VRN o Valori Nutritivi Di Riferimento: che cosa sono e per cosa vengono utilizzati?

VRN o Valori Nutritivi Di Riferimento: che cosa sono e per cosa vengono utilizzati?

Quando leggiamo la tabella delle informazioni nutrizionali di un alimento, compaiono solitamente alcune cifre chiamate “% VRN *”, indicando alla fine della tabella che VRN significa: “* Valori Nutritivi di Riferimento”. Queste cifre sono indicate in riferimento a diverse vitamine e minerali che fanno parte dei nutrienti che questi alimenti forniscono e sono indicate in percentuale in relazione a suddetti Valori Nutritivi di Riferimento

Cosa significano i VRN che compaiono sulle etichette degli alimenti?

Oggi parleremo in questa voce di questi termini e di altri simili che troviamo nell’etichettatura nutrizionale e proveremo a chiarire alcuni dubbi su di essi.

Etichettatura Prodotti

Definizione dei VRN

La definizione dei VRN fornita dal Codex Alimentarius FAO/OMS nelle sue “Linee guida per l’etichettatura nutrizionale” è:

”Sono un insieme di valori numerici basati su dati scientifici e vengono utilizzati ai fini dell’etichettatura nutrizionale e delle indicazioni pertinenti.”

A cosa Servono i VRN

Questi valori numerici sono stati calcolati in linea di principio per stabilire le assunzioni di riferimento di nutrienti nella popolazione generale (persone di età superiore a 36 mesi) da utilizzare nell’etichettatura nutrizionale degli alimenti e quindi aiutare i consumatori quando calcolano il contributo relativo di diversi nutrienti all’assunzione totale di alimenti sani e anche in modo che possa essere utilizzato come un modo per confrontare il contenuto di nutrienti tra diversi prodotti.

Etichettatura Nutrizionale e Sanitaria

Valori Nutritivi di Riferimento calcolati da diverse Organizzazioni

Questi valori numerici, oltre ad essere stati calcolati dalla FAO/OMS e utilizzati in molti paesi, sono stati calcolati anche da agenzie scientifiche di molti governi o organizzazioni sovranazionali che hanno stabilito i propri Valori di Riferimento di Nutrienti per i quali sono già stati presi in considerazione fattori specifici di un paese o di una regione e che influenzano l’assorbimento dei nutrienti, l’uso che se ne fa o il fabbisogno nutritivo di detta popolazione.

È il caso, ad esempio, dell’Unione europea o degli Stati Uniti. Allo stesso modo, negli ultimi anni è stata studiata la definizione di valori di riferimento indipendenti per l’etichettatura degli alimenti per segmenti specifici della popolazione generale (per neonati, bambini da uno a tre anni, donne in gravidanza, ecc…).

Codex Alimentarius

Il Codex Alimentarius1 fornisce nelle già citate “Linee guida per l’etichettatura nutrizionale”, adottate nel 1985 e riviste e modificate in molte occasioni, quella attuale è quella del 2016, una tabella con i “Valori di riferimento di Nutrienti – Bisogni “(VRN-N). Questi si riferiscono a VRN basati sui livelli di nutrienti della popolazione, per differenziarli da altri VRN che vengono anche discussi, associati al rischio di ridurre le malattie non trasmissibili legate alla dieta (VRN-NCD). Questa tabella NRV-N riflette questi valori per un elenco di vitamine e minerali, oltre alle proteine.

Unione europea

Nell’Unione europea, questi Valori Nutritivi di Riferimento sono regolati dal Regolamento (UE) 1169/20112 sulle informazioni alimentari fornite al consumatore. Nel presente Regolamento figurano nel suo Allegato XIII quelli in esso denominati ”Assunzioni Giornaliere di Riferimento”, sia per i micronutrienti (vitamine e minerali) sia per l’energia e diversi macronutrienti (grassi totali, acidi grassi saturi, carboidrati totali, zuccheri, proteine e sale).

Quando si fa riferimento a vitamine e minerali, i Regolamenti danno a queste Assunzioni Giornaliere di Riferimento il nome di Valori Nutritivi di Riferimento o VRN, sicuramente per seguire la terminologia usata dalla FAO/OMS nel citato Codex Alimentarius e, d’altra parte, quando si fa riferimento alle assunzioni giornaliere di riferimento per energia e macronutrienti, il regolamento le chiama semplicemente assunzioni di riferimento (IR)

Esempio di Informazioni Nutrizionali su un Integratore Alimentare in Europa

Esempio Informazione Nutrizionale Europa

Stati Uniti

Negli Stati Uniti viene utilizzata la cosiddetta assunzione giornaliera di riferimento o assunzione giornaliera di riferimento o dose giornaliera raccomandata (RDI)4, che è il livello di assunzione giornaliera di un nutriente che è considerato sufficiente per soddisfare i requisiti del 97-98% degli individui sani in tutti i dati demografici negli Stati Uniti.

L’RDI viene utilizzato per determinare il valore giornaliero (DV) degli alimenti, che è stampato sulle etichette dei valori nutrizionali (come % del valore giornaliero,% Daily Value) negli Stati Uniti e in Canada. Nel 2016 la Food and Drug Administration (FDA) ha pubblicato nuovi elenchi di valori della RDI, che dovrebbero iniziare ad essere utilizzati dai grandi produttori a partire da luglio 2018.

Esempio di Informazione Nutrizionale di un Integratore Alimentare negli Stati Uniti

Esempio Informazione Nutrizionale negli Stati Uniti

Tabella VRN secondo le diverse Organizzazioni

Nella seguente tabella possiamo vedere le differenze tra gli elenchi dei valori di riferimento dei nutrienti per vitamine e minerali dell’Unione europea, degli Stati Uniti (i valori prima della modifica del 2016 e quelli attuali) e della FAO/OMS.

Valori Nutritivi di Riferimento per l’EtichettaturaUnione europea (VRN)Stati Uniti d’America (RDI)FAO/OMS (VRN-N)
Vecchi RDI (prima del 2016)Nuovi RDI (dopo il 2016)

Vitamine

Vitamina A (μg RAE o RE)800900900800
Vitamina D (μg)510 (400 IU)205
Vitamina E (mg)1213,6 (30 IU)15 (33 IU)
Vitamina C (mg)806090100
Vitamina K (μg)758012060
Tiamina (Vit. B1) (mg)1,11,51,21,2
Riboflavina (Vit. B2) (mg)1,41,71,31,2
Niacina (Vit. B3) (mg EN)16201615
Vitamina B6 (mg)1,421,71,3
Folato (μg EDF)200400400400
Vitamina B12 (μg)2,562,42,4
Pantotenato (mg)61055
Biotina (μg)503003030

Minerali

Potassio (mg)2000
Cloruro (mg)80034002300
Calcio (mg)800100013001000
Magnesio (mg)375400420310
Ferro (mg)14181814 – 22
Zinco (mg)10151111 – 14
Fluoruro (mg)3,5
Cromo (μg)4012035
Iodio (μg)150150150150
Rame (μg)10002000900900
Selenio (μg)55705560
Manganese (mg)222,33
Molibdeno (μg)50754545
Fosforo (mg)70010001250700

Come puoi vedere, in molti casi troviamo differenze nei valori nutritivi di riferimento

Differenze di etichettatura

Vitamine

In alcune di esse ci sono differenze importanti come nel caso della vitamina D o dei folati ad esempio (che in Europa sembrano troppo bassi rispetto a quelli di Stati Uniti e FAO/OMS), di cui bisogna tenere conto quando si legge un’etichetta. Americana o europea.

Dosi Giornaliere

Un’altra differenza nell’indicare questi valori è che mentre in Europa questi valori VRN devono essere indicati negli integratori alimentari per dose giornaliera, negli Stati Uniti i valori % giornalieri negli integratori alimentari sono indicati da “Quantità Per Porzione” di prodotto (size per serving), che è la quantità massima consigliata per ogni assunzione, non la dose giornaliera (che coincide solo quando c’è una sola assunzione giornaliera).

Quantità

Nel resto degli alimenti che non sono integratori alimentari, vengono indicati i valori nutritivi di riferimento, qui in Europa, per ogni 100ml o 100gr di alimento, sia liquido che solido, ed eventualmente, per porzione di prodotto.

Differenze Etichettatura

Storia dei VRN nell’Unione europea

Informazioni sui nutrienti

Il Regolamento (UE) 1169/2011 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 ottobre 2011 sulle informazioni alimentari fornite al consumatore include nel suo allegato XIII le Assunzioni di riferimento per gli adulti del valore energetico e di alcuni nutrienti: grassi totali, acidi grassi saturi, carboidrati, zuccheri, proteine, sale, vitamine e minerali.

Uso dei VRN

Questi VRN di vitamine e minerali del regolamento (UE) 1169/2011 sono gli stessi valori che compaiono nella direttiva 2008/100/CE5 che ha modificato la direttiva 90/496/CEE6, relativo all’etichettatura delle proprietà nutritive dei prodotti alimentari. Ma in queste Direttive questi valori di riferimento erano chiamati “Quantità Giornaliere Raccomandate” (CDR). Poiché tali Direttive sono state abrogate dal Regolamento UE 1169/2011, la designazione dei CDR per i valori di riferimento di vitamine e minerali non è più in vigore e deve essere utilizzato il VRN del Regolamento.

La modifica del nome ha a che fare con la necessità di evitare che siano intese come raccomandazioni di quantità giornaliere da parte dei consumatori e siano viste solo come riferimento, poiché dette quantità giornaliere dipenderanno davvero da molti variabili individuali che non vengono prese in considerazione nel loro calcolo (età, sesso, situazioni particolari come gravidanza, tipo di lavoro, situazione sanitaria, ecc…).

La Direttiva 2008/100/CE si è basata sui Valori Dietetici di Riferimento stabiliti dal Comitato Scientifico per la Nutrizione Umana (SCF) dell’UE nel 2003 al fine di modificare le CDR stabilite nella Direttiva 90/496/CE per alcuni nutrienti e introdurre nuovi CDR per alcuni nutrienti che non erano precedentemente disponibili.

Aggiornare i valori

Poiché questi valori CDR sono gli stessi che appaiono nel regolamento attuale come valori VRN, significa che questi valori non sono stati modificati almeno dal 2003, essendo stati in alcuni casi obsoleti, quindi un sarebbe consigliabile aggiornamento dello stesso dai valori di riferimento stabiliti negli ultimi anni dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) per vitamine e minerali7.

Indicazioni Nutrizionali e Indicazioni sulla Salute Alimentare

Un altro aspetto importante da considerare è la relazione tra questi valori VRN e le indicazioni nutrizionali e sulla salute8,9 che possono essere fatte negli alimenti che incorporano queste vitamine e minerali e che compaiono su molte etichette di prodotti alimentari.

Che cos’è una Dichiarazione Nutrizionale?

Una “Dichiarazione Nutrizionale” è un’affermazione che indica, suggerisce o implica che un alimento abbia specifiche proprietà nutritive benefiche, come: ”Fonte di vitamina C”, “Senza grassi” o “Senza zuccheri aggiunti”

Che cos’è una Dichiarazione di Proprietà Sanitarie?

Una ”Dichiarazione delle proprietà sanitarie” è una dichiarazione che afferma, suggerisce o implica che esiste una relazione tra una categoria di cibo, un alimento o uno dei suoi componenti e la salute, come : ”La vitamina C contribuisce alla normale formazione del collagene per il normale funzionamento della cartilagine” oppure “Il selenio contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario”

Quando si possono utilizzare?

Le indicazioni nutrizionali e sulla salute sono regolamentate nell’Unione europea e possono essere utilizzate nell’etichettatura e nella pubblicità dei prodotti alimentari solo se sono autorizzate e compaiono negli elenchi delle dichiarazioni autorizzate dall’Unione.

Che cos’è la Quantità Significativa e in che modo Influisce sull’Etichettatura?

Per poter fare una dichiarazione nutrizionale del tipo “Fonte di: (vitamina o minerale)” o una dichiarazione di proprietà salutare come le precedenti, l’alimento deve contenere almeno una ”quantità significativa” di quella vitamina o minerale.

La definizione di ”Quantità Significativa” è ottenuta anche dal Regolamento UE 1169/2011, che indica come quantità significativa un valore del 15% dei VRN forniti per 100gr o 100ml nei prodotti diversi dalle bevande e negli alimenti costituiti da una singola porzione e un valore del 7,5% dei VRN forniti per 100 ml nel caso delle bevande. Sebbene non indicato, negli integratori alimentari resta inteso che questi valori del 15% o 7,5% devono essere raggiunti per dose giornaliera, che è il modo per indicare le quantità e i VRN di vitamine e minerali in detti prodotti

Per altre indicazioni nutrizionali o sulla salute la quantità di vitamine e minerali deve essere superiore a questa “quantità significativa” come, ad esempio, l’indicazione nutrizionale “Alto contenuto di: (vitamina o minerale)” per cui è necessaria il doppio della quantità significativa di questi nutrienti.

Integratori Alimentari

Livelli Massimi Tollerabili di Assunzione (UL)

Infine, vorrei parlarti di altri valori relativi a vitamine e minerali che reputo importanti e che dovresti conoscere, i ”Livelli massimi tollerabili di assunzione” o “Tolerable Upper Intake level”, o più conosciuto come UL.

Che cos’è il Livello Massimo Tollerabile di Assunzione?

L’UL è il livello più alto di assunzione di una sostanza nutritiva in cui non sono probabili effetti nocivi per la salute nella maggior parte degli individui nella popolazione generale. Cioè, a valori superiori a questo UL, si possono osservare effetti negativi sulla salute in alcuni individui, quindi non è consigliabile superare questi valori.

L’effetto negativo sulla salute utilizzato per determinare l’UL varia da nutriente a nutriente. Ad esempio, l’effetto avverso identificato per la niacina è il rossore del viso o per i sali di magnesio è la diarrea.

Come viene stabilito l’UL?

Non tutte le vitamine e i minerali hanno UL. In alcuni casi questo valore non è stato stabilito. Gli UL vengono impostati quando è disponibile una serie di dati scientifici solidi. Se i dati scientifici sono limitati (ovvero, se gli studi sono insufficienti o gli studi non sono conclusivi), non viene stabilito un UL. Pertanto, è importante capire che se non esiste un UL per un nutriente può significare che è sicuro a tutti i livelli o che non ci sono studi sufficienti.

Ipervitaminosi

Quindi, fai attenzione alle megadosi di alcune vitamine e minerali che compaiono in alcuni integratori alimentari, poiché possono superare questi valori UL ed essere dannosi per la salute. L’eccesso di vitamine può portare a ipervitaminosi che a seconda della vitamina può manifestarsi come lesioni a carico del fegato, disturbi della pelle, ulcere o disturbi gastrointestinali. Allo stesso modo, l’eccesso di minerali può portare a disturbi come danni al fegato, calcoli renali, ipercalcemia o diarrea.

Principio di Precauzione

Sebbene i valori massimi e minimi di vitamine e minerali negli integratori alimentari non siano ancora stati regolamentati nell’Unione europea, i prodotti commercializzati che contengono valori superiori a questo UL vengono solitamente ritirati dal mercato dalle amministrazioni sanitarie in base al “Principio di Precauzione” per evitare tali rischi per la salute nei consumatori causati da questi prodotti e apparire frequentemente negli elenchi di allerta del sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi dell’Unione europea (RASFF)10.

I valori UL sono stati determinati nell’Unione europea prima dall’SCF (2000-2003) e poi dall’EFSA (2004-2005). Sono stati valutati gli UL delle 13 vitamine (oltre al B-carotene) e dei 20 minerali (tra cui boro, silicio, nichel, vanadio e stagno), assegnando loro o meno un UL. Questi UL sono stati compilati nel 2006 dall’EFSA. Nel 2012, gli UL per la vitamina D e il calcio11 sono stati nuovamente rivisti.

Assunzione Giornaliera Vitamine e Minerali

Tabella UL di Vitamine e Minerali

In questa tabella ti allego i valori di questi UL giornalieri dettati dall’EFSA nell’Unione Europea (UE) e quelli determinati dalla Food and Nutrition Board, Institute of Medicine, National Academies of the United States of America (EUA)12:

MineraliUL (UE) Livello Massimo/AdultoUL (EUA) Livello Massimo/Adulto (17-70 y.)
Boro, Ac. Borico e Borati10 mg20 mg
Calcio2500 mg2500 mg
Cloruro3,6 g
Rame5 mg10 mg
Cromo
Fluoruri7 mg10 mg
Fosforo4 g
Ferro45 mg
Magnesio (Sali dissociabili)250 mg350 mg
Manganese11 mg
Molibdeno0,6 mg2 mg
Potassio
Selenio300 µg400 µg
Silicio
Sodio2,3 g
Iodio600 µg1100 µg
Zinco25 mg40 mg
Nichel1 mg
VitamineUL (UE) Livello Massimo/AdultoUL (EUA) Livello Massimo/Adulto (17-70 y.)
Acido folico/Folato1 mg1 mg
Acido pantotenico
Biotina
NiacinaAc. Nicotinico 10 mg (Non include E o L); Nicotinamide 900 mg (Non include E o L)35 mg
Vitamina A (Retinolo ed esteri del Retinolo)3000 µg; Postmenopausia 1500 µg3000 µg
Vitamina B1
Vitamina B2
Vitamina B625 mg100 mg
Vitamina B12
Vitamina C2000 mg
Vitamina D100 µg100 µg
Vitamina E300 mg1000 mg
Vitamina K
Colina3,5 g

Come puoi vedere, esistono anche differenze nei valori calcolati per questi UL tra gli Stati Uniti e l’Unione Europea (in generale, valori UL più alti sono apprezzati negli Stati Uniti rispetto all’Unione Europea), a causa di diverse metodologie di calcolo e ai diversi livelli di precauzione da adottare in ogni sito.

Perché i Valori UL sono Superiori ai VRN?

Normalmente questi valori UL sono molto più alti dei valori VRN, poiché alcuni rappresentano valori dai quali si possono già ottenere effetti avversi e gli altri sono i livelli considerati come assunzione giornaliera di riferimento. Ma se guardi, non è sempre così e in alcuni casi specifici i valori UL sono addirittura inferiori ai VRN, cosa molto strana, come nel caso del magnesio (UL = 250 mg; VRN = 375 mg), oppure nel caso della niacina nella sua versione come acido nicotinico (UL = 10 mg; VRN = 16 mg). Ma ogni cosa ha la sua spiegazione:

Magnesio

Nel caso del magnesio, ciò è dovuto al fatto che i valori UL si riferiscono solo al magnesio che viene ingerito negli integratori alimentari (sotto forma di sali di magnesio), poiché è stato dimostrato che questi sali di magnesio possono produrre effetti avversi lassativi in questi consumatori a livelli che in Europa sono stati stabiliti a 250 mg/giorno.

D’altra parte, il magnesio organico che viene ingerito direttamente in quegli alimenti che lo contengono naturalmente non produce questi effetti negativi. Pertanto, quando consumiamo magnesio come parte degli integratori alimentari (che si presentano sotto forma di sali di magnesio) dobbiamo stare attenti a non superare questa dose giornaliera di 250 mg/giorno, in modo da non avere questi effetti negativi lassativi. Il resto dell’assunzione di riferimento per il magnesio dovrebbe essere assunto in alimenti normali che contengono naturalmente detto minerale.

Niacina

Nel caso della niacina, questa spiegazione è perché questa vitamina sotto forma di acido nicotinico produce un effetto di vasodilatazione e arrossamento (arrossamento della pelle) quando si assumono dosi superiori a 10 mg/giorno di questa sostanza e che non vengono prodotti quando la niacina viene consumata come nicotinamide. In un integratore alimentare, la sostanza è stata utilizzata per fornire niacina (acido nicotinico, nicotinamide o inositolo esanicotinato) per la sua fabbricazione deve essere indicata nell’elenco degli ingredienti in etichetta.

E questo è tutto. Spero che tu abbia apprezzato queste informazioni sui VRN

Bibliografia

    1. El Codex Alimentarius o “Código alimentario” fue establecido por la FAO y la Organización Mundial de la Salud en 1963 para elaborar normas alimentarias internacionales armonizadas, que protegen la salud de los consumidores y fomentan prácticas leales en el comercio de los alimentos
    2. http://www.fao.org/fao-who-codexalimentarius/sh-proxy/en/?lnk=1&url=https%253A%252F%252Fworkspace.fao.org%252Fsites%252Fcodex%252FStandards%252FCAC%2BGL%2B2-1985%252FCXG_002s.pdf
    3. Reglamento (UE) nº 1169/2011 del Parlamento Europeo y del Consejo, de 25 de octubre de 2011, sobre la información alimentaria facilitada al consumidor y por el que se modifican los Reglamentos (CE) nº 1924/2006 y (CE) nº 1925/2006 del Parlamento Europeo y del Consejo, y por el que se derogan la Directiva 87/250/CEE de la Comisión, la Directiva 90/496/CEE del Consejo, la Directiva 1999/10/CE de la Comisión, la Directiva 2000/13/CE del Parlamento Europeo y del Consejo, las Directivas 2002/67/CE, y 2008/5/CE de la Comisión, y el Reglamento (CE) nº 608/2004 de la Comisión Texto pertinente a efectos del EEE (DO L 304 de 22.11.2011, p. 18/63)
    4. https://en.wikipedia.org/wiki/Reference_Daily_Intake
    5. Directiva 2008/100/CE de la Comisión, de 28 de octubre de 2008, por la que se modifica la Directiva 90/496/CEE del Consejo, relativa al etiquetado sobre propiedades nutritivas de los productos alimenticios, en lo que respecta a las cantidades diarias recomendadas, los factores de conversión de la energía y las definiciones (Texto pertinente a efectos del EEE) (DO L 285 de 29.10.2008, p. 9/12)
    6. Directiva 90/496/CEE del Consejo, de 24 de septiembre de 1990, relativa al etiquetado sobre propiedades nutritivas de los productos alimenticios (DO L 276 de 6.10.1990, p. 40/44)
    7. García Gabarra A., Castellà Soley M. y Calleja Fernández A. Ingestas de energía y nutrientes recomendadas en la Unión Europea: 2008-2016. Nutr. Hosp. 2017; 34(2):490-498
    8. Reglamento (CE) 1924/2006, del Parlamento Europeo y del Consejo, de 20 de diciembre de 2006, relativo a las declaraciones nutricionales y de propiedades saludables en los alimentos. DOCE L 12, 18.1.2007 (corrección de errores), pp. 3-18
    9. Reglamento (UE) nº 432/2012 de la Comisión, de 16 de mayo de 2012 , por el que se establece una lista de declaraciones autorizadas de propiedades saludables de los alimentos distintas de las relativas a la reducción del riesgo de enfermedad y al desarrollo y la salud de los niños Texto pertinente a efectos del EEE (DO L 136 de 25.5.2012, p. 1/40)
    10. https://ec.europa.eu/food/safety/rasff_en
    11. http://www.aecosan.msssi.gob.es/AECOSAN/docs/documentos/seguridad_alimentaria/gestion_riesgos/UL_Vitaminas_Minerales_2.pdf
    12. http://www.nationalacademies.org/hmd/Activities/Nutrition/SummaryDRIs/DRI-Tables.aspx
Valutazione VRN Valori Nutritivi di Riferimento

Informazioni Semplici - 100%

Confrontare Prodotti - 100%

Regolare Nutrienti della Dieta - 100%

Mantenere Livelli di Salute - 100%

100%

Valutazione HSN: 5 /5
Content Protection by DMCA.com
Su Melanie Ramos
Melanie Ramos
Attraverso il Blog HSN, Melanie Ramos espone le conoscenze e i contenuti più attuali, alla portata dei lettori che vogliano imparare.
Vedi Anche
Amino Spiking: come identificarlo?
Amino Spiking Che cos’è e Come Identificarlo È Davvero una Proteina del Siero di Latte

Se hai già abbastanza esperienza nel mondo degli integratori, potrebbe non sorprenderti, ma se ancora …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *