Zinco e aumento del testosterone

Zinco e aumento del testosterone

Le carenze di zinco sono comuni al giorno d’oggi e ancora poche persone sono coscienti del fatto che questo nutriente è imprescindibile per godere di una buona salute

Cos’è lo Zinco?

Lo zinco è un minerale essenziale, cioè non è sintetizzato dal nostro corpo, è necessario per l’attività metabolica di 300 enzimi del corpo ed è considerato essenziale per la divisione cellulare e la sintesi del DNA e delle proteine. Questi enzimi sono coinvolti nel metabolismo delle proteine, carboidrati, grassi e alcool. Lo zinco ha il compito di regolare la produzione delle cellule T o linfociti, la funzione epatoprotettiva e il supporto per la salute della prostata. E’ essenziale per il corretto mantenimento dell’organo riproduttivo.

Fabbisogno giornaliero

Il fabbisogno giornaliero o la Recommended Daily Allowance (RDA) di Zinco per la gente in generale è di 10mg, secondo la Normativa 2008/100/CE 28 di Ottobre del 2008.

Come prendere Zinco?

Le fonti di zinco offrono quantità adeguate di questo minerale, ma se al contrario, tali alimenti non abbondano nella nostra dieta, l’opzione sarà quella di scegliere una integrazione con zinco. Le dosi standard di zinco variano di solito fino a 10mg, tuttavia, a seconda di fattori quali l’età, l’attività fisica, o anche la fonte di zinco disponibile (forniscono zinco insieme a un cofattore di assorbimento, in misura maggiore o minore), possiamo arrivare ad ingerire dosi di 45 mg alla nostra dieta, se presentiamo una possibile carenza.

Integratori di Zinco

Deficit di Zinco

Molti atleti presentano carenza di zinco poichè questo minerale si perde facilmente con la traspirazione. Quando esiste una carenza di zinco, la capacità di equilibrare certi ormoni, incluso il testosterone, si vede diminuita, cosa che impedisce un progresso ottimale nella salute e negli sforzi per aumentare la massa muscolare.

Importanza dello Zinco

A cosa serve lo Zinco?

  • È un fattore critico per la crescita dei tessuti,
  • Cicatrizzazione di ferite,
  • Crescita e mantenimento del tessuto connettivo,
  • La funzione del sistema immunitario,
  • La produzione di prostaglandine,
  • La mineralizzazione ossea,
  • La funzione appropriata della tiroide,
  • Coagulazione del sangue,
  • Le funzioni cognitive,
  • La crescita fetale,
  • La produzione di testosterone e sperma.

Zinco per rinforzare il sistema immunitario

Benefici dello Zinco

Supporto al sistema immunitario

Un vantaggio importante dello zinco, senza propositi fitness o estetici, è sulla salute, e in particolare, sul rafforzamento del sistema immunitario. Il nostro sistema immunitario è la prima linea di difesa contro possibili infezioni, malattie o altri agenti esterni dannosi. Pertanto, se siamo in grado di mantenere la funzione di questo sistema in condizioni ottimali, vi è meno rischio di soffrire di qualsiasi tipo di patologie o malattie. Le carenze di zinco vanno contro la produzione di globuli bianchi, che sono le cellule che il nostro corpo genera per proteggerlo dalle aggressioni esterne.

Ambiente ormonale

Lo zinco promuove la corretta produzione e secrezione di ormoni, dove si trovano: testosterone, IGF-1 fattori di crescita, ormone della crescita, fornendo un ambiente anabolizzante ormonale, perché questi ormoni sono direttamente legati ai processi di crescita, riparazione e rigenerazione dei tessuti che formano l’organismo.

In questo senso, con un livello ormonale equilibrato, non solo permetteremo ai nostri muscoli di essere più efficienti durante l’allenamento, ma anche la nostra capacità di recuperare sarà influenzata positivamente, riducendo in questo caso i periodi di recupero tra una sessione e l’altra.

zinco testosterone

Sensibilità all’insulina

Lo zinco è coinvolto anche nel miglioramento dell’effetto dell’insulina, in termini di migliorare il suo comportamento, aumentando la sensibilità all’insulina dei tessuti. L’insulina viene rilasciata dal pancreas per regolare i livelli di glucosio nel sangue quando entra nel flusso sanguigno; in questo modo, lo zinco può legarsi all’insulina, adattando le quantità necessarie e permettendo all’energia di raggiungere le cellule corrispondenti sotto forma di glucosio.

Lo zinco supporta anche l’ambiente cellulare riducendo l’infiammazione, che si tradurrà in un miglioramento dei recettori del glucosio in queste cellule.

Fertilità e supporto alla prostata

Oltre all’impatto sui livelli ormonali, lo zinco ha dimostrato anche di aiutare il corpo a produrre spermatozoi sani, aumentando il suo numero e la mobilità. Lo zinco può essere molto utile anche nel trattamento e per prevenire alcuni problemi di prostata. Con l’avanzare dell’età, la prostata cresce spesso in modo naturale (iperplasia benigna) e può comprimere l’uretra e causare la necessità di urinare frequentemente, oltre ad altri problemi di salute. Gli uomini con questo problema spesso hanno bassi livelli di zinco, per cui prendere un integratore di zinco può risolvere e migliorare questo problema.Zinco produzione ormonale

Riposo notturno

Lo zinco permette di ottenere un sonno migliore e più profondo, che si traduce in un maggiore sensazione di riposo. Questo perché il minerale è in grado di agire sul metabolismo della melatonina, l’ormone noto come l’ormone del riposo. D’altra parte, lo zinco interviene anche nella regolazione dei neurotrasmettitori, in particolare la dopamina, che influenza la funzione cognitiva, l’umore, la concentrazione e la chiarezza mentale.

Zinco e l’Aumento del Testosterone

Cos’è il Testosterone?

Il testosterone è il principale androgeno o ormone sessuale maschile, anche se si riscontra in entrambi i sessi. È classificato come uno steroide anabolizzante, ed è prodotto nelle gonadi. Il picco massimo di testosterone si raggiunge durante l’adolescenza e l’età adulta. In seguito, la sua produzione tende a diminuire, raggiungendo in alcuni casi livelli molto bassi.

Il testosterone è uno degli ormoni più importanti nella costruzione della massa muscolare e per rendere le ossa dure. E ‘responsabile dei tratti sessuali, che sono ovviamente molto più pronunciati negli uomini. Bassi livelli di testosterone negli uomini sono noti come ipogonadismo. Le donne, anche se a loro volta secernono testosterone, lo fanno su scala molto più piccola.

Zinco e Funzione Ormonale

Deficit di Testosterone

Quando si hanno problemi di testosterone, o a causa del passare del tempo, e la produzione non è la stessa come in passato, si verificano alcuni sintomi: per un individuo con bassa produzione di testosterone sarà più difficile generare massa muscolare, oltre a presentare bassi livelli di energia, di umore e di libido.

Lo zinco può prevenire la funzione eccessiva di un enzima nel corpo chiamato aromatasi, che è responsabile della conversione del testosterone in estrogeni. L’elevata presenza di estrogeni, dovuta all’attività anomala di questo enzima, porta a sua volta alla soppressione della produzione di testosterone inibendo l’ormone luteinizzante rilasciato dalla ghiandola pituitaria. Questo processo può diventare ciclico e produrre effetti avversi, come la ritenzione idrica sottocutanea, maggiore facilità ad accumulare grasso, o la perdita di massa muscolare.

Zinco per aumentare il Testosterone

Mediante l’apporto di zinco (sia attraverso l’alimentazione, che tramite le proprietà degli integratori) si possono regolare i livelli ormonali attraverso:

  • La riduzione dell’attività dei recettori di estrogeni e l’inibizione dell’enzima aromatasi
  • L’aumento della produzione dell’ormone tiroideo
  • La riduzione della capacità di unione del testosterone con le proteine trasportatrici SHBG (Globulina Fissatrice degli Ormoni Sessuali) e albumina
  • L’aumento dei livelli dell’ormone Diidrotestosterone (DHT) e il testosterone libero

Alimenti Ricchi in Zinco

Come prima cosa dobbiamo migliorare la nostra dieta ed incorporare nutrienti provenienti da alimenti che costituiscono fonti di zinco come:

  • Carni e organi,
  • Uova,
  • Frutti di Mare (in particolare le ostriche),
  • Sgombro,
  • Germe di grano,
  • Lievito di birra,
  • Semi di zucca,
  • Cereali fortificati.

Nonostante solamente il 20-30% dello zinco contenuto negli alimenti venga effettivamente assorbito dall’organismo, è importante includere questi alimenti nella nostra dieta. Aggiungere questi cibi alla nostra alimentazione (alcuni dei quali presentano una aggiunta supplementare di elementi importanti, come nel caso dei cereali fortificati), apporterà proprietà benefiche, così come diversi minerali ed elementi che favoriranno la nostra salute.

Effetti Collaterali dello Zinco

Come abbiamo visto, lo zinco è un elemento che è ampiamente utilizzato attraverso l’integrazione per ottenere le quantità necessarie a godere delle sue proprietà. Se assunti secondo le raccomandazioni, gli integratori di zinco contribuiranno a migliorare la nostra salute da diverse prospettive: funzione immunitaria, equilibrio ormonale, funzione riproduttiva…. L’aggiunta di questo minerale alla nostra alimentazione in caso di deficit, sarà un ottimo modo per garantirne la presenza e la disponibilità. Tuttavia, se superiamo le dosi richieste, possono verificarsi alcuni problemi o effetti collaterali sulla nostra salute.

Fra gli effetti collaterali potremmo citare:

  • Problemi gastrointestinali: indigestione, bruciore di stomaco, mal di testa e/o crampi addominali. Si può consumare con un piccolo pasto per alleviare questi problemi, e, naturalmente, regolare la dose. In questo caso, optando per le migliori formule assorbibili si eviterebbero elevate quantità di zinco.
  • Riduzione della funzione immunitaria: ironicamente, avrebbe l’effetto opposto ai benefici attesi se ingerissimo zinco in dosi elevate.
  • Diminuzione del senso del gusto e dell’olfatto: in alcuni casi, è stato segnalato questo effetto. Durante il periodo di integrazione con zinco, alcune persone hanno la sensazione di un gusto metallico in bocca, e può anche cambiare il gusto e l’odore degli alimenti. Questi effetti collaterali scompaiono nel giro di poche ore.
  • Carenza di ferro e rame: questo fenomeno si verifica perché lo zinco compete con il rame per il suo assorbimento nell’organismo. Per cui, se tra questi due minerali vi è un’alta presenza di zinco, si produce uno squilibrio nei livelli di rame, causando alcuni rischi: riduzione dei globuli bianchi, infezioni, problemi alla pelle e anche osteoporosi. La carenza di minerali come il ferro può causare anche anemia, affaticamento o pallore della pelle.
Con cosa combinare lo zinco

Con cosa combinare lo Zinco

Il miglior modo di correggere una carenza di zinco è attraverso l’integrazione. Abbiamo due importanti opzioni per fare ciò:

ZMA

Lo ZMA è uno stupendo integratore, che include Zinco + Magnesio, e normalmente un cofattore di assorbimento, in questo caso è normalmente la vitamina B6. Si prende prima di andare a dormire a stomaco vuoto.

Scopri l’opinione dei nutrizionisti ed esperti sullo ZMA, clicca qui

Stack per Aumentare il Testosterone

Una combinazione di integratori con zinco per aumentare il testosterone endogeno in modo naturale, sarà ingerire al giorno:

    • 25-45mg di Zinco
    • 1-2g di Fienogreco
    • 3g di Acido Aspartico
Se vuoi approfondire di più su cos’è l’acido aspartico, clicca qui

Post Correlati

Valutazione Zinco

Migliora lo stato d'animo - 89%

Favorisce il riposo notturno - 92%

Supporto al recupero muscolare - 93%

Aumento della libido - 88%

Riduzione di raffreddori e infezioni comuni - 90%

90%

Valutazione HSN: 4.5 /5
Content Protection by DMCA.com
Su Melanie Ramos
Melanie Ramos
Attraverso il Blog HSN, Melanie Ramos espone le conoscenze e i contenuti più attuali, alla portata dei lettori che vogliano imparare.
Vedi Anche
Quali funzioni svolge il potassio nel nostro organismo?
Potassio – Il minerale che regola i battiti del cuore

Il potassio è un minerale essenziale che si trova nel corpo ed è particolarmente importante …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *