Nutrizione negli Anziani

Nutrizione negli Anziani

Sei anziano? Questo è ciò che dovresti sapere sulla tua dieta: Nutrizione negli Anziani.

Vi diciamo come affrontare l’alimentazione e come un adulto più anziano dovrebbe mangiare.

Invecchiare in modo sano

Un aspetto bello della nutrizione, sia a livello clinico che sportivo, è che varia molto in base al momento della vita a cui facciamo riferimento.

Per impostazione predefinita, quando parliamo di alimentazione ci rivolgiamo al pubblico adulto, ma un gruppo di popolazione sempre più ampio, gli anziani, ha raccomandazioni che sono molto diverse da quelle di un adulto di mezza età.

Nessuno di noi sfuggirà al passare del tempo, ma un invecchiamento sano implica fare cose diverse rispetto a quanto fa la maggior parte della popolazione occidentale attualmente.

Così come la nostra fisiologia non è la stessa al mattino come la notte, non è la stessa nell’infanzia e nell’ultima fase della vita.

Invecchiare in modo sano

Il tempo modifica la nostra fisiologia.

Quali cambiamenti fisiologici si sviluppano con il passare del tempo?

Meno fabbisogno energetico, più sostanze nutritive

Esiste un’alta prevalenza di gastrite atrofica oltre i 60 anni.

Ciò riduce la produzione di acido gastrico e l’assorbimento di nutrienti come B12, folico, beta-caroteni, ferro e calcio (Russell, 2001).

Certo, il semplice fatto di essere anziani aumenta o meno la prevalenza di altri disturbi digestivi, che possono causare deficit nell’assorbimento di macro e micronutrienti (SIBO, patologia neoplastica, interventi chirurgici, trattamenti antibiotici prolungati, etc.).

Minore fabbisogno energetico, più nutrienti

Con l’avanzare dell’età, il nostro dispendio energetico giornaliero totale diminuisce.

Ciò è dovuto a lievi ma continue diminuzioni del nostro BMR (tassa metabolismo basale), del dispendio energetico derivante dall’attività fisica e dall’esercizio fisico.

Tuttavia, per i motivi che abbiamo appena menzionato e altri che menzioneremo in seguito, c’è una maggiore necessità di alcuni micronutrienti.

Di quale cibo hanno bisogno gli anziani?

Che è più importante che mai mangiare cibi densi dal punto di vista nutritivo.

In altre parole, cerca consapevolmente che il rapporto NUTRIENTI/CALORIE sia alto.

Raggiungiamo questo obiettivo mangiando il 90% di cibi non processati o buoni cibi processati: verdura, frutta, legumi, noci, carne, pesce, uova.

Nutrienti di qualità

Alcuni nutrienti che sono difficili da coprire negli anziani sono il calcio, la vitamina D e la B12.

Gli alimenti trasformati sono un male per gli anziani?

Tuttavia, questa raccomandazione, che è corretta per un profilo di un anziano sano, può essere qualificata negli anziani con patologie.

In questo senso, il fabbisogno energetico aumenta e l’iporessia e altri fattori possono rendere molto difficile includere cibi non trasformati o buoni trasformati in quantità sufficiente.

Questo, nonostante molti, lascia la porta aperta per includere alcuni processi che forniscono energia e sono facili da consumare.

Esistono (molte) situazioni in cui è preferibile evitare una malnutrizione proteico-calorica che avanza a marcia forzata utilizzando cibi che non sarebbero classificati come sani.

Alimenti

Ciò che è perfetto, ancora una volta, può essere nemico del bene.

Vorrei che tutta la nostra popolazione fosse abituata ai porridge d’avena o toast con avocado a colazione, ma la realtà è completamente diversa. Tuttavia, in questo post troverai ottimi esempi per la colazione.

Perché gli anziani perdono massa muscolare?

Un adulto perde, mediamente, un 3-8% di massa muscolare ogni decade dopo i 30 anni (English & Paddon-Jones, 2010).

Un dato allarmante…

Ma è anche vero che l’adulto medio non si allena, o non si allena adeguatamente. Ciò significa che queste cifre possono essere notevolmente ridotte al minimo.

Inoltre, puoi investire e aumentare la massa muscolare al di sopra di tale soglia di età. Il problema è che è qualcosa che non consideriamo nemmeno.

Questa perdita di massa muscolare, forza e funzione è chiamata rispettivamente SARCOPENIA, KRATOPENIA e DINAPENIA e comporta un aumento del rischio di cadute, un deterioramento della qualità della vita e un aumento del rischio di morte per qualsiasi causa.

È un’altra epidemia silenziosa e meno evidente di altre, come l’obesità.

Perché si verifica la Resistenza Anabolica?

Sembra che una persona anziana debba essere debole e fragile, ma in realtà non è così.

Da alcuni fenomeni, tra gli altri, viene prodotta la Resistenza Anabolica:

  • Minor quantità di ormoni anabolizzanti (principalmente testosterone e GH);
  • Minore densità capillare;
  • Maggiore inattività o minore numero di cellule satellite nel miocita;

C’è una risposta anabolica inferiore nel muscolo a una certa concentrazione di amminoacidi.

In breve, costa di più generare muscoli a parità di stimolo e rispetto ad altre fasi vitali.

Questo può essere corretto con due azioni molto importanti in qualsiasi adulto più anziano:

Perché gli anziani hanno bisogno di consumare più proteine?

Almeno 1,2 g/kg di peso corporeo.

In caso di malattia cronica (a seconda della patologia), potrebbe essere necessario fino a 1,5 g/kg di peso.

Tutti i pasti dovrebbero contenere proteine: dividere l’assunzione in boli di 0,4 g/kg di peso corporeo.

Frullati di Proteine

Questo è molto impegnativo per l’adulto più anziano, soprattutto a colazione.

Quindi, l’integrazione in questo gruppo di popolazione (dove generalmente non è considerata) è di particolare interesse. Le proteine del siero di latte sono quasi più importanti nei nostri anziani che nei punti di forza della palestra.

Un integratore proteico, come la Whey Protein, è un modo semplice per aumentarne la quantità senza troppe difficoltà: possono essere aggiunte a caffè, latte o yogurt senza modificare la loro sapore o consistenza, purché si parli di sapori neutri. Qui troverai altre ricette con la Whey Protein.

Altri modi per arricchire piatti più elaborati con proteine sono l’aggiunta di albumi, uova tritate, tonno, soia strutturata, ecc.

Quanto devono allenarsi gli anziani?

  • Almeno 3-4 volte a settimana.
  • Alla ricerca di uno stimolo adatto e di un principio di progressione. Idealmente con monitoraggio professionale.

Esercizi negli anziani

Evitare di “rendere fragili gli anziani” è una priorità.

Perché gli anziani smettono di mangiare?

Con l’avanzare dell’età si verificano anche alterazioni degli ormoni che regolano la fame e la sazietà.

L’esempio più chiaro è la diminuzione dei livelli di grelina (Di Francesco et al., 2008).

Quando i nostri anziani dicono che non hanno fame, c’è un substrato fisiologico dietro che giustifica questa affermazione.

Problemi di dentizione, che di solito vengono trascurati.

Durante i miei anni di pratica ho visto pazienti che mangiavano solo biscotti e latte per problemi di questo tipo.

Alimenti Processati

È più frequente di quanto pensi.

Disturbi dell’umore

La solitudine è un’altra pandemia e colpisce particolarmente la popolazione anziana.

Pensare che la fisiologia e la psicologia siano separate è uno dei più grandi errori in Medicina.

Minor senso del gusto e dell’olfatto: il declino del resto degli organi e dei sistemi è accompagnato da un declino sensoriale.

Farmaci concomitanti

Non dimentichiamo quanto siano pluri-medicati i nostri adulti più anziani. La maggior parte dei farmaci che usiamo frequentemente riduce il nostro appetito.

Comorbilità

La prevalenza di patologie è molto più alta, come previsto, in questa popolazione.

Nel caso della patologia neoplastica, ad esempio, aumenta il dispendio energetico giornaliero totale riducendo l’appetito.

Questo è il motivo per cui la cachessia cancerosa è un problema di prim’ordine negli ospedali.

Come curare la perdita di appetito negli anziani?

Cerca snack nutrienti ed energetici, come frutta secca o burro di noci, e prova a mangiarli più o meno frequentemente. Come abbiamo detto, gli integratori proteici in formato shake possono essere molto utili.

E, naturalmente, non mischiare gli strumenti.

In questo caso (paziente anziano + patologia grave) il digiuno intermittente non è una buona idea, perché stiamo cercando di aumentare l’apporto energetico, non di ridurlo.

Obesità

Nel caso dell’anziano con obesità o sovrappeso, potrebbe essere uno strumento da considerare.

Come trattare la disidratazione negli adulti più anziani?

Il nostro corpo è composto al 60% da acqua e abbiamo bisogno di essere ben idratati per rimanere in salute.

Durante l’età adulta, i nostri osmorecettori, situati nel cervello, funzionano perfettamente, quindi possiamo fidarci della nostra sensazione di sete.

Cioè, berremo ciò di cui abbiamo bisogno.

Tuttavia, con l’avanzare dell’età, questi recettori diventano meno sensibili ai cambiamenti nell’osmolalità del sangue e non ci danno un preavviso sufficiente. Siamo più inclini alla disidratazione.

Idratazione neli Anziani

Fai uno sforzo consapevole per bere acqua durante il giorno.

Conclusioni

I cambiamenti fisiologici generati dal passare del tempo devono essere accompagnati da raccomandazioni appropriate.

La nutrizione clinica e sportiva deve adattarsi alla persona e ai suoi bisogni, e nel caso degli anziani questi sono molto diversi.

L’aumento del fabbisogno energetico e proteico rende l’integrazione uno strumento utile in questa popolazione, sebbene la società non sia ancora preparata o abituata a usarla in modo generalizzato.

Tra pochi decenni un quinto della popolazione avrà superato i 60 anni, quindi i commenti nell’articolo saranno sempre più importanti.

Un abbraccio grande e al prossimo post!

Bibliografia

  1. Di Francesco, V., Fantin, F., Residori, L., Bissoli, L., Micciolo, R., Zivelonghi, A., Zoico, E., Omizzolo, F., Bosello, O., & Zamboni, M. (2008). EFFECT OF AGE ON THE DYNAMICS OF ACYLATED GHRELIN IN FASTING CONDITIONS AND IN RESPONSE TO A MEAL. Journal of the American Geriatrics Society, 56(7), 1369–1370.
  2. English, K. L., & Paddon-Jones, D. (2010). Protecting muscle mass and function in older adults during bed rest. In Current Opinion in Clinical Nutrition and Metabolic Care (Vol. 13, Issue 1, pp. 34–39). NIH Public Access.
  3. Russell, R. M. (2001). Factors in aging that effect the bioavailability of nutrients. Journal of Nutrition.

Voci Correlate

  • Raccomandazioni di Esercizi in Anziani. Visita questo link.
  • Ti svegliamo dei Trucchi per Perdere Peso dopo i 50… Clicca qui.
Valutazione Nutrizione negli Anziani

Caratteristiche anziani - 100%

Importanza calorie di qualità - 100%

Problemi con la massa muscolare - 100%

Consigli efficaci - 100%

Conclusioni - 100%

100%

Valutazione HSN: 5 /5
Content Protection by DMCA.com
Su Borja Bandera
Borja Bandera
Borja Bandera è un giovane medico che si dedica all’area della nutrizione, esercizio e metabolismo, che combina con la sua attività clinica insieme alla sua vocazione divulgativa e di ricerca.
Vedi Anche
Come combattere la sarcopenia
Che cos’è la Sarcopenia e Come Combatterla?

La sarcopenia un processo degenerativo che colpisce la massa muscolare e, quindi, è di vitale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *