se sei 1,90… non sarai un centro competitivo, purtroppo. Assicurati di migliorare la tua manovrabilità della palla! Il tuo ruolo, in caso di raggiungimento di alte prestazioni, sarai il playmaker.

Allenati e mangia in base alla tua altezza, cerca di raggiungere un peso corporeo vicino a quello espresso da un giocatore ad alte prestazioni. Per questo devi capire:

  • L’importanza dell’allenamento della forza.
  • La necessità di mangiare. I giocatori di basket non sono persone magre. Sono forti e devono mangiare. Ciò non significa aumentare di peso, poiché la percentuale di grasso espressa dai giocatori è in range normali: tra il 9 e il 14%. Devi prenderti cura della tua dieta assicurandoti di consumare abbastanza proteine e calorie al giorno, ma senza esagerare.

Profilo Fisiologico del giocatore di Basket

Passiamo ora alle caratteristiche delle capacità fisiche che un giocatore deve rispecchiare.

1. Potenza aerobica

I giocatori sono stati sottoposti a un Test Mognoni, forse suona familiare a qualche lettore, oppure no… È un test che definisce le condizioni fisiche di un atleta, così come il Test di Cooper.

Il Mognoni consiste nel correre per 6 minuti è un tapis roulant ad una velocità costante di 13,5 km/h.

Potenza aerobica tabella

Tabella III. Profilo della potenza aerobica che determina le prestazioni tra le divisioni. Il rosso è il peggiore e il verde è il migliore. Adattato da Ferioli et al. (2018)

La prima riga di valori si riferisce alla quantità di lattato (mmol/L) accumulata, mentre la seconda si riferisce alla frequenza cardiaca. Interpretare i dati è facile se conosci le basi fisiologiche della cardiologia, ma spiegarlo non è semplice o breve, quindi lo riassumerò:

  • Il cuore dei giocatori professionisti è più grande. Le loro cavità hanno più capacità, quindi deve battere meno volte al minuto per soddisfare le stesse richieste (in poche parole, ad ogni battito pompa più sangue).
  • La soglia aerobica è più alta nei giocatori professionisti; cioè sono in grado di sopportare uno sforzo più a lungo senza innescare il consumo di ossigeno e quindi aumentare il fabbisogno energetico (cioè sono in grado di mantenere una maggiore intensità aerobica e produrre meno fatica).

Potenza aerobica Basket

Figura II. Profilo di potenza aerobica che determina le prestazioni tra la 1° e la 4° divisione. Più basso è il lattato, meglio è; Più bassa è la FC, meglio è. Adattato da Ferioli et al. (2018)

Come puoi vedere, l’abilità di un giocatore di prima divisione contro un giocatore di seconda divisione è simile, quindi il fattore di differenziazione è l’abilità. D’altra parte, le capacità fisiche possono essere più rilevanti per raggiungere un punto di rendimento elevato. Una volta lì, non fanno grandi differenze poiché hanno tutti valori massimi molto simili.

Profilo potenza aerobica

Tabella IV. Profilo di potenza aerobica che determina le prestazioni tra le posizioni. Il rosso è il peggiore e il verde è il migliore. Adattato da Ferioli et al. (2018)

Capito? I playmaker sono meglio adattati cardiorespiratori rispetto alle ali piccole, e questi a loro volta rispetto ai centri. Anche in questo caso, non confondiamoci, è anche perché i centri pesano in media 20 kg in più e il loro tessuto muscolare ha una maggiore richiesta di sangue ossigenato.

Comunque sia, i playmaker sono più adattati e lo richiedono, quindi sono quelli che hanno bisogno di più sviluppo di questa capacità.

Massima potenza aerobica

Figura III. Profilo della potenza aerobica massima, misurando il VO2max relativo (asse Y) nel test BEST, tempo (asse X). Estratto da Laltzel et al. (2018)

Il consumo massimo di ossigeno dei giocatori di basket è 57,6 ml/kg/min. Il consumo massimo di ossigeno è la quantità massima di ossigeno che un organismo può utilizzare per chilogrammo e per minuto.

Per darti un’idea di quanto siano preparati fisicamente: il consumo massimo medio di ossigeno di un giocatore di hockey junior sano e attivo è di 54,4 ml/kg/min (Latzel, 2017). In altre parole, quello di un giocatore di basket è del 5,88% superiore alla media, il che in valori relativi fa molta differenza.

Per non dire che la loro tolleranza cardiaca allo sforzo è tremendamente alta. In un test massimo hanno raggiunto una media di 202 battiti al minuto, che in un soggetto addestrato è una frequenza cardiaca elevata; e una tolleranza a 9,1 mmol/L di lattato, un buon adattamento.

Dati che dimostrano che la preparazione fisica di un giocatore di basket è davvero impegnativa. Determinanti più fisiologici nel basket.

Quali altri allenamenti fisici ci possono eseguire nel basket?

La soluzione?

Corsa, nuoto, ciclismo… o sistemi di gioco continuo, dobbiamo migliorare la capacità dei nostri giocatori di mantenere un esercizio fisico di intensità moderata per lungo tempo.

Ad esempio, un sistema adatto potrebbe essere un classico allenamento continuo intensivo:

30-60’ di durata a 130-140 battiti al minuto

L’allenatore può decidere di portare i giocatori a correre o di fare sessioni più animate, con gestione della palla e modelli giocati. Dipende da cosa si vuole complicare nel design, perché i giocatori percepiscono un grande cambiamento a livello di motivazione tra le due manifestazioni dello stesso sistema.

Questo tipo di preparazione deve essere eseguito durante la pre-stagione

2. Capacità anaerobica

Capacità anaerobica test alta intensità intermittente

Tabella V. Profilo di capacità anaerobica che determina le prestazioni tra le divisioni. Il rosso è il peggiore e il verde è il migliore. Adattato da Ferioli et al. (2018)

Capacità anaerobica Basket

Figura IV. Profilo di capacità anaerobica che determina le prestazioni tra la 1° e la 4° divisione. Più basso è il lattato, meglio è; H + minore è il migliore, HCO3 maggiore è il migliore; Più bassa è la FC, meglio è. Adattato da Ferioli et al. (2018)

I risultati mostrano chiaramente che i professionisti hanno una capacità notevolmente maggiore di controllare i sottoprodotti metabolici della glicolisi anaerobica rispetto ai giocatori di 3° e 4° divisione.

Che cosa significa?

Quando aumentiamo l’intensità dell’esercizio fisico, il nostro corpo inizia ad aver bisogno di molta energia per poter soddisfare le richieste muscolari, e per questo attiva sistemi per l’ottenimento di alta densità e bassa energia capacità.

Come quella della glicolisi extramitocondriale, che produce rapidamente energia dalla degradazione del glucosio senza la presenza di ossigeno.

Processo di Glicolisi

Figura V. Rappresentazione grafica del processo di glicolisi (ricavare energia dal glucosio) in presenza (- intensità) e assenza (+ intensità) di ossigeno.

In questo processo, viene prodotto lattato che viene reintegrato nel glucosio nel ciclo cori (lo spiegheremo più avanti) e ioni idrogeno. Questi ultimi sono cationi che si accumulano all’interno delle cellule muscolari e abbassano il loro pH attraverso meccanismi biochimici che non hanno bisogno di essere spiegati.

Fino a quando le fibre muscolari perdono la capacità di contrarsi; e se non lo perdono, non preoccuparti, ti fermerai, perché…

Sai quella sensazione di bruciore che provi quando ti mettono su un equilibrio difensivo oscillante? Sono gli ioni di idrogeno che si accumulano.

Le concentrazioni di HCO3 sono anche inferiori nei giocatori di 4° divisione. Questa sostanza è il principale tampone nel nostro corpo. In altre parole, è la sostanza principale che è responsabile della rimozione degli ioni idrogeno che vengono prodotti. Meno HCO3 = Meno resistenza alla fatica.

Questo è il motivo per cui i giocatori di 4° divisione hanno tenuto il 21,74% in meno in un test simile al precedente rispetto ai giocatori di 1° divisione.

E nei ruoli, lo indovini? Esattamente!

Capacità anaerobica prestazioni per ruolo

Tabella VI. Profilo di capacità anaerobica che determina le prestazioni tra i ruoli. Il rosso è il peggiore e il verde è il migliore. Adattato da Ferioli et al. (2018)

I playmaker hanno una capacità maggiore rispetto alle ali piccoli, e queste sono superiori rispetto ai centri nel tollerare sforzi di carattere anaerobici.

La soluzione?

Lo sviluppo di questa manifestazione è complesso, poiché una raccomandazione generale non può essere data a tutti. Inoltre, non tutti gli atleti saranno in grado di manifestare la stessa intensità.

Ma anche se ridi di me… se sei un giocatore o un allenatore con una squadra qualificata, in pre-stagione (che io vi conosco) e dopo una preparazione generale per evitare danni… la realizzazione di WOD sullo stile CrossFit, che si caratterizzano per essere particolarmente duri (Murph, Chelsea, Frank…), sono un’opzione molto interessante.

Perché? A causa del profilo di attività e della motivazione che si risveglia nei giocatori.

3. Salto


Contrariamente a quanto può sembrare, i giocatori professionisti non saltano di più, ma meno rispetto ai giocatori della 4° divisione. Perché?

Test del salto contromovimento

Tabella VII. Capacità di salto e fattori determinanti, che determinano le prestazioni tra le divisioni. Il rosso è il peggiore e il verde è il migliore. Adattato da Ferioli et al. (2018)

Capacità di salto nel basket

Figura VI. Capacità di salto e fattori determinanti che determinano la prestazione tra 1° e 4° divisione. hCMJ più alto è, meglio è; PPO rel più alto è, meglio è; FP più è alto, meglio è; PPO Ab più alto è, meglio è; PF Ab più alto è, meglio è. Adattato da Ferioli et al. (2018)

Beh, non è molto chiaro, ma visto che la sua potenza di picco (PPO) e la forza di picco (PF) è più alta. Possiamo dedurre che semplicemente perché pesano di più, saltano meno; Sono anche più alti, quindi è possibile che siano disadattati poiché non richiedono salti di così tanta potenza per raggiungere le palle.

Capacità di salto

Tabella VIII. Capacità di salto e fattori determinanti, che determinano le prestazioni tra le posizioni. Il rosso è il peggiore e il verde è il migliore. Adattato da Ferioli et al. (2018)

Comunque, un CMJ da 50 cm (Counter-Movement Jump) è oltraggioso. Considera che l’altezza media di salto di un adolescente attivo abituato all’allenamento esplosivo è di 35,3 cm (Markovic et al., 2004). Sono ancora giocatori di basket professionisti, quindi sviluppare la loro capacità di salto verticale è una priorità dall’inizio della loro carriera sportiva.

Qual è la capacità di salto dei giocatori di basket?

La soluzione?

  • Lavoro Generale: sviluppo della forza dei muscoli della parte inferiore del corpo (curva di forza della velocità più verso l’alto).
  • Lavoro Specifico: sviluppo della forza in schemi di movimento specifici per la pallacanestro della parte inferiore del corpo, come la pliometria senza rimbalzi (curva forza-velocità più a destra). Migliorerà i determinanti fisiologici nel basket.

Curva di forza basket

Figura VII. Curva forza-velocità (asse Y – asse X) classica; la curva blu mostra un miglioramento della forza di base; la curva rossa mostra un miglioramento della potenza (capacità di esercitare forza ad alta velocità).

  • Lavoro Specializzato: Sviluppo della capacità reattiva del tendine di resistere agli urti e sfruttare l’energia elastica accumulata nel ciclo allungamento accorciamento.

Capacità reattiva nel basket

Figura VIII. Quando parliamo di “capacità reattiva” immagina che i tuoi tendini siano una molla. Una maggiore capacità di contrarsi e reagire, senza inibire o rompersi; più potenza esprimerai in un salto.

Si potrebbero analizzare molte altre variabili, come la percentuale di contributo dei sistemi energetici (in profondità), le distanze percorse in una partita, la frequenza cardiaca media delle partite, il tempo che i giocatori trascorrono in piedi, camminando, correndo, saltare; il numero di gesti, passaggi, lanci, la diminuzione di una qualsiasi di queste variabili man mano che il gioco procede, a seconda del sesso, del livello, della posizione…

Esistono articoli che analizzano tutto, magari un giorno parlerò più ampiamente di tutto questo, ma se lo facessi in questo articolo diventerebbe eterno. Questo è il motivo per cui per oggi finisco qui, ma presto scriverò su come sviluppare le capacità di cui ho discusso in questo articolo. Va bene?

Allenati duramente, mangia sano e riposa! Sarò di nuovo qui presto con contenuti più interessanti sul basket.

Bibliografia

Valutazione Determinanti Fisiologici nel Basket

Profilo Antropometrico - 100%

Profilo Fisiologico - 100%

Potenza aerobica - 100%

Capacità anaerobica - 100%

Salto - 100%

100%

Valutazione HSN: 5 /5
Content Protection by DMCA.com
Su Alfredo Valdés
Alfredo Valdés
Specialista in allenamento in fisiopatologia metabolica e in effetti biomolecolari dell’alimentazione e esercizio fisico, vi parlerá nei suoi articoli del complesso mondo della nutrizione sportiva e clinica, in modo semplice e con senso critico.
Vedi Anche
Guida di allenamento per il baske: centro
Guida di Allenamento di Basket per il Ruolo di Centro

Un centro è ruolo con il profilo più corpulento sul campo da basket. Nella sua …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *