Come sapere se il tuo Colesterolo va bene

Come sapere se il tuo Colesterolo va bene

Questo post servirà per farti capire se sai se il tuo Colesterolo rientra nei valori corretti

Ancora molte persone vivono nel timore di avere il colesterolo alto, una paura quasi sempre infondata.

Ma non bisogna avere paura del colesterolo anche se è alto, perché è imprescindibile per il corretto funzionamento del nostro organismo

Tutto è iniziato per uno studio totalmente distorto

Non mi dilungherò molto sull’origine di questo falso mito del colesterolo cattivo, ma bisogna sapere che tutto ha avuto inizio con il patologo tedesco Rudolph Virchow che rilevò ingrossamenti nelle arterie delle persone che sottoponeva ad autopsia e li attribuì, dal nulla, a un ammasso di colesterolo.

Successivamente, il fisiologo Ancel Keys pubblicò l’articolo intitolato Seven Countries Study che è diventato la base di questo mito e che si basava in uno studio che relazionava il consumo di grassi saturi con la malattia cardiaca coronaria.

In realtà, lo studio era truccato dato che, dei 22 paesi dello studio, sono stati usati solo i 7 che davano risultati a sostegno di tale affermazione, perché analizzando tutti i paesi non è stata riscontrata alcuna correlazione.

Studio sul colesterolo

Molti medici dell’epoca si beffarono di uno studio così distorto e mal formulato, ma Ancel Keys era membro del comitato della American Heart Association, e fece valere i propri contatti per promuovere la raccomandazione di ridurre i grassi saturi, e da lì è iniziato questo inganno, molto ben sfruttato dalle case farmaceutiche per introdurre statine a destra e a manca e guadagnare così miliardi di dollari.

È incredibile che a causa di questo studio senza senso sia stato costruito il grande affare del secolo XX, che continua con ottimo successo in questo secolo XXI, sostenuto dal consenso medico per interesse personale e assecondato dalla maggior parte dei sanitari per paura di non rispettare le disposizioni mediche, pur sapendo che si tratta di una truffa

Studi che smontano la teoria del colesterolo cattivo

Da anni parlo della grande truffa del colesterolo, di fatto, da 4 anni

Nel periodo in cui scrivevo per il blog di Vitónica avevo raccolto una serie di studi sulla grande bugia del colesterolo cattivo (2,3); si trattava di post molto polemici e mi marchiarono come allarmista, ma gli studi li avevano realizzati altri medici, non io, e io avevo semplicemente raccolto e divulgato le conclusioni di molti studi per dimostrare che ci stavano ingannando.

E ogni giorno appaiono nuovi studi che smontano la teoria del colesterolo cattivo, studi realizzati da professionisti medici bravi che non ricevono sovvenzioni da nessun marchio, non come molti studi che vedevano una relazione diretta fra colesterolo e malattia coronarica ed erano finanziati da grandi case farmaceutiche.

Non ha senso dover dimostrare chi ha un vero interesse in questa malattia inventata: chi ha un minimo di senso comune capisce che le uniche a trarre beneficio da tutto ciò sono le case farmaceutiche, e nel caso in cui questa malattia non esista, solo smettono di guadagnarci loro

Il primo problema è il consenso medico

Capisco perfettamente il personale medico che segue il consenso medico, è normale che preferiscano seguire gli orientamenti emessi dall’alto invece di fare ricerca e aggiornarsi e così commettere magari un errore; immagino che pensino: “io faccio quello che mi viene detto e me ne lavo le mani”, e quindi statine per tutti.

Consenso medico e colesterolo

Ciò non li classifica come cattivi professionisti, dato che la medicina non è matematica e si basa sulla statistica, e se “dall’alto” è stato deciso che bisogna dare una pastiglia a chi ha un colesterolo totale di 200 (anche se quelli che decidono sono i direttori di grandi case farmaceutiche) gliela si dà e basta.

Ma non si possono neanche chiamare bravi professionisti, no?

Essere un buon professionista

Un buon professionista è chi ricerca, si documenta e si aggiorna, chi dubita quando ha motivi di dubitare, chi non accetta le cose superficiali, chi quando vede tanti studi che confermano che non esiste una relazione diretta fra colesterolo alto e problemi coronarici non dice: “sarà perché qualcuno con tanti soldi ha finanziato questo studio”, perché la verità e che mi piacerebbe sapere chi sarebbe interessato a pagare uno studio di questo tipo con il quale non trae alcun beneficio economico, ma che è inteso ad aiutare la realtà nuda e cruda.

Il buon professionista ha imparato e scoperto che le malattie cardiovascolari hanno origine infiammatoria e non sono dovute ad alti livelli di colesterolo nel sangue.

Sa che i veri colpevoli sono:

  • zucchero,
  • sovrappeso,
  • cortisolo,
  • radicali liberi,
  • grassi trans,
  • sedentarismo,
  • alcol,
  • stress,
  • tabacco…

Sa anche che abbassare il colesterolo con le statine ha molti effetti dannosi per la salute

Ci dimentichiamo quindi di controllare il colesterolo?

A volte traiamo conclusioni rapide che possono essere affrettate per la nostra salute

E una di essere sarebbe lasciare da parte il colesterolo nelle analisi, ma è chiaro che non serve controllare il colesterolo totale, e ancora meno il colesterolo LDL, chiamato il colesterolo cattivo, il che è senza senso perché una molecola non può essere buona o cattiva… come se un globulo rosso potesse essere buono o cattivo.

Colesterolo HDL y LDL

L’unica questione per saper interpretare se esiste un rischio di malattia cardiovascolare secondo le analisi è non concentrarsi solo sul colesterolo, ma guardare una serie di valori e calcolare se tale rischio è reale o semplicemente un valore in più in analisi del sangue di routine.

La prima cosa da sapere è che il colesterolo LDL (che è un valore senza importanza usato solo per “vendere” statine) che appare nelle tue analisi non è reale, dato che, siccome è piuttosto caro analizzarlo, si prende il colesterolo totale e si sottraggono il colesterolo HDL e i trigliceridi.

Quindi, se hai i trigliceridi bassi, il tuo colesterolo LDL sarà più alto e se hai i trigliceridi alti è davvero grave (dato che essi indicano generalmente un eccesso di zuccheri e carboidrati raffinati nella dieta, che diventano grassi nel fegato la mediante la De novo lipogenesi epatica)

Valore più reale dell’LDL

Come abbiamo detto, la maggioranza dei laboratori calcola direttamente i trigliceridi e il colesterolo, mentre il colesterolo LDL viene calcolato indirettamente mediante una equazione matematica denominata di Friedewald che risale al 1972 e che è inesatta quando i trigliceridi superano 400mg/dL o non raggiungono i 100 mg/dl, sopravvalutando i risultati ottenuti.

Esiste una formula dell’anno 2008 conosciuta come l’«Equazione iraniana» ( LDL = TC/1.19 + TG/1.9 – HDL/1.1 – 38 (mg/dL) che corregge gli errori di Friedewall basandosi su un modello di regressione lineare, offrendo valori molto più vicini a quelli reali per chi presenta valori bassi di trigliceridi

Sulla pagina web “Me gusta estar bien” puoi stimare meglio il tuo LDL immettendo il tuo colesterolo totale, il colesterolo HDL e i trigliceridi e vedrai che ti dà un valore più basso, ad esempio, ecco le mie ultime analisi del sangue e i relativi valori:

Valori del Colesterolo

Come si vede, ho il colesterolo totale “alle stelle”, è conseguenza di seguire una dieta chetogenica, ma i trigliceridi sono bassi e il colesterolo HDL alto e quindi appare un LDL molto alto.

Se usiamo la formula iraniana mi risulta un LDL di 171, un po’ più basso ma comunque alto secondo il binomio “consenso medico e grande bugia del colesterolo”, ma in realtà non sono preoccupata perché il mio profilo lipidico è perfetto (come vedremo a breve), quella preoccupata è solo la mia endocrinologa, che mi ha consigliato di assumere statine, cosa che evidentemente ho rifiutato di fare.

Mi ha anche suggerito di smettere di mangiare tanti grassi saturi, altra cosa che mi sono rifiutata di fare, ed evidentemente mi ha chiesto per favore di smettere di fare chetosi dato che soffrendo di diabete di tipo 1 posso cadere in una chetoacidosi, il che non è successo nelle 5 settimane che ho provato a stare senza mangiare carboidrati.

Ma di questo parlerò nel post «Chetosi vs chetoacidosi: l’esperienza di un diabetico»

Come sapere se hai un buon profilo lipidico?

Se hai letto fino a qui ti sarà chiaro che il colesterolo LDL non sarà molto utile, ma che dobbiamo concentrarci sul colesterolo HDL e sui livelli di trigliceridi

Ma siccome il valore dei trigliceridi è inversamente collegato al livello di HDL e, essendo il valore dei trigliceridi più fluttuante e quello dell’HDL più stabile, sarà l’HDL il valore più attendibile di tutti nelle analisi del sangue; cioè, un HDL basso ci dirà che abbiamo trigliceridi alti e viceversa.

Test per il Colesterolo

Rapporto CT/HDL

Quindi, dato che l’HDL è un indicatore indiretto stabile ma molto attendibile del livello di trigliceridi, il modo migliore di sapere se hai un buon profilo lipidico è dividere il Colesterolo Totale per il Colesterolo HDL; secondo gli studi, se il risultato è inferiore a 4,5 ciò indica che hai un buon profilo lipidico.

Nel mio caso ho un Colesterolo Totale di 297 mg/dl (perfettamente normale), con un HDL di 73 mg/dl, il mio quoziente CT/HDL è pari a 4,07, totalmente salutare

Avere trigliceridi inferiori a 100 mg/dl mi indica che il mio colesterolo LDL è A, sottotipi 1 e 2, di particola grande, che è un colesterolo totalmente inoffensivo, (non come i tipi 3, 4 e 5, chiamati Small Dense, che sì sarebbero dannosi.

Trigliceridi/HDL

Un altro dei rapporti che si possono studiare e analizzare per sapere se il profilo lipidico è quello corretto è dividere i trigliceridi per il colesterolo HDL, il cui risultato, secondo gli studi, deve essere inferiore a 2.

Nel mio caso sarebbe dividere 50 per 73, uguale a 0,68

Nota che se il tuo colesterolo complessivo è di 195, con un HDL di 28, trigliceridi di 109, avresti un LDL di 58, sembrerebbe tutto corretto, ma questo rapporto Trigliceridi/HDL sarebbe 3,89, molto superiore al 2 raccomandato. Tutto perché i trigliceridi sono molto alti per un colesterolo molto basso.

LDL/HDL

E un terzo rapporto studiato deve essere inferiore a 4,3 per indicare un profilo lipidico corretto e risulta dalla divisione fra i due colesteroli: LDL (con la formula iraniana) per l’HDL.

Stando alle mie analisi attuali sarebbe dividere 172 per 73, con un risultato di 2,35, anche usando il colesterolo calcolato nell’analisi di 214 mi risulta un rapporto di 2,93, molto lontano dal massimo indicato a 4,3

Conclusioni

Pertanto, non mi devo assolutamente preoccupare del mio colesterolo:

  • il mio HDL è alto,
  • i miei trigliceridi sono bassi,
  • sono una persona che si allena quotidianamente,
  • la mia % di grasso è inferiore al 12%,
  • non ho precedenti di problemi coronari in famiglia,
  • non fumo,
  • non bevo,
  • cerco di non avere uno stress elevato…

Il fatto che il destino sia capriccioso o che la genetica mi causi una malattia cardiovascolare è un’altra storia, ma non avrà niente a che fare con il colesterolo.

E tu, sai davvero se i tuoi rapporti rientrano nella norma? Calcolali e non farti ingannare dalla grande truffa del colesterolo

Fonti

  1. El colesterol es nuestro amigo Blog: La meteo que viene Autor: Jorge García-Dihinx Villanova Pediatra Hospital San Jorge de Huesca Año: 2018
  2. La gran mentira del colesterol malo (I). Vitónica. Autor: David Díaz Gil Año: 2015
  3. La gran mentira del colesterol malo (y II). Vitónica. Autor: David Díaz Gil Año: 2015

Articoli correlati

Valutazione Livelli corretti di Colesterolo

Rapporto CT/HDL - 100%

Trigliceridi/HDL - 100%

LDL/HDL - 100%

100%

Valutazione HSN: 5 /5
Content Protection by DMCA.com
Su David Diaz Gil
David Diaz Gil
In ognuno dei suoi geniali articoli, è depositata l’essenza dell’esperienza oltre al rigore scientifico, così come viene attribuito a David Díaz Gil.
Vedi Anche
microbiota e obesità
La chiave per sconfiggere l’Obesità è il Microbiota?

Lo studio del microbiota è stata un’enorme sorpresa per il settore scientifico, fino al punto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.